Home / Economia / La politica e la sfida del lavoro in epoca di intelligenza artificiale

La politica e la sfida del lavoro in epoca di intelligenza artificiale

Come il governo potrebbe rispondere al futuro del lavoro

Contento attraente giovane donna d’affari con badge in piedi a colleghi neri e dandogli consigli con documenti mentre analizza le informazioni durante la pausa della conferenza

Gli sviluppi realizzati in un’ampia gamma di tecnologie hanno causato una notevole costernazione su quale sarà il futuro del lavoro. Alcuni temono che vaste fasce di lavoro saranno automatizzate, mentre altri (me compreso) credono che troveremo ancora lavoro da fare in futuro, ma ciò richiederà forse un adattamento maggiore di quello che abbiamo mai subito.

Lo stato giocherà senza dubbio un ruolo importante in questo processo, quindi un nuovo documento di McKinsey è interessante in quanto delinea alcuni dei modi in cui i governi possono rispondere ai cambiamenti in atto sul posto di lavoro.

“In questo rapporto sul ruolo dei governi nell’adattamento al futuro del lavoro, descriviamo i potenziali vantaggi di un’interruzione tecnologica, discutiamo della gestione attiva delle transizioni della forza lavoro per evitare di creare uno scenario di perdita-perdita (o vittoria-sconfitta) e fornire una struttura che i governi possano utilizzare per sviluppare una road map per una transizione vantaggiosa per tutti ” , afferma McKinsey.

Cambiamento positivo

Lungi dalle previsioni apocalittiche di molti, McKinsey crede che la nuova ondata di tecnologie avrà un impatto sociale ed economico positivo, ma esorta i responsabili politici a non dare questo impatto per scontato. Non dovrebbero essere considerati osservatori passivi mentre si svolge questo futuro, poiché saranno attori cruciali per garantire che i benefici della quarta rivoluzione industriale siano ampiamente diffusi.

Il rapporto evidenzia come l’adozione di successo delle tecnologie digitali potrebbe essere responsabile fino al 60% della crescita della produttività entro il 2030, con l’IA da sola che contribuisce in gran parte a questo. Ciò rispecchia la percezione che ho sollevato in un articolo precedente , che la tecnologia è effettivamente cruciale per la creazione di posti di lavoro, semplicemente perché svolge un ruolo così importante nell’aumento della produttività.


Ci sono comprensibili preoccupazioni sul fatto che questo futuro sarà positivo per tutti, tuttavia, e McKinsey cita un recente sondaggio su oltre 100.000 persone in 29 paesi, che ha mostrato che la sicurezza del lavoro era la più grande preoccupazione economica per il futuro. Ciò pone tre sfide centrali alla porta del governo che deve affrontare per garantire che il futuro sia buono per tutti.

  1. Modifica dei requisiti di abilità

Vi sono crescenti richieste non solo di nuove competenze tecniche, ma anche di una gamma crescente di competenze trasversali affinché gli esseri umani possano lavorare efficacemente insieme alle nuove tecnologie e anche per mantenere la rilevanza in un mondo in cui il loro lavoro principale può essere automatizzato.

Ciò che è abbondantemente chiaro è che le persone non possono riposare sugli allori e presumere che le competenze manterranno una lunga durata. McKinsey suggerisce che fino al 14% delle persone potrebbe aver bisogno di cambiare occupazione entro il 2030, con questa cifra potenzialmente più alta nelle economie avanzate con una maggiore adozione della tecnologia. Fornire la formazione e lo sviluppo a questo tipo di scala non è mai stato raggiunto prima e ci sono pochi esempi di ciò che viene fatto anche a un livello più piccolo. È una sfida enorme da affrontare per i governi, ma non è l’unica.

  1. Crescente disuguaglianza

Una seconda grande sfida è la disuguaglianza che non solo guida i disordini sociali, ma è stata una forza centrale dietro lo sconvolgimento politico che è evidente nel mondo sviluppato. Sebbene il risultato esatto sia ovviamente poco chiaro, molti credono che la tecnologia possa aggravare la disuguaglianza, non da ultimo perché darà un premio sempre maggiore alle competenze avanzate, mentre allo stesso tempo diminuirà il valore delle competenze inferiori.

Questo, unito alla velocità divergente con cui le persone possono adattarsi alle interruzioni, significa che il divario tra coloro che possono adattarsi e coloro che non possono è destinato a crescere sempre più. Dato lo sconvolgimento politico a cui stiamo già assistendo, questa promette di essere una sfida importante per i governi da affrontare nei prossimi anni.

  1. Una reazione contro la tecnologia

L’evidenza è chiara che i politici non hanno paura di trovare capri espiatori per i mali delle società che assicurino che qualsiasi colpa non sia posta alla loro porta. Nel recente passato questa colpa è ricaduta ai piedi dei migranti, ma ci sono molte prove storiche di contraccolpi contro la tecnologia che sta causando così tante interruzioni.

Dato il ruolo che la tecnologia sta giocando nel guidare la crescita della produttività, è probabile che i governi siano riluttanti a soccombere a questa paura, ma se la ribellione luddista non deve ripetersi, è importante che le lezioni vengano apprese dal passato.

Sostenere il cambiamento
Allora cosa possono fare i governi per aiutare a superare queste sfide? Il rapporto fornisce quattro raccomandazioni chiave, attraverso le quali i governi possono svolgere un ruolo chiave nel garantire che i cambiamenti portati dalla quarta rivoluzione industriale siano positivi per tutti gli aspetti della società.

  1. Supportare e abilitare l’adozione della tecnologia

La tecnologia promette di portare enormi vantaggi in termini di produttività alla società, ma l’adozione rimane molto irregolare. Le aziende grandi e tecnologicamente esperte sono i primi ad adottare le ultime tecnologie, ma molte altre, soprattutto nei settori tradizionali e tra l’esercito delle piccole imprese, mancano del nous e delle risorse per fare investimenti sufficienti in persone e tecnologia per sfruttare appieno le possibilità che si presentano loro stessi.

In quanto tale, McKinsey esorta i governi a fare di più per garantire che le tecnologie vengano adottate in tutta l’economia. Ciò richiede di ramificarsi dal sostegno allo sviluppo di nuove tecnologie per aiutare a democratizzare quelle tecnologie in tutti i settori.

  1. Riformare il sistema di formazione e sviluppo

È difficile immaginare un tempo in cui alle persone è stato richiesto di sviluppare nuove abilità e capacità come sono adesso. È chiaro che il sistema universitario oggi è inadatto a questo tipo di lavoro, anche perché l’enorme costo e le lunghe tasse scolastiche non sono adatte al rapido e frequente sviluppo delle competenze.

Dal punto di vista dei governi, la prima cosa che McKinsey consiglia è di investire pesantemente nell’istruzione dei primi anni in modo che i bambini siano dotati sia della mentalità che della capacità di apprendere che sarà così importante per tutta la vita.

Ciò che è altrettanto importante è la richiesta di una maggiore incentivazione della formazione sul posto di lavoro, fornendo allo stesso tempo un sostegno finanziario ai cittadini affinché apprendano secondo i loro ordini. Questo supporto è ben accetto, ma ci sono anche barriere culturali e psicologiche all’accesso all’istruzione che devono essere affrontate, quindi un ruolo di coaching, soprattutto in relazione a coloro i cui lavori sono automatizzati, sarebbe sicuramente sensato.

  1. Adattare i sistemi di sicurezza sociale

Data l’interruzione che molti sostengono, il ripensamento dei sistemi di sicurezza sociale è atteso da tempo, poiché i sistemi attuali mancano della flessibilità e della completezza per aiutare le persone a rimettersi in piedi.

McKinsey ritiene che un moderno sistema di protezione sociale debba colmare il divario tra la crescita della produttività e il salario medio; aumentare la trasferibilità delle prestazioni di protezione sociale; e fornire ulteriore supporto a coloro che non traggono vantaggio dall’automazione.

  1. Mobilitare la società

Ultimo, ma non meno importante, McKinsey ritiene che sia fondamentale che i governi siano in grado di creare un dialogo con l’intera società per comprendere il futuro del lavoro e mobilitarli verso un futuro efficace e inclusivo. Citano artisti del calibro di Danimarca e Singapore come esempi in questo senso, con la convocazione di un dibattito nazionale un compito vitale del governo in questo periodo febbrile.

Questo di per sé non sarà sufficiente, tuttavia, ed è fondamentale che il governo sia coordinato tra i suoi molteplici dipartimenti, ciascuno spesso con programmi diversi. È probabile che l’adozione di un approccio interdipartimentale produca una risposta politica più unificata ed eviti politiche frammentate e inefficaci.

“Le tecnologie in arrivo porteranno grandi discordie in settori come il lavoro, le economie e il benessere sociale”, conclude McKinsey. “Questo rapporto fornisce un modello generale con esempi di come alcuni governi stanno creando opportunità, riducendo al minimo le interruzioni sociali e spingendo avanti le loro nazioni”.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi