Home / medicina / Un nuovo braccio bionico che ripristina i comportamenti naturali nei pazienti con amputazioni degli arti superiori Paul Marasco Cleveland Clinic

Un nuovo braccio bionico che ripristina i comportamenti naturali nei pazienti con amputazioni degli arti superiori Paul Marasco Cleveland Clinic

I ricercatori della Cleveland Clinic hanno progettato un nuovo braccio bionico che ripristina i comportamenti naturali nei pazienti con amputazioni degli arti superiori. La tecnologia è la prima nel suo genere e la ricerca è stata pubblicata su Science Robotics .

Il team di ricerca internazionale ha combinato tre importanti funzioni nel sistema bionico: controllo motorio intuitivo, cinestesia tattile e di presa. L’ultima delle tre è la sensazione di aprire e chiudere la mano. 

Il team, guidato dalla Cleveland Clinic, comprendeva anche ricercatori dell’Università dell’Alberta e dell’Università del New Brunswick. 

Paul Marasco, Ph.D, è ricercatore capo e professore associato presso il Dipartimento di ingegneria biomedica del Cleveland Clinic Lerner Research Institute. 

“Abbiamo modificato una protesi standard con questo complesso sistema bionico che consente a chi lo indossa di muovere il braccio protesico in modo più intuitivo e di provare sensazioni di tocco e movimento allo stesso tempo”, ha affermato il dott. Marasco. “Questi risultati sono un passo importante per fornire alle persone con amputazione il completo ripristino della funzione naturale del braccio”.

Il sistema bionico
Il sistema di nuova concezione è il primo a testare tutte e tre le funzioni sensoriali e motorie contemporaneamente in un’interfaccia neurale-macchina in un braccio protesico. L’interfaccia neurale-macchina è in grado di connettersi con i nervi degli arti dell’utilizzatore e consente ai pazienti di inviare impulsi nervosi dal cervello alla protesi. Possono anche ricevere informazioni fisiche dall’ambiente, che possono essere inviate al cervello attraverso i nervi.

Il braccio artificiale ha un feedback e un controllo bidirezionali, e questo è ciò che consente a chi lo indossa di eseguire determinate attività alla pari con le persone non disabili. 

 
Il Dott. Marasco dirige il Laboratorio per l’Integrazione Bionica.

“Forse quello che siamo stati più entusiasti di apprendere è che hanno espresso giudizi, decisioni e calcolato e corretto i propri errori come una persona senza amputazione”, ha affermato il dott. Marasco. “Con il nuovo arto bionico, le persone si sono comportate come se avessero una mano naturale. Normalmente, questi comportamenti cerebrali sono molto diversi tra le persone con e senza protesi degli arti superiori”.

Testare il braccio bionico
Il braccio bionico è stato testato su due partecipanti allo studio con amputazioni degli arti superiori. Gli individui erano stati precedentemente sottoposti a reinnervazione sensoriale e motoria mirata, che reindirizza i nervi amputati alla pelle e ai muscoli rimanenti per stabilire un’interfaccia neurale-macchina. 

I ricercatori ora devono espandere il lavoro poiché la dimensione dello studio era così piccola.

I partecipanti indossavano la protesi avanzata durante l’esecuzione di compiti che riflettevano comportamenti di base o quelli che richiedono la funzionalità della mano e del braccio. I ricercatori hanno quindi valutato le prestazioni attraverso strumenti di valutazione avanzati e hanno scoperto che il cervello dei partecipanti e le strategie comportamentali sono cambiate. Erano quindi alla pari con quelli di un individuo senza amputazione. 

I partecipanti sono stati in grado di eseguire comportamenti senza dover guardare la protesi e hanno potuto correggere in modo più efficace gli errori.

“Negli ultimi dieci o due anni, i progressi nelle protesi hanno aiutato i portatori a ottenere una migliore funzionalità e a gestire la vita quotidiana da soli”, ha affermato il dott. Marasco. “Per la prima volta, le persone con amputazioni degli arti superiori sono ora in grado di “pensare” di nuovo come una persona abile, il che offre ai portatori di protesi nuovi livelli di reintegrazione senza soluzione di continuità nella vita quotidiana”.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi