Come il metaverso potrebbe interrompere l’esperienza in auto

Con tutto il recente interesse per la realtà aumentata (AR) e il metaverso , le case automobilistiche stanno cercando di portare elementi AR nei veicoli. Un numero crescente di sistemi di infotainment per auto, ad esempio, ora integra l’AR come parte dei loro sistemi di navigazione GPS potenziati, visualizzando frecce olografiche su un feed di immagini dal vivo dalla parte anteriore dell’auto.

Alcune case automobilistiche stanno cercando di portare questa adozione dell’AR un ulteriore passo avanti portando il metaverso nei veicoli. La sua introduzione all’esperienza in auto potrebbe avvenire attraverso parabrezza olografici interattivi o proiettando avatar sui sedili dei passeggeri. Sebbene ciò offra opportunità di intrattenimento e istruzione, apre anche la porta a distrazioni e pubblicità ancora più pervasive.

 
L’uso dell’AR nelle auto è stato limitato fino a poco tempo. Il primo display head-up AR (HUD) è stato il sistema di infotainment Mercedes-Benz User Experience (MBUX), prodotto nella Mercedes Classe A nel 2018. Il suo GPS evidenzia visibilmente le uscite degli svincoli e le destinazioni finali sui display interni, insieme al potenziale pericoli come buche, pedoni e altri veicoli sulla strada. Dalla sua introduzione, altre società tra cui BMW , Continental e Hyundai hanno introdotto l’AR nei propri sistemi di infotainment.
Non ci sono ancora veicoli disponibili in commercio con AR HUD direttamente sui parabrezza, tuttavia, ci sono alcune concept car che hanno mostrato la tecnologia. WayRay, ad esempio, ha sviluppato l’Holograktor, descritto come un “metaverso su ruote” a causa della sua forte dipendenza dalla tecnologia AR. È una concept car elettrica che può essere guidata a distanza da un pod AR da un guidatore qualificato, dando all’auto la sensazione di autonomia evitando i sistemi di guida completamente autonomi attualmente immaturi. Il fondatore e CEO di WayRay Vitaly Ponomarev ha detto che spera che l’auto venga rilasciata, possibilmente con una grande casa automobilistica, entro il 2025, ma ha anche affermato che l’Holograktor potrebbe invece essere usato come esempio per altri OEM che vogliono produrre auto simili con l’AR di WayRay tecnologia.

L’auto promette una serie di opportunità di intrattenimento: i suoi sedili sono dotati di joystick che possono essere utilizzati per giocare sugli HUD AR del parabrezza con altri nel metaverso, e viene persino precaricata con un gioco karaoke online in stile Guitar Hero. Ci sono anche le opportunità pubblicitarie. Secondo Ponomarev, “L’idea è che puoi scegliere Uber Black, Uber SUV o Uber Holograktor. E se scegli l’Holograktor, la tua corsa sarà sovvenzionata da contenuti sponsorizzati in modo che il prezzo sia molto più basso.

Non è chiaro se i consumatori vorranno che gli annunci vengano introdotti in modo così visibile nei loro viaggi. Potrebbe essere utile avere alcuni contenuti sponsorizzati sui parabrezza se stai cercando attivamente un ristorante o un museo, ad esempio, ma in caso contrario, avere annunci costantemente nella tua periferia potrebbe interrompere la privacy che alcune persone cercano nell’esperienza di guida .

Poiché uno dei punti di forza dell’Holograktor è che apprende i tuoi percorsi, abitudini e preferenze e può persino anticipare il tuo prossimo viaggio, è necessario affrontare il problema dell’utilizzo dei dati. Con il catalogo sempre più ampio di comportamenti scorretti da parte delle società Internet, sia le autorità di regolamentazione che i consumatori iniziano a dubitare del modo in cui vengono gestiti i dati. Se Holograktor offre i dati che raccoglie a società tecnologiche e altri inserzionisti, ciò potrebbe comportare annunci altamente personalizzati e possibilmente invasivi. Con la fiducia del pubblico nelle aziende Big Tech a livelli incredibilmente bassi, non è chiaro se i consumatori sarebbero disposti a rinunciare a questi dati per un prezzo ridotto.
Nissan ha anche fatto una mossa nel metaverso con il suo concept I2V Invisible to Visible AR, lanciato al CES 2019. Il sistema evidenzia gli ostacoli che potrebbero non essere evidenti per il guidatore attraverso un display all’interno del veicolo per migliorare la sicurezza e il comfort del conducente. Se il conducente indossa occhiali AR, il sistema consente anche alle persone di apparire sul sedile del passeggero del veicolo come avatar 3D. Potrebbe essere un familiare o un amico a farti compagnia durante un lungo viaggio o una guida locale per rispondere a domande e dare consigli. Nissan spera di implementare la tecnologia nei suoi veicoli a partire dal 2025.

Ancora una volta, le nuove opportunità sociali ed educative che potrebbero derivarne sono entusiasmanti. Unendo il mondo reale e quello virtuale, le persone a casa possono unirsi agli amici in viaggi in qualsiasi parte del mondo. Quei viaggi solitamente lunghi e noiosi possono quindi essere intercettati con gli avatar dei tuoi cari. I conducenti potrebbero sperimentare il mondo che li circonda attraverso gli occhi di un locale, o anche in un periodo di tempo completamente diverso attraverso le sovrapposizioni AR.

Tuttavia, il problema principale – e l’ostacolo più generale all’adozione diffusa del metaverso e dell’AR nei veicoli – è che essere in grado di vedere chiaramente il mondo esterno è un problema critico per la sicurezza quando un essere umano è alla guida. Se l’overlay AR non è sufficientemente preciso, i conducenti potrebbero essere fuorviati e finire in incidenti. Se le sovrapposizioni distraggono troppo, i conducenti potrebbero perdere informazioni importanti su ostacoli e ostacoli. Questi problemi devono essere di fondamentale importanza per le aziende automobilistiche che cercano di adottare l’AR nei veicoli.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi