Unbabel acquisisce Lingo24 per rafforzare le traduzioni basate sull’intelligenza artificiale per le aziende 

Unbabel , una startup con sede a San Francisco, California , che fornisce traduzioni basate sull’intelligenza artificiale per aiutare le aziende a fornire un servizio clienti multilingue, ha annunciato oggi di aver acquisito Lingo24, fornitore di servizi linguistici con sede a Edimburgo, in Scozia . I termini dell’accordo rimangono segreti.

Fondata nel 2013, Unbabel offre una piattaforma di operazioni linguistiche che si integra con le principali piattaforme CX/CRM e utilizza una combinazione di livelli di traduzione automatica e umana per fornire un servizio clienti multilingue attraverso canali di supporto digitale come l’e-mail.

 
Come spiega l’azienda, una volta che un agente che utilizza la sua soluzione risponde a una richiesta di biglietto, la sua risposta viene automaticamente trasmessa a Unbabel, dove il sistema dell’azienda rende anonimi i dati e traduce il testo della risposta nella lingua del messaggio originale utilizzando l’intelligenza artificiale. Successivamente, la traduzione viene inoltrata alla comunità di editor madrelingua dell’azienda che controlla il testo e lo perfeziona con empatia, contesto, significato e sfumature culturali prima di restituirlo al cliente e al suo cliente.

L’intero processo richiede solo pochi minuti, rendendo la gestione dei clienti relativamente più semplice per le aziende che operano a livello globale. Unbabel afferma già di aver coinvolto le principali organizzazioni con la sua soluzione, tra cui Booking.com, Soundcloud, EasyJet, Logitech e Panasonic.

Lingo24 amplia l’offerta di traduzione basata sull’intelligenza artificiale di Unbabel
Ora, con l’acquisizione strategica di Lingo24, l’azienda sta cercando di rafforzare la sua offerta principale espandendosi verso ulteriori casi d’uso. Fondata nel 2001, Lingo24 offre una soluzione di localizzazione personalizzabile che utilizza l’intelligenza artificiale e un team di traduttori specializzati per aiutare le aziende a rilasciare enormi volumi di contenuti, dalle descrizioni dei prodotti e guide per l’utente a siti Web, software e app, in più mercati e lingue.

 
La società afferma di pubblicare contenuti fino al 65% più velocemente e lavora con oltre 500 aziende che servono clienti in più di 120 lingue, tra cui Patagonia, Schneider Electric, Eventbrite, UPS e Virgin Pulse.

“Lingo24 è un partner ideale per Unbabel per accelerare la sua crescita grazie alle solide relazioni con i clienti aziendali di Lingo24, all’incredibile talento e alla profonda esperienza in localizzazione, traduzione e marketing”, ha affermato Vasco Pedro, CEO e cofondatore di Unbabel. “La nostra soluzione ora fornirà esperienze multilingue coerenti e di alta qualità attraverso i canali di marketing e servizio clienti, accelerando la crescita internazionale delle aziende.

In poche parole, Unbabel consentirà ora alle aziende di automatizzare i contenuti multilingue non solo nell’assistenza clienti, ma anche nei reparti e nei canali di marketing.

“La soluzione di Lingo24 sarà a breve indipendente dalla piattaforma di Unbabel. Tuttavia, a lungo termine, forniremo un’offerta unificata”, ha detto Pedro a Venturebeat. “Questa acquisizione è il prossimo passo verso la realizzazione della visione di Unbabel di costruire il livello di traduzione mondiale e aiuterà le aziende con una nuova classe di tecnologia e processi per consentire una strategia linguistica unificata attraverso la sua piattaforma Language Operations”.

Domanda di localizzazione in aumento
L’acquisizione arriva mentre la domanda di localizzazione dei contenuti continua a crescere sulla scia di un numero sempre maggiore di aziende che si espandono e si espandono in tutto il mondo. Infatti, il sondaggio Global Multilingual CX di Unbabel afferma che il 71% dei consumatori globali ritiene che sia molto importante che un marchio promuova e supporti prodotti/servizi nella propria lingua madre. Allo stesso modo, il sondaggio 2021 COVID-19 Impact on Business Strategy di Gartner Digital Market ha anche rivelato che il 62% degli acquirenti pensa che sia da moderatamente a molto importante avere comunicazioni, siti Web e landing page dei fornitori di software nella loro lingua principale.

 
Di conseguenza, in un altro rapporto Unbabel , il 62% dei decisori globali ha convenuto che i propri sforzi di traduzione sono aumentati nell’ultimo anno, mentre il 59% ha affermato che le proprie organizzazioni intendono aumentare il budget per la traduzione e/o la localizzazione il prossimo anno.

Altri attori nello spazio di traduzione guidato dall’intelligenza artificiale sono Google, Microsoft, Amazon, IBM e Yandex. Tuttavia, secondo i punteggi G2, l’offerta di Unbabel si colloca nella categoria ad alte prestazioni, che è davanti a IBM e AWS ma dietro a Microsoft Translator, Google Translate e Yandex Translate. Secondo i dati di Crunchbase, la società ha raccolto oltre 91 milioni di dollari in sette round di finanziamento.

 

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi