Home / Economia / Verbit, startup di trascrizione basata sull’intelligenza artificiale, raccoglie 157 milioni di dollari 

Verbit, startup di trascrizione basata sull’intelligenza artificiale, raccoglie 157 milioni di dollari 

 

Verbit ha annunciato oggi la chiusura di un round di serie D da 157 milioni di dollari che, secondo la società, rafforzerà i suoi sforzi di ricerca e sviluppo e assunzione di prodotti. Il CEO Tom Livne, che ha osservato che l’aumento porta la valutazione post-money della società a oltre $ 1 miliardo, ha affermato che il capitale supporterà anche l’espansione geografica della società mentre si prepara per un’offerta pubblica iniziale.

Si prevede che il mercato delle tecnologie di riconoscimento vocale e vocale varrà  31,82 miliardi  di dollari entro il 2025, trainato da nuove applicazioni nei settori bancario, sanitario e automobilistico. Si stima, infatti, che una persona su cinque negli Stati Uniti interagisca quotidianamente con uno  smart speaker e che la quota di ricerche su Google effettuate a voce nel Paese abbia recentemente superato il 30%.

 
Livne, che ha cofondato  Verbit.ai con Eric Shellef e Kobi Ben Tzvi nel 2017, afferma che la startup con sede a New York contribuirà in modo sostanziale all’ascesa del segmento della trascrizione vocale. “Il mercato della trascrizione è maturo per l’innovazione. Questo è il motivo iniziale per cui ho fondato Verbit. Il passaggio al lavoro a distanza e alla digitalizzazione accelerata in mezzo alla pandemia è stato un importante catalizzatore … e ha ulteriormente guidato lo sviluppo già rapido di Verbit”, ha affermato Livne in un comunicato stampa. “Garantire questo nuovo finanziamento è un’altra pietra miliare che ci avvicina a diventare una società pubblica, che alimenterà ulteriormente la nostra espansione attraverso acquisizioni e investimenti strategici”.

AI-powered technology
I servizi di trascrizione vocale e sottotitoli di Verbit non sono nuovi: giocatori affermati come Nuance, Cisco, Otter, Voicera, Microsoft, Amazon e Google hanno offerto prodotti rivali per anni, comprese piattaforme aziendali come Microsoft 365. Ma il discorso adattivo di Verbit la tecnologia di riconoscimento può generare trascrizioni che afferma offrono una precisione superiore al 99,9%.

I clienti Verbit caricano prima i file audio o video su una dashboard per l’elaborazione guidata dall’intelligenza artificiale. Quindi un team di oltre 33.000 liberi professionisti in oltre 120 paesi modifica e revisiona il materiale, tenendo conto delle note e delle linee guida fornite dal cliente. Le trascrizioni complete di Verbit sono disponibili per l’esportazione in servizi come Blackboard, Vimeo, YouTube, Canvas e BrightCode. Un frontend Web mostra lo stato di avanzamento dei lavori e consente agli utenti di modificare e condividere file o definire le autorizzazioni di accesso per ciascuno, oltre ad aggiungere commenti in linea, richiedere revisioni o visualizzare rapporti sull’utilizzo.

 

Il cliente deve sottoscrivere un impegno minimo di $ 10.000, una struttura di prezzi che apparentemente ha pagato dividendi. Le entrate ricorrenti annuali sono cresciute di sei volte dal 2020 nonostante i venti contrari legati alla pandemia, secondo Livne, e ora ammontano a quasi 100 milioni di dollari.

Rapida crescita
La suite di Verbit ha conquistato una solida base di clienti di oltre 400 istituzioni educative e clienti commerciali (dai 70 a gennaio 2019), tra cui Harvard, NCAA, London Business School e Stanford. A seguito della sua recente acquisizione del fornitore di sottotitoli VITAC, Verbit afferma di essere il “giocatore numero uno” nel mercato della trascrizione professionale e dei sottotitoli, supportando oltre 1.500 clienti nei settori legale, dei media, dell’istruzione, governativo e aziendale tra cui CNBC, CNN, e Volpe.

Verbit prevede di aggiungere 200 nuovi ruoli aziendali e di prodotto ed esplorare i verticali nei settori assicurativo e finanziario, nonché casi di utilizzo dei media e medici. A tal fine, ha recentemente lanciato un servizio di trascrizione “human-in-the-loop” per le aziende di media con un ritardo di pochi secondi. E la società ha siglato un accordo con l’organizzazione no-profit Speech to Text Institute per investire nelle denunce in tribunale e nelle tecnologie di trascrizione legale.

Sapphire Ventures ha guidato il round di serie C di Verbit da 110 dipendenti con la partecipazione di Third Point, More Capital, Lion Investment Partners, fondo ICON e hanno partecipato investitori esistenti come Stripes, Vertex Ventures, HV Capital, Oryzn Capital e ClalTech. Porta il capitale totale  della società di 4 anni, con oltre 120 dipendenti, aumentato a oltre $ 250 milioni a seguito di una serie C da $ 60 milioni nel novembre 2020.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi