Reputation , con sede in California , un’azienda nota per offrire un’ampia suite di prodotti per la gestione dell’esperienza di reputazione (RXM), ha lanciato un nuovo prodotto basato sull’intelligenza artificiale per aiutare le aziende a monitorare meglio i loro concorrenti e capire cosa devono fare per migliorare la propria attività e mercato posizionamento. 

Oggi, le aziende di tutte le dimensioni hanno questa necessità di tenere d’occhio l’intero panorama competitivo, compresi gli ultimi passi dei loro rivali e ciò che sta muovendo l’ago per loro. Tuttavia, farlo con successo è quasi impossibile, poiché ci sono troppi dati da guardare. Si possono tenere traccia degli annunci ufficiali, forse delle principali tendenze di Twitter, ma passare continuamente al setaccio ciò che il pubblico dice sui concorrenti e sui loro prodotti, i servizi sono di per sé un compito piuttosto impegnativo. 
L’intelligenza competitiva mobilita i dati non strutturati
Per risolvere questa sfida, Reputation ha messo a punto l’intelligenza competitiva. La piattaforma mobilita una grossa fetta di dati non strutturati di pubblico dominio per fornire informazioni rilevanti sul mercato e sulla concorrenza attiva.
“Oggi ogni azienda ha una grande quantità di feedback dei clienti non strutturati che vivono su forum pubblici, dalle recensioni e valutazioni sul servizio clienti (o sulla sua mancanza) alle prestazioni dei dipendenti o del marchio, fino a dettagli preziosi sui loro concorrenti. È tutto lasciato allo scoperto per consentire ai consumatori di vedere e basare le loro decisioni di acquisto”, ha detto a Venturebeat Pranav Desai, chief product officer (CPO) di Reputation.

L’intelligenza competitiva ingerisce queste informazioni e le dà un senso in un unico luogo con il deep machine learning e l’elaborazione del linguaggio naturale. Ciò offre alle aziende un’ampia varietà di informazioni sui loro concorrenti, a partire dal feedback dei clienti, dal punteggio di reputazione generale e dai commenti alle tendenze delle categorie e del sentiment, nonché dagli indicatori di impatto per località.

“Un marchio sarà in grado di comprendere meglio i propri punti di forza e di debolezza, così come quelli dei suoi concorrenti, per identificare ulteriormente le opportunità nel mercato. Ad esempio, un’azienda può scoprire in modo proattivo minacce e opportunità e utilizzare quelle “pepite d’oro” per eseguire campagne di marketing promozionali o della concorrenza, migliorare le operazioni aziendali tra i dipartimenti e le sedi e prendere decisioni di leadership più informate”, ha spiegato Desai.

La soluzione fornisce un’interfaccia utente personalizzabile per garantire che le persone a tutti i livelli di un’organizzazione, dal team operativo ai decisori chiave, siano in grado di accedere alle informazioni dettagliate. Inoltre, suggerisce l’azione migliore da intraprendere.

Concorso per l’intelligenza competitiva
Sebbene l’offerta sembri interessante e possa aiutare le aziende a guadagnare quote di mercato, sembra già avere una certa “competizione” nel mercato. Ciò include soluzioni di reportistica e intelligence sulla concorrenza come Klue, Crayon e BrandWatch .

 

Tuttavia, Desai osserva che il loro prodotto è più robusto, nel senso che utilizza l’IA per rispondere al “perché” una particolare azienda sta sovraperformando. 

“Utilizzando il nostro punteggio di reputazione X, siamo in grado di fornire benchmark di settore e una profonda comprensione del panorama competitivo di un’impresa in più segmenti. Consente inoltre alle aziende di esaminare i punteggi di reputazione, le recensioni e i fattori di ranking della concorrenza, ottenendo raccomandazioni prescrittive per miglioramenti a livello di località”, ha affermato. 

Confronto dei sentimenti attraverso l’intelligenza competitiva

La piattaforma offre anche la possibilità di rivedere alla lettera le recensioni dei clienti dei concorrenti e analisi di facile comprensione e funzionalità di reporting che possono essere automatizzate e condivise con i leader per aiutare a prendere decisioni all’interno dell’organizzazione. Attualmente è utilizzato da più aziende in versione beta, ha osservato il CPO.

Opportunità di dati non strutturati
Il prodotto di Reputation arriva mentre la domanda di dati non strutturati continua a crescere nel segmento enterprise. Una grossa fetta di aziende globali fa già affidamento su informazioni non strutturate per scopi normativi, analitici e  decisionali  e, con l’aumento del volume dei dati, la tendenza dovrebbe solo accelerare.

Secondo ITC, il volume di dati non strutturati è destinato a crescere da 33 zettabyte nel 2018 a 175 zettabyte, o 175 miliardi di terabyte, entro il 2025. 

 

 

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi