Home / Economia / BlueOcean raccoglie 15 milioni di dollari per misurare l’appeal del marchio con l’AI l’intelligenza artificiale

BlueOcean raccoglie 15 milioni di dollari per misurare l’appeal del marchio con l’AI l’intelligenza artificiale

BlueOcean raccoglie $ 15 milioni per misurare il sentimento del marchio con l’intelligenza artificiale

BlueOcean , una piattaforma software-as-a-service che sfrutta l’ intelligenza artificiale per fornire approfondimenti sulla strategia del marchio, ha annunciato oggi di aver chiuso un round di serie A da $ 15 milioni guidato da Insight Partners. La società afferma che i fondi verranno utilizzati per far crescere il proprio team, approfondire gli investimenti esistenti nell’intelligenza artificiale e sviluppare la base di clienti esistente di BlueOcean.

Il marchio genera entrate. La forza del marchio di un’azienda influisce direttamente sulla sua capacità di vendere a un cliente, acquisire talento e generare valore per gli azionisti. Secondo McKinsey , i marchi forti superano costantemente il mercato. I 40 marchi più forti del mondo “hanno prodotto quasi il doppio del rendimento totale per gli azionisti di un investimento in un certificato dell’indice Morgan Stanley Capital International (MSCI) World nel corso del periodo di 20 anni terminato nel 2019”.

 
Storicamente, le aziende si sono affidate a sondaggi di opinione e consulenti per misurare il sentiment del marchio. Al contrario, BlueOcean, che è stata cofondata da Grant McDougall, Liza Nebel, Matthew Gross e Mike Semick, utilizza l’intelligenza artificiale per estrarre, analizzare e triangolare migliaia di fonti di dati al fine di fornire dati e approfondimenti in tempo reale.

“BlueOcean sta trasformando il modo in cui vengono prese le decisioni di marketing aiutando i marchi a monitorare la salute totale del loro marchio quasi in tempo reale, utilizzando i dati disponibili pubblicamente per fare due cose: capire quali aree del loro marchio richiedono attenzione [e] determinare quali azioni dovrebbero essere intraprese per guidare la crescita”, ha detto McDougall, che ricopre il ruolo di CEO, a VentureBeat via e-mail. “[Ci siamo resi conto che] gran parte del data mining e dell’analisi necessari per la strategia del marchio potrebbe essere automatizzata e, allo stesso tempo, potrebbe offrire consigli attuabili che i team di marketing e i dirigenti di C-suite potrebbero implementare rapidamente”.

Monitoraggio del sentimento del marchio
Sottolineando l’importanza dell’ottica, un sondaggio ha mostrato che l’81% dei consumatori aveva bisogno di potersi fidare di un marchio per poter acquistare da loro. E i clienti prendono rapidamente una decisione: occorrono in media circa 50 millisecondi (0,05 secondi) per formare un’opinione su un sito web.

BlueOcean, che si vede in concorrenza con società di consulenza come Interbrand, McKinsey, Boston Consulting Group e Accenture, sfrutta modelli di big data e AI che sono stati formati per oltre 16.000 ore sui dati di oltre 1.110 clienti e professionisti della strategia del marchio. Secondo McDougall, BlueOcean ha dovuto costruire i propri set di dati di addestramento in modo che il suo algoritmo potesse identificare le caratteristiche più salienti per i marketer del marchio.

“La piattaforma di BlueOcean sta replicando valutazioni soggettive e umane come la semplicità o la complessità di un annuncio o la sua immediatezza o sottigliezza”, ha spiegato McDougall. “I nostri algoritmi dovevano essere addestrati per valutare immagini, contenuto di testo e centinaia di punti di dati numerici per essere in grado di riprodurre questi tipi di valutazioni sfocate. Solo comprendendo prima quali fattori saranno più rilevanti e utilizzabili per i marketer del marchio, il nostro prodotto può fornire risultati che fanno la differenza per loro”.

BlueOcean non condivide i suoi numeri di entrate, ma la startup afferma di essere cresciuta più di tre volte “continuamente” dalla sua fondazione nel 2019. Per quanto riguarda la sua base di clienti, copre circa 60 marchi, inclusi team di Microsoft, Google, Bloomingdale, Panda Express, Cisco, Riot Games e Juniper Networks.

“Utilizzando algoritmi AI-sentiment in tempo reale che analizzano centinaia di fonti di dati, BlueOcean … offre un livello di intelligenza senza precedenti in modo che i marchi possano immediatamente vedere nuove aree di crescita, monitorare lo slancio, i cambiamenti di categoria e prevedere la prossima mossa di un concorrente”, McDougall disse. “BlueOcean offre agli investitori i mezzi per comprendere i marchi competitivi nella categoria che hanno una vasta impronta ma la soddisfazione del cliente in calo e selezionare obiettivi di acquisizione per compensare le sfide operative e costituire la base per le decisioni di investimento, consentendo una più rapida identificazione e quantificazione delle scelte delle società in portafoglio”.

Ad oggi, Blue Ocean, con sede a San Francisco, in California, ha raccolto 20 milioni di dollari, una combinazione della serie A e un seed round di 5 milioni di dollari.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi