Tesla potrebbe introdurre la formazione sull’apprendimento automatico come servizio web con il suo prossimo supercomputer “Dojo”, ha dichiarato il CEO Elon Musk su Twitter.

Project Dojo è stato inizialmente rivelato da Musk l’anno scorso ed è un supercomputer su cui Tesla ha lavorato. Il supercomputer è stato progettato per acquisire enormi quantità di dati video ed eseguire enormi livelli di addestramento senza supervisione sui dati visivi.

L’obiettivo di Dojo sarà quello di essere in grado di acquisire grandi quantità di dati e di allenarsi a livello video e di eseguire un addestramento massiccio senza supervisione di grandi quantità di dati video.

In questo caso, il supercomputer Dojo servirà da sistema centrale per Tesla per addestrare la sua IA a guida autonoma. Proprio di recente, Musk ha affermato che il supercomputer Dojo di Tesla avrebbe la capacità di exaFLOP, ovvero un quintilione (1018) di operazioni in virgola mobile al secondo (o 1.000 petaFLOPS).

Questa capacità rende possibile eseguire un supercomputer all’avanguardia. Inoltre, c’è anche una corsa in corso tra le aziende per rompere la barriera exaFLOP nel supercalcolo. Con Dojo, mette Tesla, una casa automobilistica, in concorrenza con i giganti della produzione di chip come Intel o AMD per realizzare un sistema di supercalcolo in grado di rompere la barriera exaFLOP.

Un’altra cosa fondamentale che Musk ha twittato è che è il piano di Tesla di rendere Dojo disponibile al pubblico come servizio web per addestrare modelli ML. Il CEO di Tesla ha dichiarato: “Dojo utilizza i nostri chip e un’architettura di computer ottimizzata per l’addestramento della rete neurale, non un cluster GPU. Potrei sbagliarmi, ma penso che sarà il migliore del mondo “.

Abbiamo visto Tesla entrare nello spazio dell’hardware informatico. Tesla ha progettato la propria capacità di architettura del chip con un team di esperti di chip per installarlo nel sistema a guida autonoma. Tesla ha creato l’architettura perché aveva bisogno di un sistema in grado di gestire set di dati giganteschi ed enormi per l’addestramento AI FSD, e non c’era nessun posto dove andare per ottenerlo. Hanno realizzato i loro chipset perché nulla sul mercato poteva funzionare su set di dati così grandi e personalizzati in base alle esigenze di Tesla. Ora hanno tutto questo e non dovrebbe sorprendere che i ricercatori di IA e le aziende con grandi set di dati potrebbero essere interessati a questo.

Dojo svolgerà un ruolo importante nelle ambizioni FSD di Tesla

La capacità FSD a guida autonoma completa è una delle attività di apprendimento automatico più estese e impegnative mai tentate. Per implementare FSD, il costo e la funzionalità delle soluzioni attualmente disponibili non hanno funzionato per Tesla. Quindi, ha dovuto creare la propria architettura da zero.

Detto questo, l’infrastruttura ML di Tesla avrebbe bisogno di molto addestramento prima di essere pronta per la guida autonoma L5. Man mano che i set di dati per la guida autonoma si espandono, Tesla aveva bisogno di un modo per gestire il volume di dati ed è qui che arriva il supercomputer Dojo per accelerare il processo.

Va notato che al momento non esiste una data di annuncio definitiva in cui Tesla lancerà Dojo. Quindi, poiché si tratta di uno sforzo in corso soggetto a modifiche, c’è l’incertezza di Dojo sia in termini di applicazione all’interno dell’azienda che di come sarà disponibile agli utenti pubblici per addestrare modelli di apprendimento automatico. Tuttavia, Musk è fiducioso sull’abilità di supercalcolo dell’azienda.

Dojo sarà in grado di competere con altri servizi Web ML?

Tesla sta imparando come gestire set di dati che non erano accessibili con le funzioni e i costi disponibili presso i fornitori di servizi contemporanei. Elon ha parlato di come l’azienda ha lavorato sui modi in cui ha personalizzato la funzionalità del proprio hardware AI per renderlo più veloce per il loro particolare set di attività, come la riduzione della precisione delle operazioni in virgola mobile e alcuni altri modi. Queste ottimizzazioni avevano senso per le specifiche attività di intelligenza artificiale che Tesla sta eseguendo nei loro esclusivi sistemi di auto autonome.

“Sì, apriremo Dojo per la formazione come servizio web una volta che avremo risolto i bug”, ha twittato Must.

Sarà interessante vedere nel prossimo anno o giù di lì come Dojo viene fornito come servizio ML basato sul Web e come si sovrappone ad altri framework di apprendimento automatico offerti da grandi aziende tecnologiche come AWS e Google. Con la capacità del team di ingegneri di classe mondiale di Tesla e la visione di Musk, la società sembra espandere ulteriormente le sue ali, passando da automobili intelligenti e veicoli spaziali ai supercomputer ML.

Il segmento del machine learning come servizio è sempre pronto per l’interruzione da parte di altre aziende (come Tesla) che stanno svolgendo un eccellente lavoro di ricerca sull’IA, anche se il loro prodotto principale potrebbe essere qualcos’altro; Caso in questione – auto autonome. Sappiamo che spesso le aziende escogitano l’infrastruttura di cui hanno bisogno e finiscono per venderla come servizio.

D’altra parte, altre società come AWS forniscono servizi di formazione ML / DL già da alcuni anni e ci sono anche molti altri concorrenti nel settore. Tuttavia, utilizzano tutti strumenti standard e librerie e framework open source per l’esecuzione nelle istanze cloud noleggiate. Tesla probabilmente vorrà ottimizzare il proprio Dojo per addestrare le reti per il proprio chip AI, e anche se questo potrebbe renderlo ottimale per loro, ma non necessariamente per gli altri.

Anche se Tesla in futuro potrebbe non dominare il segmento di mercato ML, di sicuro stanno costruendo un sistema di apprendimento automatico scalabile nel mondo reale per sistemi autonomi. La vera sfida per lasciare un segno nel mercato dei servizi ML sarebbe scalare l’infrastruttura per competere con le grandi aziende tecnologiche.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi