Un’immagine generata dall’IA ha vinto un Art Prize. Gli artisti non sono felici.
“Ho vinto e non ho infranto nessuna regola”, dice il creatore dell’opera d’arte.

 
Il lavoro generato dall’intelligenza artificiale di Jason Allen, “Théâtre D’opéra Spatial”, ha conquistato il primo posto nella categoria digitale alla Colorado State Fair.Credito…tramite Jason Allen 

Quest’anno, il concorso artistico annuale della Colorado State Fair ha assegnato premi in tutte le categorie abituali: pittura, quilting, scultura.

Ma un partecipante, Jason M. Allen di Pueblo West, Colorado, non ha fatto il suo ingresso con un pennello o un pezzo di argilla. Lo ha creato con Midjourney, un programma di intelligenza artificiale che trasforma righe di testo in grafiche iperrealistiche.

Il lavoro di Mr. Allen, “Théâtre D’opéra Spatial”, ha portato a casa il nastro blu nel concorso della fiera per artisti digitali emergenti, rendendolo uno dei primi pezzi generati dall’intelligenza artificiale a vincere un tale premio e scatenando un feroce contraccolpo da parte di artisti che lo accusavano, essenzialmente, di barare.

 
Raggiunto telefonicamente mercoledì, il signor Allen ha difeso il suo lavoro. Ha detto di aver chiarito che il suo lavoro – che è stato presentato sotto il nome “Jason M. Allen via Midjourney” – è stato creato utilizzando l’IA e che non aveva ingannato nessuno sulle sue origini.

 
“Non ho intenzione di scusarmi per questo”, ha detto. “Ho vinto e non ho infranto nessuna regola”.

L’arte generata dall’intelligenza artificiale esiste da anni . Ma gli strumenti rilasciati quest’anno – con nomi come DALL-E 2, Midjourney e Stable Diffusion – hanno consentito ai dilettanti di rango di creare opere complesse, astratte o fotorealistiche semplicemente digitando alcune parole in una casella di testo.

Queste app hanno reso comprensibilmente nervosi molti artisti umani riguardo al proprio futuro: perché qualcuno dovrebbe pagare per l’arte, si chiedono, quando potrebbero generarla da soli? Hanno anche generato accesi dibattiti sull’etica dell’arte generata dall’intelligenza artificiale e l’opposizione di persone che affermano che queste app sono essenzialmente una forma high-tech di plagio.

 
Il signor Allen, 39 anni, quest’anno ha iniziato a sperimentare con l’arte generata dall’intelligenza artificiale. Dirige uno studio, Incarnate Games, che produce giochi da tavolo, ed era curioso di sapere come la nuova generazione di generatori di immagini AI si sarebbe confrontata con gli artisti umani i cui lavori ha commissionato.
 
Quest’estate è stato invitato a un server di chat Discord in cui le persone stavano testando Midjourney, che utilizza un processo complesso noto come “diffusione” per trasformare il testo in immagini personalizzate. Gli utenti digitano una serie di parole in un messaggio a Midjourney; il bot restituisce un’immagine pochi secondi dopo.

  
Il signor Allen ha creato la sua opera d’arte con Midjourney, un programma di intelligenza artificiale che trasforma le righe di testo in grafica iperrealistica.Credito…Saeed Rahbaran per il New York Times
 

Il signor Allen divenne ossessionato, creando centinaia di immagini e meravigliandosi di quanto fossero realistiche. Non importa cosa scrivesse, Midjourney sembrava in grado di farcela.

 
“Non potevo credere a quello che stavo vedendo”, ha detto. “Mi sentivo come se fosse di ispirazione demoniaca, come se fosse coinvolta una forza ultraterrena”.

Alla fine, il signor Allen ebbe l’idea di presentare una delle sue creazioni Midjourney alla Colorado State Fair, che aveva una divisione per “arte digitale/fotografia manipolata digitalmente”. Ha fatto stampare l’immagine su tela da un negozio locale e l’ha presentata ai giudici.

“La fiera stava arrivando”, ha detto, “e ho pensato: quanto sarebbe meraviglioso dimostrare alla gente quanto sia grande quest’arte?”

Diverse settimane dopo, mentre camminava per la fiera di Pueblo, il signor Allen vide un nastro blu appeso accanto al suo pezzo. Aveva vinto la divisione, insieme a un premio di $ 300.

“Non potevo crederci”, ha detto. “Mi sentivo come: questo è esattamente ciò che mi ero prefissato di realizzare.”

(Il signor Allen ha rifiutato di condividere l’esatto messaggio di testo che aveva inviato a Midjourney per creare il “Théâtre D’opéra Spatial”. Ma ha detto che la traduzione francese – “Space Opera Theatre” – ha fornito un indizio.)

 
Dopo la sua vittoria, il signor Allen ha pubblicato una foto del suo lavoro premio nella chat di Midjourney Discord. È arrivato su Twitter, dove ha scatenato una furiosa reazione.

 
“Stiamo guardando la morte dell’arte svolgersi proprio davanti ai nostri occhi”, ha scritto un utente di Twitter.

“Questo è così disgustoso”, ha scritto un altro. “Posso vedere come l’arte dell’IA può essere utile, ma affermare di essere un artista generandone uno? Assolutamente no.”

Alcuni artisti hanno difeso il signor Allen, affermando che l’utilizzo dell’IA per creare un’opera non era diverso dall’utilizzo di Photoshop o altri strumenti di manipolazione delle immagini digitali e che la creatività umana è ancora necessaria per trovare i giusti suggerimenti per generare un’opera pluripremiata .

Olga Robak, portavoce del Dipartimento dell’agricoltura del Colorado, che sovrintende alla fiera statale, ha affermato che il signor Allen ha adeguatamente rivelato il coinvolgimento di Midjourney quando ha presentato il suo pezzo; le regole della categoria consentono qualsiasi “pratica artistica che utilizzi la tecnologia digitale come parte del processo creativo o di presentazione”. I due giudici di categoria non sapevano che Midjourney fosse un programma di intelligenza artificiale, ha detto, ma entrambi successivamente le hanno detto che avrebbero assegnato al signor Allen il primo premio anche se l’avessero fatto.

La controversia sulle nuove tecnologie per la produzione artistica non è una novità. Molti pittori indietreggiarono di fronte all’invenzione della macchina fotografica, che consideravano un degrado dell’arte umana. (Charles Baudelaire, il poeta e critico d’arte francese del 19° secolo, definì la fotografia “il nemico più mortale dell’arte.”) Nel 20° secolo, gli strumenti di editing digitale e i programmi di progettazione assistita da computer furono similmente respinti dai puristi per aver richiesto una scarsa abilità collaboratori umani.

Ciò che rende diversa la nuova generazione di strumenti di intelligenza artificiale, secondo alcuni critici, non è solo la capacità di produrre bellissime opere d’arte con il minimo sforzo. È così che funzionano. App come DALL-E 2 e Midjourney vengono create estraendo milioni di immagini dal Web aperto, quindi insegnando agli algoritmi a riconoscere schemi e relazioni in quelle immagini e generarne di nuove con lo stesso stile. Ciò significa che gli artisti che caricano le loro opere su Internet potrebbero involontariamente aiutare a formare i loro concorrenti algoritmici.

“Ciò che rende diversa questa IA è che è esplicitamente addestrata sugli attuali artisti che lavorano”, ha twittato RJ Palmer, un artista digitale, il mese scorso . “Questa cosa vuole il nostro lavoro, è attivamente anti-artista.”

 
Anche alcuni che sono impressionati dall’arte generata dall’IA hanno dubbi su come viene realizzata. Andy Baio, un tecnologo e scrittore, ha scritto in un recente saggio che DALL-E 2, forse il generatore di immagini AI più interessante sul mercato, era “una magia limite in ciò che è in grado di evocare, ma solleva così tante questioni etiche che è difficile tienile d’occhio tutte”.

 
Il signor Allen, il vincitore del nastro blu, ha detto di provare empatia con gli artisti che avevano paura che gli strumenti di intelligenza artificiale li avrebbero messi senza lavoro. Ma ha detto che la loro rabbia non dovrebbe essere diretta alle persone che usano DALL-E 2 o Midjourney per fare arte, ma alle aziende che scelgono di sostituire gli artisti umani con strumenti di intelligenza artificiale.

“Non dovrebbe essere un atto d’accusa della tecnologia stessa”, ha detto. “L’etica non è nella tecnologia. È nelle persone”.

E ha esortato gli artisti a superare le loro obiezioni all’IA, anche se solo come strategia di coping.

“Questo non si fermerà”, ha detto il signor Allen. «L’arte è morta, amico. È finita. L’IA ha vinto. Umani persi”.

Di Kevin Roose dal New York Times nyt.com

Jason Allen, “Théâtre D’opéra Spatial”

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi