Home / Economia / Come l’Arabia Saudita sta cercando di sviluppare e integrare l’intelligenza artificiale

Come l’Arabia Saudita sta cercando di sviluppare e integrare l’intelligenza artificiale



Ancora un altro paese è andato a liberare il potenziale dell’intelligenza artificiale per alimentare i suoi piani di crescita economica. Una delle più grandi nazioni produttrici di petrolio, l’ Arabia Saudita , ha ora formulato e lanciato una politica nazionale sull’IA. Il progetto è stato firmato con l’approvazione di King Salman e mira ad aggiungere il valore di mercato fino a 500 miliardi di riyal (133 miliardi di dollari) al PIL del paese entro il 2030.

La formulazione della politica era iniziata l’anno scorso quando l’Autorità saudita per i dati e l’intelligenza artificiale (SDAIA) è stata istituita con un decreto reale nell’agosto 2019 per guidare l’accusa della trasformazione della nazione in un’economia basata sui dati. Inoltre, l’ente sta lavorando all’implementazione di una piattaforma cloud, con l’intenzione di costruire uno dei più grandi framework cloud in Medio Oriente collegando 83 data center controllati da oltre 40 enti governativi.

Nell’ambito della SDAIA, sono state create tre unità, ovvero il National Information Center, il National Center for Artificial Intelligence e il National Data Management Office, per gestire ed eseguire vari aspetti relativi alla politica di AI. Oltre a questo, il regno ha anche istituito una banca dati nazionale composta da oltre 80 set di dati statali, che equivalgono a circa il 30% delle risorse digitali del governo saudita, ha rivelato Abdullah bin Sharaf Al Ghamdi, presidente della SDAIA.

L’Autorità saudita per i dati e l’intelligenza artificiale (SDAIA) ha lanciato la sua identità di marchio per la politica di intelligenza artificiale in un evento nella capitale nazionale Riyadh con il tema “I dati sono il petrolio del 21 ° secolo”. Intervenendo al lancio del marchio, il dott. Al-Ghamdi, presidente di SDAIA, ha affermato: “I dati sono il motore più significativo della nostra crescita e riforma nel 21 ° secolo. Abbiamo una visione e una roadmap definite per trasformare l’Arabia Saudita in un mercato leader basato sull’intelligenza artificiale e sui dati. La SDAIA è all’avanguardia di questo cambiamento ed è pronta per la definizione, l’implementazione e la conoscenza dei dati nazionali e dell’agenda dell’IA “.

All’evento hanno partecipato ministri e importanti funzionari governativi e si è concentrato sulla loro disponibilità a rendere il Regno tra le principali economie mondiali nell’adozione dell’IA. Dall’introduzione del piano Saudi Vision 2030 nel 2016, l’Arabia Saudita ha compiuto progressi significativi nello smantellare il valore dei dati come risorsa pubblica.

Il dottor Al-Ghamdi, ha inoltre affermato: “Abbiamo visto in prima persona l’impatto immediato dell’IA e delle azioni basate sui dati e il loro potenziale per guidare l’imminente economia dell’Arabia Saudita, ma siamo ancora nelle fasi iniziali con molte opportunità non sfruttate aperte . Noi di SDAIA abbiamo il compito di definire i dati nazionali e la strategia di IA e portare avanti la visione del nostro paese per il futuro ottimizzando le nostre risorse nazionali, migliorando l’efficienza e sostenendo la creazione di settori economici e tecnologici diversificati “.

La strategia Vision 2030 dell’Arabia Saudita, lanciata nel 2016, mirava a creare città sostenibili e ad assicurare un uso ottimale delle risorse nella pianificazione urbana, nelle infrastrutture e in importanti settori dell’economia. Il governo saudita ha riconosciuto che l’intelligenza artificiale e l’automazione sono molto critiche in questo contesto per migliorare l’efficienza nel governo.

Le città intelligenti sono una parte essenziale del piano infrastrutturale e il paese sta lavorando alla costruzione di una città da 500 miliardi di dollari chiamata Neom distribuita su 26.000 chilometri quadrati con tecnologie all’avanguardia basate su AI, IoT e blockchain. Questa megalopoli è al centro degli investimenti e dello sviluppo nell’IA e il paese ha impegnato pubblicamente 500 miliardi di dollari per questo.

Neom integrerà la robotica e l’intelligenza artificiale perfettamente in ogni aspetto della vita dei cittadini, nel tentativo di produrre entrate da settori economici chiave per il futuro e affrontare le crescenti sfide della costruzione di uno stato attorno al solo petrolio. Il paese ha abbracciato l’IA e la robotica ed è diventato il primo paese a concedere la cittadinanza a un robot quando nel 2017 il Regno ha concesso la cittadinanza a Sophia di Hanson Robotics.

Miglioramento delle competenze per abbinare i piani AI

Con il piano per l’IA, l’Arabia Saudita è ora ufficialmente entrata nella corsa globale per lo sviluppo dell’IA. Certamente non mancano i fondi per raggiungere i suoi obiettivi, anche se può lottare con il talento in questo spazio. Per contrastare la scarsità di capacità di intelligenza artificiale, il Regno dovrà adattarsi a un modello aperto di curriculum educativo simile agli standard di educazione globale.

Per soddisfare l’ambizioso piano dell’Arabia Saudita sull’intelligenza artificiale, il governo sta anche pianificando di rendere le riforme educative più allineate con l’IA e le competenze digitali. Per generare competenze e abbinarle alla visione dell’IA, il ministero della scuola dell’istruzione sta riformando i programmi di studio universitari incentrati su analisi, scienza dei dati e sicurezza dei dati.

Diversificare l’economia con l’IA

Al momento, l’IA e l’economia dei dati dell’Arabia Saudita sono stimati a 4-5 miliardi di dollari. Sfruttando la potenza dell’IA e dell’analisi dei dati nei dipartimenti e nei processi governativi, Suadi Arabia desidera un’opportunità per generare entrate extra e risparmi di oltre 10 miliardi di dollari di PIL entro il 2030.

Stime a più lungo termine prevedono che l’IA aumenterà il 14% del PIL globale entro il 2030, “l’equivalente di $ 15,7 trilioni supplementari”. Pertanto, l’IA rappresenta un’opportunità commerciale molto vitale e, riunendo tendenze e reti nell’intelligenza artificiale, Vision 2030 tenta di ampliare e diversificare l’economia saudita.

L’intelligenza artificiale può affrontare un’ampia gamma di sfide finanziarie e sociali nel paese, che vanno dalla volatilità dei prezzi del petrolio all’urbanizzazione accelerata e alla scarsità d’acqua. L’intelligenza artificiale ha anche molte implicazioni geopolitiche, e questo è un altro motivo per una politica nazionale per la nazione mediorientale. nella sua economia

Guida completa a Voilà per trasformare un notebook Jupyter in un’applicazione Web autonoma
Ancora un altro paese è andato a liberare il potenziale dell’intelligenza artificiale per alimentare i suoi piani di crescita economica. Una delle più grandi nazioni produttrici di petrolio, l’ Arabia Saudita , ha ora formulato e lanciato una politica nazionale sull’IA. Il progetto è stato firmato con l’approvazione di King Salman e mira ad aggiungere il valore di mercato fino a 500 miliardi di riyal (133 miliardi di dollari) al PIL del paese entro il 2030.

La formulazione della politica era iniziata l’anno scorso quando l’Autorità saudita per i dati e l’intelligenza artificiale (SDAIA) è stata istituita con un decreto reale nell’agosto 2019 per guidare l’accusa della trasformazione della nazione in un’economia basata sui dati. Inoltre, l’ente sta lavorando all’implementazione di una piattaforma cloud, con l’intenzione di costruire uno dei più grandi framework cloud in Medio Oriente collegando 83 data center controllati da oltre 40 enti governativi.

Nell’ambito della SDAIA, sono state create tre unità, ovvero il National Information Center, il National Center for Artificial Intelligence e il National Data Management Office, per gestire ed eseguire vari aspetti relativi alla politica di AI. Oltre a questo, il regno ha anche istituito una banca dati nazionale composta da oltre 80 set di dati statali, che equivalgono a circa il 30% delle risorse digitali del governo saudita, ha rivelato Abdullah bin Sharaf Al Ghamdi, presidente della SDAIA.

L’Autorità saudita per i dati e l’intelligenza artificiale (SDAIA) ha lanciato la sua identità di marchio per la politica di intelligenza artificiale in un evento nella capitale nazionale Riyadh con il tema “I dati sono il petrolio del 21 ° secolo”. Intervenendo al lancio del marchio, il dott. Al-Ghamdi, presidente di SDAIA, ha affermato: “I dati sono il motore più significativo della nostra crescita e riforma nel 21 ° secolo. Abbiamo una visione e una roadmap definite per trasformare l’Arabia Saudita in un mercato leader basato sull’intelligenza artificiale e sui dati. La SDAIA è all’avanguardia di questo cambiamento ed è pronta per la definizione, l’implementazione e la conoscenza dei dati nazionali e dell’agenda dell’IA “.

All’evento hanno partecipato ministri e importanti funzionari governativi e si è concentrato sulla loro disponibilità a rendere il Regno tra le principali economie mondiali nell’adozione dell’IA. Dall’introduzione del piano Saudi Vision 2030 nel 2016, l’Arabia Saudita ha compiuto progressi significativi nello smantellare il valore dei dati come risorsa pubblica.

Il dottor Al-Ghamdi, ha inoltre affermato: “Abbiamo visto in prima persona l’impatto immediato dell’IA e delle azioni basate sui dati e il loro potenziale per guidare l’imminente economia dell’Arabia Saudita, ma siamo ancora nelle fasi iniziali con molte opportunità non sfruttate aperte . Noi di SDAIA abbiamo il compito di definire i dati nazionali e la strategia di IA e portare avanti la visione del nostro paese per il futuro ottimizzando le nostre risorse nazionali, migliorando l’efficienza e sostenendo la creazione di settori economici e tecnologici diversificati “.

Neom: Mega City basata su AI

La strategia Vision 2030 dell’Arabia Saudita, lanciata nel 2016, mirava a creare città sostenibili e ad assicurare un uso ottimale delle risorse nella pianificazione urbana, nelle infrastrutture e in importanti settori dell’economia. Il governo saudita ha riconosciuto che l’intelligenza artificiale e l’automazione sono molto critiche in questo contesto per migliorare l’efficienza nel governo.

Le città intelligenti sono una parte essenziale del piano infrastrutturale e il paese sta lavorando alla costruzione di una città da 500 miliardi di dollari chiamata Neom distribuita su 26.000 chilometri quadrati con tecnologie all’avanguardia basate su AI, IoT e blockchain. Questa megalopoli è al centro degli investimenti e dello sviluppo nell’IA e il paese ha impegnato pubblicamente 500 miliardi di dollari per questo.

Neom integrerà la robotica e l’intelligenza artificiale perfettamente in ogni aspetto della vita dei cittadini, nel tentativo di produrre entrate da settori economici chiave per il futuro e affrontare le crescenti sfide della costruzione di uno stato attorno al solo petrolio. Il paese ha abbracciato l’IA e la robotica ed è diventato il primo paese a concedere la cittadinanza a un robot quando nel 2017 il Regno ha concesso la cittadinanza a Sophia di Hanson Robotics.

Miglioramento delle competenze per abbinare i piani AI

Con il piano per l’IA, l’Arabia Saudita è ora ufficialmente entrata nella corsa globale per lo sviluppo dell’IA. Certamente non mancano i fondi per raggiungere i suoi obiettivi, anche se può lottare con il talento in questo spazio. Per contrastare la scarsità di capacità di intelligenza artificiale, il Regno dovrà adattarsi a un modello aperto di curriculum educativo simile agli standard di educazione globale.

Per soddisfare l’ambizioso piano dell’Arabia Saudita sull’intelligenza artificiale, il governo sta anche pianificando di rendere le riforme educative più allineate con l’IA e le competenze digitali. Per generare competenze e abbinarle alla visione dell’IA, il ministero della scuola dell’istruzione sta riformando i programmi di studio universitari incentrati su analisi, scienza dei dati e sicurezza dei dati.

Diversificare l’economia con l’IA

Al momento, l’IA e l’economia dei dati dell’Arabia Saudita sono stimati a 4-5 miliardi di dollari. Sfruttando la potenza dell’IA e dell’analisi dei dati nei dipartimenti e nei processi governativi, Suadi Arabia desidera un’opportunità per generare entrate extra e risparmi di oltre 10 miliardi di dollari di PIL entro il 2030.

Stime a più lungo termine prevedono che l’IA aumenterà il 14% del PIL globale entro il 2030, “l’equivalente di $ 15,7 trilioni supplementari”. Pertanto, l’IA rappresenta un’opportunità commerciale molto vitale e, riunendo tendenze e reti nell’intelligenza artificiale, Vision 2030 tenta di ampliare e diversificare l’economia saudita.

L’intelligenza artificiale può affrontare un’ampia gamma di sfide finanziarie e sociali nel paese, che vanno dalla volatilità dei prezzi del petrolio all’urbanizzazione accelerata e alla scarsità d’acqua. L’intelligenza artificiale ha anche molte implicazioni geopolitiche, e questo è un altro motivo per una politica nazionale per la nazione mediorientale.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi