Vic.ai presenta uno strumento basato sull’intelligenza artificiale per ottimizzare i costi per le imprese
  

Vic.ai con sede a New York , una startup che fornisce una piattaforma per automatizzare i processi contabili e finanziari per le imprese, ha annunciato oggi uno strumento basato sull’intelligenza artificiale per l’ottimizzazione dei costi di livello aziendale.

Ufficialmente soprannominata Spend Intelligence, l’offerta è l’ultima aggiunta al prodotto di punta di Vic di intelligence progettato per fornire informazioni aziendali e operative per aiutare le aziende a migliorare i processi esistenti. Secondo l’azienda, la funzionalità amplierà ulteriormente il prodotto, consentendo ai dipartimenti di finanza aziendale di fare scelte migliori e basate sui dati sui costi e, infine, di migliorare i profitti.

 
“Con Spend Intelligence, continuiamo a spingere i confini di ciò che l’IA può fare per la finanza”, ha affermato Alexander Hagerup, CEO di Vic.ai. “Le informazioni sulla gestione della spesa (da questa soluzione) aiuteranno a migliorare notevolmente il loro controllo sulla spesa tra funzioni e business unit”.

Spend Intelligence: come funziona?
La soluzione, proprio come altri componenti di Vic Intelligence, utilizza un algoritmo di intelligenza artificiale proprietario per analizzare i dati sui costi di un’azienda e fornire informazioni predittive, nonché un flusso di iniziative di riduzione della spesa. 
L’algoritmo apprende dai dati storici di spesa dell’azienda, fino alle singole voci. Una volta completato, questo processo viene eseguito in tempo reale sulla spesa giornaliera tra fatture e transazioni con carta di credito per elaborare un’analisi dettagliata della spesa. Entro 30 giorni dall’analisi dei dati, l’algoritmo inizia a produrre approfondimenti e suggerimenti.

L’elemento di output dello strumento include un dashboard di approfondimento che descrive in dettaglio quanto denaro aziendale può essere risparmiato attraverso le misure suggerite. Include anche benchmark per aiutare gli utenti aziendali a capire come si comporta la loro struttura dei costi rispetto a quella dei concorrenti e come il prezzo del loro fornitore si confronta con quello che pagano altri acquirenti degli stessi beni o servizi.

Nel complesso, Vic.ai afferma che questa offerta può aiutare le aziende a risparmiare fino al 15% della loro base di costi in determinate categorie e tra il 2% e l’8% della loro base di costi totale esistente. 

“Oltre alla riduzione dei costi, alla fine terremo traccia e monitoreremo l’impronta di carbonio per aiutare le aziende a calcolare e ridurre le emissioni di CO2. Non vediamo l’ora di lavorare in modo più stretto e prescrittivo, con i nostri clienti per individuare i cambiamenti che si tradurranno in significativi risparmi sui costi e sull’ambiente”, ha aggiunto Hagerup.

La nuova funzionalità è attualmente attiva in versione beta chiusa e sarà ampiamente disponibile come parte di Vic Intelligence nel 2023. Al momento, fornisce approfondimenti alle aziende come modelli di acquisto, colli di bottiglia per utenti e flussi di lavoro e tempi di ciclo.

Dall’inizio del 2017, Vic.ai ha gradualmente ampliato il proprio portafoglio di prodotti per automatizzare attività finanziarie e contabili che richiedono tempo e liberare risorse per progetti più complessi. La società conta tra i suoi clienti HSB, Intercom, HireQuest, KPMG, PwC, BDO e Armanino e finora ha raccolto oltre 60 milioni di dollari di finanziamenti . 

Secondo un sondaggio di Ernst & Young , il 53% dei leader finanziari ritiene che più della metà delle attività finanziarie attualmente gestite dalle persone potrebbero essere eseguite dall’IA nei prossimi tre anni.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi