Home / Economia / Come Coca-Cola e Pepsi Cola utilizzano l’intelligenza artificiale

Come Coca-Cola e Pepsi Cola utilizzano l’intelligenza artificiale

In che modo Coca-Cola e PepsiCo utilizzano l’intelligenza artificiale per promuovere l’innovazione
 
Nel suo primo anno di attività, Coca-Cola ha venduto solo circa 25 bottiglie di Coca Cola. Oggi l’ azienda vende circa 1,9 miliardi di porzioni delle sue bevande in oltre 200 paesi. Ben il 90% della popolazione mondiale riconosce l’iconico logo rosso e bianco di Coca-Cola. Infatti, nonostante condivida una quota minore del mercato, il suo concorrente PepsiCo è ancora una delle più grandi aziende a livello mondiale. 

Ciò che potrebbe non essere risaputo è che entrambi i rivali, Coca-Cola e PepsiCo, utilizzano l’intelligenza artificiale (AI) e l’apprendimento automatico (ML) per rimanere al top del loro gioco. Oggi diamo uno sguardo a come queste aziende produttrici di bevande stanno impiegando le tecnologie per rimanere competitive. 

 

Ricerca sui consumatori
Secondo Greg Chambers, Global Director of Digital Innovation di Coca-Cola, “l’AI è la base per tutto” che fa la Coca-Cola Company. 

Le aziende utilizzano sempre più l’intelligenza artificiale per lo sviluppo dei prodotti e per raccogliere informazioni fondamentali. E una strada cruciale qui è la ricerca sui consumatori. Storicamente, tale ricerca consisteva nell’ottenere informazioni dai sondaggi, che non sono sempre affidabili. Per uno, i partecipanti potrebbero non essere troppo interessati a farti sapere quali cambiamenti vorrebbero vedere nelle loro cole. 

Pertanto, le aziende produttrici di bevande hanno optato per l’uso dell’intelligenza artificiale per raccogliere tali informazioni. Ad esempio, PepsiCo utilizza Tastewise, uno strumento di intelligenza artificiale, per identificare e prevedere le tendenze alimentari. Fondata dall’ex Chief Marketing Officer di Google Alon Chen, Tastewise utilizza l’intelligenza artificiale per analizzare enormi quantità di dati alimentari disponibili online. Con clienti tra cui Nestlé e General Mills, Tastewise afferma che il suo strumento ha attraversato oltre 95 milioni di voci di menu, 226 miliardi di interazioni di ricette e 22,5 miliardi di post sui social media, tra le altre cose. Con le intuizioni così generate, PepsiCo ottiene un quadro più chiaro di ciò che interessa alle persone. A causa delle intuizioni generate da questo algoritmo, PepsiCo ha incorporato le alghe come aroma per snack salati, un feedback che forse non sarebbe emerso nei sondaggi sui consumatori. 

Coca-Cola utilizza anche l’intelligenza artificiale per supervisionare e analizzare i social media per comprendere i suoi consumatori. Per sapere come i suoi prodotti sono stati discussi e condivisi sui social media, l’azienda ha creato oltre 40 “centri sociali” che raccolgono dati e li analizzano per approfondimenti attraverso la società americana di software basata su cloud Salesforce. Utilizza anche la tecnologia di riconoscimento delle immagini per indirizzare gli utenti che potrebbero essere potenzialmente clienti dell’azienda. Ad esempio, Coca-Cola ha mirato agli annunci per il suo marchio di tè freddo Gold Peak esaminando le immagini pubblicate dagli utenti, che suggerivano che gli piaceva il tè freddo o facendo riconoscere agli algoritmi le immagini con i loghi di marchi concorrenti. Ciò si è rivelato un modo efficiente per l’azienda di gestire le proprie entrate pubblicitarie. 

Coca-Cola ha sviluppato una soluzione di riconoscimento delle immagini utilizzando la tecnologia TensorFlow di Google. Il metodo utilizza reti neurali convoluzionali per consentire il riconoscimento automatico di codici che potrebbero apparire in modo diverso, a seconda di quando e dove sono stati stampati, e sono utili durante la lettura della stampa a matrice di punti a bassa risoluzione utilizzata per stampare i codici dei prodotti nelle confezioni di Coca Cola.

PepsiCo utilizza anche Trendscope, uno strumento sviluppato in collaborazione con la società di data science con sede a Londra Black Swan Data. Trendscope va oltre la semplice analisi di menu e ricette. Si concentra esclusivamente sulle conversazioni pubblicate su blog e piattaforme come Twitter e Reddit. Il dispositivo filtra quindi i dati irrilevanti e consente a PepsiCo di eseguire ciò che l’azienda chiama “previsione sociale”. Presumibilmente, le conversazioni suggeriscono un maggiore interesse per i temi della salute e dell’immunità; le aziende possono quindi agire sulla tendenza in crescita, come ha fatto PepsiCo lanciando una nuova linea di Propel Water, una bevanda sportiva infusa con ingredienti che aumentano l’immunità.

Marketing 
Strettamente correlato alla ricerca sui consumatori, e un altro importante datore di lavoro dell’IA sta commercializzando queste bibite. PepsiCo utilizza l’intelligenza artificiale per i controlli di qualità sugli annunci digitali personalizzati. Ha collaborato con CreativeX, precedentemente noto come Picasso Labs, per creare algoritmi che garantiscano che gli annunci pubblicitari seguano una serie di regole d’oro in evoluzione. Queste regole includono la precisazione se il logo del marchio è visibile o se l’annuncio rimane efficace quando viene disattivato (per gli annunci audio-video). 

Secondo Stephen Gans, Chief Consumer Insights and Analytics Officer di PepsiCo, l’intelligenza artificiale è il modo migliore per eseguire tale analisi di controllo della qualità e consentire “Fare 1.000 (annunci) per raggiungere 1.000 diversi segmenti di consumatori”. Inoltre, l’utilizzo dell’intelligenza artificiale è sostanzialmente più efficiente rispetto alla tradizionale pubblicità televisiva, che non soddisfa il livello di personalizzazione consentito da queste nuove tecnologie. 

 Fare un passo avanti nella personalizzazione

La Coca-Cola Company produce circa il tre percento di tutte le bevande consumate a livello globale. Un aspetto essenziale delle vendite dell’azienda sono i distributori automatici. Le macchine più recenti consentono ai clienti di interagire tramite display touch-screen e persino di personalizzare le loro bevande con colpi di gusti diversi. 

Per andare ancora oltre, la Coca-Cola Company ha iniziato a inserire l’intelligenza artificiale in questi distributori automatici. I distributori automatici intelligenti possono regolare il loro “umore” per funzionare in modo appropriato in qualsiasi ambiente particolare. Ad esempio, un distributore automatico posizionato in una palestra promuoverebbe più acqua o bevande energetiche rispetto a quelle zuccherate. Le macchine intelligenti analizzeranno anche i comportamenti di acquisto e i dati dei clienti, perfezionando ulteriormente il prodotto che scelgono di pubblicizzare in un luogo specifico, e offriranno sconti e offerte esclusivamente per la particolare macchina. 


I clienti giapponesi possono utilizzare i loro smartphone per accedere a un programma fedeltà di distributori automatici tramite l’app Coke ON. L’utilizzo dell’app consente ai clienti di raccogliere punti visitando un distributore e riscattarli in seguito acquistando cola dai distributori automatici. Questa iniziativa incoraggia i clienti a optare per le macchine della Coca-Cola Company rispetto al distributore automatico di un concorrente. In alcune parti del mondo, il nuovo distributore automatico di Coca-Cola Company consente ai clienti di preordinare fino a due bevande tramite l’app e di ritirarle successivamente dal distributore. 

L’intelligenza artificiale ha migliorato il modo in cui gli individui lavorano in vari modi. Allo stesso modo, anche l’industria delle bevande ha utilizzato la tecnologia per rimanere competitiva. Considerando come Coca-Cola e Pepsi siano i principali attori nel settore delle bevande, le aziende hanno utilizzato queste moderne tecnologie per motivi vantaggiosi. Nonostante ciò, può sembrare piuttosto invasivo conoscere queste aziende che attingono ai dati dei clienti attraverso le cronologie degli acquisti e i contenuti dei social media. Per quanto cruciali siano queste preoccupazioni etiche, difficilmente si possono negare i nuovi livelli di marketing del marchio raggiunti con l’aiuto dell’intelligenza artificiale. Si può solo sperare in un’idea più chiara di come bilanciare efficienza ed etica in futuro. 

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi