WiBotic selezionata per sviluppare la ricarica wireless per i robot lunari

WiBotic , leader nelle soluzioni avanzate di ricarica wireless e gestione dell’energia della flotta per l’ecosistema in rapida espansione di robot aerei, mobili, marini e industriali, ha annunciato una partnership con Astrobotic, Bosch e l’Università di Washington per sviluppare e commercializzare soluzioni di ricarica wireless per robot su la luna. Il contratto da 5,8 milioni di dollari, assegnato al primo appaltatore Astrobotic Inc., fa parte del programma “Tipping Point” della NASA per superare le sfide associate alla ricarica dei robot sulla superficie lunare.

“Siamo entusiasti di essere stati selezionati da Astrobotic e dalla NASA per fornire funzionalità di ricarica wireless alla prossima generazione di veicoli lunari”, ha affermato Ben Waters, CEO e co-fondatore di WiBotic. “Sebbene WiBotic sia specializzato nella ricarica wireless per robot militari, industriali e commerciali in tutti i tipi di ambienti punitivi qui sulla Terra – da grandi magazzini a deserti polverosi e acqua salata corrosiva – questa è la nostra prima possibilità di portare la nostra tecnologia nello spazio. Siamo entusiasti di lavorare a stretto contatto con la NASA e di far parte del prossimo capitolo dell’esplorazione spaziale “.

Perchè importa
WiBotic sta sviluppando sistemi di ricarica rapida e stazioni base per il monitoraggio dell’energia per i robot lunari, tra cui il CubeRover, un robot delle dimensioni di una scatola da scarpe progettato da Astrobotic, che funzionerà in modo autonomo e si caricherà in modalità wireless sulla Luna. I ricercatori Bosch stanno contribuendo con l’esperienza del software nella connettività wireless e nell’intelligenza artificiale, e l’Università di Washington contribuirà con il suo Sensor Systems Lab per supportare test e convalide realistici dell’ambiente lunare.

Tradizionalmente i lander lunari, così come altri grandi veicoli per l’esplorazione spaziale, sono alimentati da pannelli solari o piccoli reattori nucleari. I rover e i piccoli robot, tuttavia, non sono abbastanza grandi per trasportare i propri alimentatori dedicati e devono essere collegati alle loro controparti più grandi tramite cavi elettrici. Il tethering limita gravemente la mobilità ei cavi sono soggetti a guasti a causa della polvere lunare (regolite) che interferisce con i punti di contatto elettrici. Inoltre, man mano che i robot diventano più piccoli e più complessi, sono dotati di sensori aggiuntivi che richiedono più potenza, aggravando ulteriormente il problema. Infine, gli array solari non sono utilizzabili per la ricarica durante la notte lunare.

Soluzione
La soluzione di ricarica rapida di prossimità di WiBotic consente ai robot più piccoli di caricarsi in modalità wireless dai lander lunari, dotati di docking station o stazioni base distribuite sulla superficie lunare, senza la necessità di tethering. Con la tecnologia WiBotic, i robot a navigazione automatica possono:

Stai al caldo e agisci durante la notte lunare. Sopravvivere alla notte lunare è una sfida significativa e i sistemi che sopravvivono sono complessi, pesanti e ridondanti. Il contratto Tipping Point della NASA, nell’ambito del suo più ampio programma Artemis, mira a risolvere questo problema utilizzando tecnologie innovative per esplorare più superficie lunare che mai.
Resilienza alla regolite. La comprovata tecnologia di WiBotic, già utilizzata da clienti commerciali e militari, è in una posizione unica per affrontare questa particolare sfida per i robot che operano in ambienti difficili. Contatti e connettori esposti si sono dimostrati inaffidabili sulle superfici lunari dove la regolite è più fine e più conduttiva della polvere qui sulla terra. Con WiBotic, i robot possono caricarsi senza entrare in contatto anche se non si agganciano con un allineamento perfetto.
Semplifica le attività umane sulla luna. Data la limitata destrezza delle tute da astronauta, la tecnologia di WiBotic può essere utilizzata per caricare strumenti senza collegare cavi, aumentando la produttività e massimizzando il tempo di grande valore nello spazio e sulla superficie lunare.
“Portare la tecnologia di alimentazione wireless sulla superficie della Luna e oltre è un punto di svolta nel modo in cui i sistemi robotici spaziali hanno tradizionalmente interagito”, afferma Cedric Corpa de la Fuente, ingegnere elettrico per la mobilità planetaria presso Astrobotic. “Ad esempio, rimuovendo le dipendenze dalla ricarica solare, diventa disponibile una nuova vasta gamma di opportunità per sistemi più piccoli e leggeri per missioni che prima non erano a portata di mano, come la sopravvivenza delle missioni notturne lunari. Proprio come CubeRover di Astrobotic, la piattaforma tecnologica wireless di WiBotic è scalabile e supporta un’ampia gamma di esigenze di alimentazione. Ciò rende il prodotto finale molto attraente non solo per le aziende ma anche per tutti i nuovi sistemi elettrici e infrastrutture spaziali “.

“La nostra visione a lungo termine è quella di aprire la strada a una rete elettrica wireless lunare per fornire energia a un’ampia gamma di veicoli con e senza equipaggio, indipendentemente dai singoli tipi di batteria, voltaggi o livelli di potenza richiesti”, ha continuato Waters. “Questo è solo il primo passo nella creazione di un’infrastruttura comune di stazioni di ricarica wireless e software di gestione dell’energia della flotta da distribuire sulla superficie della luna”.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi