Home / Economia / Voice AI di Google lancia 12 startup

Voice AI di Google lancia 12 startup

L’acceleratore Voice AI di Google lancia 12 startup

Da TikTok a Instagram, da Facebook a YouTube e altro ancora, scopri come i dati sono fondamentali per garantire che la creatività pubblicitaria funzionerà effettivamente su ogni piattaforma.

Google ha annunciato oggi la prima coorte nel suo Google for Startups Accelerator: Voice AI , un programma di 10 settimane progettato per accoppiare le startup con esperti per aiutare ad affrontare lo sviluppo del prodotto, l’apprendimento automatico e altre sfide tecniche. Le 12 società selezionate avranno accesso alle risorse attraverso i programmi e i prodotti di Google, afferma Google, nonché alle sue persone e alla sua tecnologia.

La pandemia sembra aver aumentato l’utilizzo delle app vocali, che era già in aumento . Secondo uno studio di NPR ed Edison Research, la percentuale di possessori di dispositivi abilitati alla voce che utilizzano i comandi almeno una volta al giorno è aumentata tra l’inizio del 2020 e l’inizio di aprile. Poco più di un terzo dei proprietari di altoparlanti intelligenti afferma di ascoltare più musica, intrattenimento e notizie dai propri dispositivi rispetto a prima e i proprietari riferiscono di aver richiesto una media di 10,8 attività a settimana dal proprio assistente quest’anno rispetto a 9,4 attività diverse nel 2019 .

“Il programma … si concentrerà sulla progettazione del prodotto, sull’infrastruttura tecnica, sull’acquisizione di clienti e sullo sviluppo della leadership, garantendo ai nostri fondatori l’accesso a un’ampia rete di mentori, dirigenti senior e leader del settore”, ha dichiarato Jason Scott, responsabile dell’ecosistema di sviluppatori di startup di Google e responsabile di L’assistente investimenti Saurabh Sharma ha scritto in un post sul blog. “Siamo incredibilmente entusiasti di supportare questo gruppo di imprenditori nei prossimi tre mesi, mettendoli in contatto con il meglio delle nostre persone, dei nostri prodotti e della nostra programmazione per far progredire le loro aziende e soluzioni”.

Tra le startup selezionate per Voice AI ci sono Babbly , una piattaforma con sede a Toronto, in Canada, che fornisce ai genitori approfondimenti sulle abilità linguistiche e linguistiche dei loro figli e consiglia attività che promuovono lo sviluppo. Un altro è Bespoken , una società con sede a Seattle che sviluppa test, formazione e monitoraggio automatizzati per applicazioni e dispositivi vocali.

Ecco l’elenco degli altri destinatari:

ConversationHealth , che abilita agenti di conversazione per pazienti e professionisti sanitari in studi clinici, affari medici e linee di business commerciali.
Nēdl , che ospita una stazione radio di chiamata in diretta che trascrive, amplifica e monetizza le parole del creatore dell’audio.
Oto.AI , che sta costruendo un motore in grado di fornire intuizioni “non semantiche” (ad esempio, intonazione, emozioni e risate) da flussi vocali in tempo reale su una piccola impronta di calcolo.
Piffle , una piattaforma di gioco vocale che mira a coltivare il benessere professionale attraverso il gameplay conversazionale.
Powow AI , una piattaforma software-as-a-service che utilizza l’intelligenza artificiale per trascrivere e analizzare le riunioni.
Simbi , che combina le narrazioni degli studenti con il testo di una storia per creare un libro audiovisivo coinvolgente che gli studenti possono leggere insieme.
Talkatoo , software di dettatura progettato per professionisti veterinari e medici.
Tinychef , una piattaforma vocale “IA culinaria” che aiuta gli utenti in cucina a pianificare la spesa, a fare la spesa e a cucinare i pasti attraverso esperienze interattive su altoparlanti intelligenti.
Voicify , una piattaforma che consente a marchi e aziende di progettare, costruire e distribuire app vocali, chatbot e altre esperienze di conversazione attraverso assistenti vocali e piattaforme di social media.
Vowel , che mira a portare produttività e piattaforme di comunicazione in un unico strumento di incontro integrato.

Voice AI, che è per molti versi la risposta di Google all’Alexa Accelerator di Amazon e all’Alexa Fund da 200 milioni di dollari, prenderà il via il 15 marzo. La dozzina di aziende presenterà il proprio lavoro il 20 maggio alle 12:30 Eastern durante una giornata dimostrativa in live streaming.

Frau spricht zu Sprachassistent
Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi