Home / Programmazione / Che cos’è il test di Turing e perché è importante?

Che cos’è il test di Turing e perché è importante?

Se ti interessi di intelligenza artificiale (AI) hai sicuramente sentito parlare del” The Turing Test “. Questo è stato un test proposto per la prima volta da Alan Turing nel 1950, il test è stato progettato per essere l’esperimento definitivo per stabilire se un’intelligenza artificiale ha raggiunto l’intelligenza a livello umano. Concettualmente, se l’IA è in grado di superare il test, ha raggiunto un’intelligenza equivalente o indistinguibile da quella di un essere umano.

Esploreremo chi è Alan Turing , qual è il test, perché è importante e perché potrebbe essere necessario evolvere la definizione del test.

Chi è Alan Turing?
Turing è un eccentrico matematico britannico che è riconosciuto per le sue idee futuristiche rivoluzionarie.

Nel 1935, all’età di 22 anni, il suo lavoro sulla teoria della probabilità gli valse una borsa di studio del King’s College, Università di Cambridge. Le sue idee matematiche astratte servirono a spingerlo in una direzione completamente diversa in un campo che doveva ancora essere inventato.

Nel 1936, Turing pubblicò un documento che ora è riconosciuto come la base dell’informatica. È qui che ha inventato il concetto di “macchina universale” in grado di decodificare ed eseguire qualsiasi serie di istruzioni.

Nel 1939, Turing fu reclutato dal dipartimento di violazione del codice del governo britannico. All’epoca la Germania stava usando quella che viene chiamata una ” macchina dell’enigma ” per codificare tutti i suoi segnali militari e navali. Turing sviluppò rapidamente una nuova macchina ( il “Bombe “) in grado di rompere i messaggi di Enigma su scala industriale. Questo sviluppo è stato considerato fondamentale per aiutare a respingere le aggressioni della Germania nazista.

Nel 1946, Turing tornò a lavorare sulla sua idea rivoluzionaria pubblicata nel 1936 per sviluppare un computer elettronico, in grado di eseguire vari tipi di calcoli. Ha prodotto un progetto dettagliato per quello che è stato chiamato il motore di calcolo automatico (ACE.)

Nel 1950, Turing pubblicò il suo lavoro fondamentale chiedendo se un ” Machine Can Think? “. Questo documento ha completamente trasformato sia l’informatica che l’intelligenza artificiale.

Nel 1952, dopo essere stato denunciato alla polizia da un giovane, Turing fu condannato per grave indecenza a causa delle sue attività omosessuali. Per questo motivo la sua autorizzazione di sicurezza per il governo fu revocata e la sua carriera fu distrutta. Per punirlo fu castrato chimicamente.

Con la sua vita in frantumi, fu scoperto in casa sua dal suo addetto alle pulizie l’8 giugno 1954. Era morto per avvelenamento da cianuro il giorno prima. Una mela parzialmente mangiata giaceva vicino al suo corpo. Il verdetto del coroner fu un suicidio.

Fortunatamente, la sua eredità continua a sopravvivere.

Cos’è il test di Turing?
Nel 1950, Alan Turing pubblicò un articolo fondamentale intitolato ” Computing Machinery and Intelligence ” nella rivista Mind. In questo documento dettagliato la domanda “Can Machines Think?” è stato proposto. L’articolo suggeriva di abbandonare la ricerca per definire se una macchina potesse pensare, invece di testare la macchina con il “gioco dell’imitazione”. Questo semplice gioco si gioca con tre persone:

un uomo (A)
una donna (B),
e un interrogatore (C) che può essere di entrambi i sessi.
Il concetto del gioco è che l’interrogatore rimane in una stanza separata dall’uomo (A) e dalla donna (B), l’obiettivo è che l’interrogatore identifichi chi è l’uomo e chi è la donna. In questo caso l’obiettivo dell’uomo (A) è ingannare l’interrogatore, nel frattempo la donna (B) può tentare di aiutare l’interrogatore (C). Per renderlo equo, non è possibile utilizzare spunti verbali, ma solo le domande e le risposte dattiloscritte vengono inviate avanti e indietro. La domanda diventa allora: come fa l’interrogatore a sapere di chi fidarsi?

L’interrogatore li conosce solo dalle etichette X e Y e alla fine del gioco afferma semplicemente “X è A e Y è B” o “X è B e Y è A”.

La domanda diventa quindi, se rimuoviamo l’uomo (A) o la donna (B) e sostituiamo quella persona con una macchina intelligente, la macchina può usare il suo sistema di intelligenza artificiale per ingannare l’interrogatore (C) nel credere che sia un uomo o una donna? Questa è in sostanza la natura del test di Turing.

In altre parole, se dovessi comunicare inconsapevolmente con un sistema di intelligenza artificiale e supponessi che l ‘”entità” dall’altra parte fosse un essere umano, l’IA potrebbe ingannarti indefinitamente?

Perché il test di Turing conta
Nel documento di Alan Turing alludeva al fatto che credeva che il Test di Turing potesse alla fine essere battuto. Egli afferma: ” entro il 2000 credo che tra circa cinquant’anni sarà possibile programmare i computer, con una capacità di memorizzazione di circa 10 9 , per farli giocare al gioco dell’imitazione così bene che un interrogatore medio non avrà oltre il 70%, possibilità di fare la giusta identificazione dopo cinque minuti di interrogatorio. ”

Quando si guarda il test di Turing attraverso una lente moderna sembra molto probabile che un sistema di intelligenza artificiale possa ingannare un essere umano per cinque minuti. Con quale frequenza gli umani hanno interagito con i chatbot di supporto non sapendo se il chatbot è un essere umano o un bot?

Ci sono state molte segnalazioni del superamento del test di Turing. Nel 2014, si dice che un programma di chatbot chiamato Eugene Goostman , che simula un ragazzo ucraino di 13 anni, abbia superato il test di Turing in un evento organizzato dall’Università di Reading. Apparentemente il chatbot ha convinto il 33% dei giudici della Royal Society di Londra che era umano. Ciò nonostante, i critici hanno sottolineato rapidamente le inadeguatezze del test, il fatto che così tanti giudici non fossero convinti, la durata del test (solo 5 minuti), nonché la mancanza di prove imminenti per questo risultato.

Tuttavia, è un’era di Natural Language Processing (NLP), con i suoi sottocampi di comprensione del linguaggio naturale (NLU) e interpretazione del linguaggio naturale (NLI), la domanda deve essere posta, se una macchina sta ponendo e rispondendo alle domande senza capire il contesto dietro ciò che dice è la macchina veramente intelligente?

Dopotutto, se rivedi la tecnologia alla base di Watson , un sistema informatico in grado di rispondere alle domande poste in linguaggio naturale, sviluppato da IBM per sconfiggere i campioni di Jeopardy, diventa evidente che Watson è stato in grado di battere i campioni del mondo accedendo a tutte le conoscenze del mondo via Internet, senza realmente comprendere il contesto dietro questa lingua. Simile a un motore di ricerca, sono state create parole chiave e punti di riferimento. Se un’intelligenza artificiale può raggiungere questo livello di comprensione, allora dovremmo considerare che sulla base della tecnologia avanzata di oggi, ingannare un essere umano per 5 o 10 minuti non sta semplicemente impostando l’asticella abbastanza in alto.

Il test di Turing dovrebbe evolversi?
Il test di Turing ha fatto un lavoro straordinario nel resistere alla prova del tempo. Tuttavia, l’IA si è evoluta in modo drammatico dal 1950. Ogni volta che l’IA raggiunge un’impresa di cui sostenevamo che solo gli umani erano in grado di alzare il livello. Sarà solo una questione di tempo fino a quando l’IA sarà in grado di superare costantemente il test di Turing come lo comprendiamo.

Nel rivedere la storia dell’intelligenza artificiale, il barometro finale per stabilire se l’intelligenza artificiale può raggiungere o meno l’intelligenza a livello umano si basa quasi sempre sulla possibilità di sconfiggere gli umani in vari giochi. Nel 1949, Claude Shannon pubblicò i suoi pensieri sull’argomento di come un computer potesse essere usato per giocare a scacchi, poiché questo era considerato il vertice finale dell’intelligenza umana.

Fu solo il 10 febbraio 1996, dopo una estenuante partita di tre ore, che il campione mondiale di scacchi Garry Kasparov perse la prima partita di una partita a sei partite contro Deep Blue , un computer IBM in grado di valutare 200 milioni di mosse al secondo. Non passò molto tempo prima che gli scacchi non fossero più considerati l’apice dell’intelligenza umana. Gli scacchi furono quindi sostituiti con il gioco di Go, un gioco nato in Cina oltre 3000 anni fa. La barra per l’intelligenza artificiale che raggiunge l’intelligenza a livello umano è stata spostata in alto.

Avanzando rapidamente fino a ottobre 2015, AlphaGo ha disputato la sua prima partita contro il tre volte campione europeo in carica, Fan Hui. AlphaGo ha vinto la prima partita in assoluto contro un professionista Go con un punteggio di 5-0. Go è considerato il gioco più sofisticato del mondo con le sue 10 360 mosse possibili. All’improvviso il bar fu spostato di nuovo in alto.

Alla fine l’argomento era che un’intelligenza artificiale doveva essere in grado di sconfiggere le squadre di giocatori del MMORPG (giochi di ruolo online multiplayer di massa). OpenAI ha rapidamente raccolto la sfida utilizzando l’apprendimento approfondito del rinforzo .

È a causa di questo costante spostamento della proverbiale barra che dovremmo riconsiderare una nuova definizione moderna del test di Turing. L’attuale test può fare troppo affidamento sull’inganno e sulla tecnologia presente in un chatbot. Potenzialmente, con l’evoluzione della robotica potremmo richiedere che un’intelligenza artificiale raggiunga veramente l’intelligenza a livello umano, l’IA dovrà interagire e “vivere” nel nostro mondo reale, rispetto a un ambiente di gioco o un ambiente simulato con le sue regole definite.

Se invece di ingannarci, un robot può interagire con noi come qualsiasi altro essere umano, conversando, proponendo idee e soluzioni, forse solo allora il Test di Turing verrà superato. A questo punto, avremo raggiunto anche l’Intelligenza Generale Artificiale (AGI), sarebbe quindi inevitabile che l’IA / robot ci superasse rapidamente nell’intelligenza.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi