Home / Economia / Cast AI raccoglie 10 milioni di dollari

Cast AI raccoglie 10 milioni di dollari

La startup di ottimizzazione del cloud Cast AI raccoglie $ 10 milioni
Cast AI , una piattaforma di ottimizzazione e gestione del cloud, ha annunciato oggi di aver raccolto $ 10 milioni in finanziamenti di serie A guidati da Cota Capital, con la partecipazione di Samsung Next e altri investitori. Il CEO Yuri Frayman afferma che il finanziamento sarà destinato all’espansione del suo team di vendita e allo sviluppo ulteriore della sua piattaforma basata sull’intelligenza artificiale.

L’adozione del cloud è esplosa durante la pandemia, con Forrester che prevede che il mercato delle infrastrutture cloud pubbliche aumenterà del 28% su base annua a 113,1 miliardi di dollari nel 2021. Ma poiché le aziende abbracciano sempre più le tecnologie cloud, stanno dedicando porzioni più grandi del previsto di i loro budget IT alla spesa per il cloud. Secondo un sondaggio, il 55% dei dirigenti è rimasto sorpreso dai costi del cloud o ha riscontrato improvvisi picchi di costo, molti dei quali non sono stati scoperti fino a giorni, settimane o addirittura mesi dopo.


Con sede a Miami, in Florida, e fondata nel 2019, Cast sfrutta l’intelligenza artificiale addestrata su milioni di punti dati per bilanciare le prestazioni e i costi del cloud. Supportando Amazon Web Services, Google Cloud Platform e Microsoft Azure, la piattaforma si connette ai cloud esistenti e genera un report per identificare le opportunità di risparmio sui costi.

“Cast è stato creato perché, durante la precedente impresa dei fondatori, Zenedge, che è stata successivamente acquisita da Oracle, hanno sperimentato bollette cloud enormemente alte e hanno trovato difficile capire come gestire al meglio questa spesa”, Frayman, che ha cofondato l’azienda con Leon Kuperman e Laurent Gil, hanno detto a VentureBeat. “Si sono subito resi conto che molti altri leader aziendali stavano affrontando difficoltà simili e che la gestione del cloud è un’attività complessa e dispendiosa in termini di tempo che richiede molta esperienza. Volevano sollevare l’onere per altre aziende, in modo che i loro ingegneri potessero concentrarsi sulla costruzione di ciò che amano e non preoccuparsi degli alti e bassi dell’infrastruttura”.

Analisi della spesa cloud
Anche prima della pandemia, molte aziende stavano migrando le loro operazioni software nel cloud. Un sondaggio IDG del 2018 ha rilevato che il 73% delle organizzazioni disponeva già di almeno un’app o di una parte della propria infrastruttura informatica nel cloud. Ma le sfide sia allora che oggi sono una miriade, con le aziende che hanno risposto a un sondaggio Lemongrass citando sicurezza, conformità, costi e mancanza di competenze interne come i principali ostacoli all’adozione.


Per affrontare i problemi di costo, Cast utilizza una serie di euristiche e modelli di apprendimento automatico addestrati per aiutare a prevedere lo stato futuro delle app dei clienti ai fini del ridimensionamento. Ad esempio, la piattaforma dispone di modelli che tentano di essere proattivi con i requisiti di scalabilità per ciascun cluster cloud gestito. Se i modelli, che sono specifici del cliente, prevedono in modo errato, Cast utilizza gli errori come punti dati aggiuntivi per migliorare il modello.

“Abbiamo altri modelli che utilizzano set di dati globali per previsioni sulle caratteristiche del mercato”, ha spiegato Frayman. “Ad esempio, formiamo un modello globale per prevedere le prelazioni delle istanze per tipo di macchina, regione, zona di disponibilità e stagionalità. Questo modello è condiviso in modo autonomo tra tutti i clienti e tutti i dati vengono utilizzati per riqualificare continuamente il modello. Una delle variabili del nostro modello globale è iniziata con il benchmarking di oltre 500 diversi tipi di istanze in quattro provider cloud in tutte le regioni del mondo. Questo aiuta il modello globale a comprendere e confrontare le istanze e la quantità di calcolo ottenuta per tipo di macchina virtuale”.

Cast compete con Kubecost , Spotinst e Granulate nel mercato delle soluzioni di ottimizzazione del cloud, tra gli altri. Ma la società afferma di avere più di due dozzine di clienti nei settori adtech, e-commerce, fintech e data science.

Cast, che fino ad oggi ha raccolto 18 milioni di dollari in capitale di rischio, ha una forza lavoro di 52 dipendenti e prevede di avere almeno 80 dipendenti entro la fine dell’anno.

“Le risorse cloud dovrebbero provenire da qualsiasi provider e i clienti dovrebbero sfruttare le migliori risorse in termini di costi e prestazioni disponibili in tempo reale”, ha affermato Frayman. “Questa non può essere una decisione guidata dall’uomo per scalare”.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi