Home / curiosità / Wild Me l’intelligenza artificiale che protegge gli animali in via di estinzione

Wild Me l’intelligenza artificiale che protegge gli animali in via di estinzione

Una società senza scopo di lucro con sede a Portland ha sviluppato un sistema di visione artificiale per l’IA destinato a riconoscere gli animali e aiutare i gruppi di conservazione a proteggerli. Animali come zebre, giraffe, leoni e balene sono spesso in pericolo e sia i gruppi di conservazione che gli scienziati devono rintracciare questi animali. Come riportato dal Seattle Times , l’intelligenza artificiale di Wild Me, senza fini di lucro, è in grado di riconoscere gli animali in base ai loro schemi, come macchie o strisce, consentendo ai ricercatori di rintracciare gli animali in modo più efficace.

Il processo di raccolta di informazioni identificabili sugli animali è stato a lungo costoso, laborioso e invasivo. Tuttavia, un’applicazione di visione artificiale in grado di riconoscere gli animali a vista può rendere molto più facile il riconoscimento dei singoli animali. Gli animali sono disponibili in diverse forme, dimensioni e motivi. Se c’è una cosa in cui eccellono le reti neurali, è riconoscere i modelli.

Grazie ai progressi nella visione artificiale e nella fotografia, i sondaggi fotografici stanno diventando il metodo di scelta per le stime della popolazione animale e alcune forme di tracciamento degli animali. Il processo è molto meno invasivo e molto più economico dei metodi tradizionali, per non parlare molto più veloce. L’intelligenza artificiale di Wild Me è in grado di riconoscere gli animali in base a modelli unici come i punti di una giraffa e può riconoscere questi animali specifici molto più rapidamente di quanto un osservatore umano potrebbe.

Il modello AI sviluppato da Wild Me è addestrato su grandi volumi di dati di immagini. Questi dati di immagine provengono da normali cittadini ogni volta che formano scienziati. Il modello di intelligenza artificiale utilizza quindi tecniche di visione artificiale e sistemi di apprendimento automatico per riconoscere giraffe o altri animali specifici.

Il nuovo sistema di intelligenza artificiale è stato ben accolto dagli scienziati della conservazione. Christin Khan, un geometra delle balene per la National Oceanic and Atmospher Administration (NOAA), è stato citato dicendo che una soluzione AI per il monitoraggio di specie di balene in via di estinzione è stata cercata per anni. Khan lavora per il NOAA per seguire le balene del Nord Atlantico, e si stima che ne rimangano solo circa 400. Tracciarli si rivela difficile perché tendono a migrare su lunghe distanze. Wild Me assembla cataloghi di immagini di una determinata specie in un database chiamato Wildbook. Il Wildbook for whales incoraggia i ricercatori di tutto il mondo a collaborare e condividere le loro scoperte e osservazioni, il che può rendere più facile il monitoraggio del movimento delle balene su grandi distanze.

Secondo Michael Brown, scienziato della conservazione presso il Smithsonian Conservation Bio Institute e la Giraffe Conservation Foundation, gli algoritmi Wildbooks e AI sviluppati da Wild Me aiutano a proteggere gli animali in vari modi. Brown ha detto al Seattle Times:

“Siamo in grado di utilizzare queste informazioni per tracciare le malattie e le minacce di bracconaggio, guardare manifestazioni di malattie. Ci consente di comprendere come queste minacce alle giraffe sono situate nello spazio (e) come le giraffe utilizzano diversi paesaggi nel tempo. ”

Wild Me ha anche progettato un sistema di intelligenza artificiale che estrae i dati dai video di YouTube. L’intelligenza artificiale analizza il video di animali marini come le tartarughe marine e gli squali balena e utilizza questi dati per ottenere una stima migliore della popolazione animale. Questo è un modo utile per raccogliere più dati e supportare la creazione e l’ottimizzazione di Wildbooks.

Il NOAA sta impiegando l’IA per proteggere gli animali anche in un altro modo. Gli scienziati di NOAA stanno collaborando con Microsoft per progettare un’intelligenza artificiale in grado di monitorare animali acquatici e artici come beluga, orsi polari e foche. Gli strumenti di intelligenza artificiale saranno addestrati al suono e saranno in grado di distinguere il suono di un sigillo dal rumore che fa una macchina da dragaggio. Un’intelligenza artificiale verrà inoltre addestrata sulle immagini al fine di consentire agli aeroplani di sorvolare tratti di ghiaccio marino e contare gli orsi polari e le foche.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi