Home / Economia / Il coronavirus accelera l’adozione di robot e chatbot in azienda

Il coronavirus accelera l’adozione di robot e chatbot in azienda

In che modo COVID-19 sta accelerando la forza lavoro umana e meccanica

Solo pochi mesi fa, ho scritto un articolo sulle collaborazioni tra uomo e macchina nella forza lavoro. Gli host di aziende, da CVS a McDonald’s, utilizzavano già l’intelligenza artificiale per migliorare la propria forza lavoro umana con nuove efficienze sovrumane, offrendo al contempo esperienze premium ai clienti e risparmi sui costi.

Avanti veloce di alcuni mesi e getta una pandemia globale nel mix, e quel modello di forza lavoro umana potenziato dalle macchine si è trasformato da tendenza emergente a necessità aziendale.

Uno dei vantaggi più evidenti dell’impiego di “aiutanti” robotici è che non possono ammalarsi e sono quindi in grado di assumere lavori rischiosi che altrimenti metterebbero in pericolo i lavoratori umani attraverso contatti fisici frequenti o prolungati con gli altri. Per questo motivo, credo che COVID-19 possa essere il catalizzatore di un punto di svolta nella crescita della collaborazione tra forza lavoro uomo-macchina. Quella che segue è una breve panoramica di come questo particolare segmento tecnologico potrebbe espandersi nel prossimo anno.

L’ascesa di Big Butler

Nel 2019, io e il mio collega Olivier Blanchard abbiamo pubblicato un libro intitolato Human / Machine . In esso, abbiamo discusso tre usi archetipici della tecnologia:

● Grande Fratello: tecnologie utilizzate per sorvegliare e raccogliere dati per scopi potenzialmente nefasti o di sfruttamento.

● Big Mother: tecnologie utilizzate per sorvegliare e raccogliere dati per scopi altruistici, anche se in modo prepotente o invadente.

Raccomandato per te

● Big Butler: tecnologie utilizzate per servire gli utenti, migliorare la loro produttività, proteggere la loro privacy e aumentare le loro capacità.

Dei tre, Big Butler è la categoria più sicura e trasparente di usi tecnologici, in particolare per il grande pubblico. È anche quello che vede la maggiore crescita in risposta a COVID-19 e alle sfide che presenta per le organizzazioni, i lavoratori e le persone comuni. Esploriamo alcuni modi diversi in cui le aziende utilizzano le tecnologie “Big Butler” e discutiamo perché è probabile che rimangano qui:

Dal commercio e dalle banche alla sanità e al governo, l’uso dei chatbot è aumentato notevolmente negli ultimi mesi, poiché la tecnologia viene impiegata per colmare il vuoto lasciato dal personale assente nei centri di assistenza clienti a corto di personale o bloccati. Ad esempio, SilverCloud, un chatbot specifico per le banche, ha registrato un aumento di 260.000 richieste dei clienti , quasi il 50% in più del solito, solo negli ultimi 4 mesi.

Tra le altre funzionalità, i chatbot possono rispondere alle domande dei clienti, condividere informazioni e aiutare i dipendenti a dedicare più tempo ad attività di alto valore. Prima che scoppiasse la pandemia, era stato previsto che l’ 80% delle aziende prevedeva di investire nella tecnologia dei chatbot entro la fine del 2020. Poiché i chatbot hanno dimostrato il loro valore come parte della forza lavoro umana e meccanica, tale stima potrebbe dover essere aggiustata al rialzo.

I robot assistivi hanno ora un ruolo

Anche gli investimenti nella robotica sono aumentati negli ultimi mesi. In alcuni ospedali della Corea del Sud, ad esempio, i robot hanno assistito con la cura dei pazienti nei reparti in cui le risorse erano scarse. Assistenti sanitari e robot medici possono svolgere compiti preziosi come misurare la temperatura e distribuire disinfettante per le mani, liberando il personale ospedaliero per occuparsi di pazienti più critici e attività specializzate.

La sanità non è l’unico settore che si rivolge ai robot per colmare le lacune nella manodopera. Walmart sta anche impiegando robot per pulire i pavimenti, ad esempio, e una società di robotica con sede a San Diego ha visto un aumento del 13% degli ordini per il proprio robot autonomo per la pulizia dei pavimenti dall’inizio dell’anno. Gli hotel utilizzano anche robot disinfettanti dotati di potenti luci UV per eliminare i patogeni e mantenere il personale e gli ospiti al sicuro. AMP Robotics ha anche registrato un aumento degli ordini di robot che utilizzano l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico per setacciare il materiale riciclato e smaltire i rifiuti, un lavoro che veniva assegnato ai lavoratori umani.

Questi piccoli cambiamenti avrebbero potuto sembrare un sogno irrealizzabile un anno fa per molte aziende, ma ora queste stesse aziende stanno realizzando il ruolo vitale che i robot possono svolgere.

La spesa per l’automazione aumenterà

Un recente studio di Honeywell ha rilevato che più della metà delle aziende statunitensi è disposta ad aumentare i propri investimenti nell’automazione per sopravvivere ai cambiamenti di mercato causati da COVID-19. Abbiamo già visto l’aumento della spesa per l’automazione dei processi robotici. Nel primo trimestre, UIPath ha acquisito più di 800 clienti aiutandoli a implementare nuovi modelli di continuità aziendale in questo periodo inaspettatamente rivoluzionario. Alcuni credono che la spesa RPA raggiungerà i 25 miliardi di dollari entro il 2025 , oggi sono appena 3,6 miliardi di dollari.

Forza lavoro umana e macchina che va avanti

Molti articoli in questi giorni giocano su un tropo comune di paura che dipinge i robot e le tecnologie di automazione come veicoli di massiccia perdita di posti di lavoro e di sostituzione umana diffusa. Sebbene sia vero che alcuni lavori saranno inevitabilmente automatizzati e alcuni lavoratori umani verranno spostati, è improbabile che l’impatto delle tecnologie di automazione intelligente sull’occupazione sia così disastroso come questi articoli tendono a prevedere. Invece, credo che la stragrande maggioranza delle tecnologie di automazione intelligente aumenterà invece la forza lavoro umana: se i lavoratori umani non hanno più bisogno di pulire il pavimento del loro negozio Walmart, lascia loro più tempo per assicurarsi che gli scaffali siano riforniti e per aiutare i clienti trovano ciò di cui hanno bisogno. Se gli specialisti dei centri di assistenza clienti bancari dedicano meno tempo a rispondere alle domande di base al telefono, possono invece affrontare questioni più urgenti e personalizzate per i loro clienti. Potrei andare avanti e avanti sui modi in cui questa automazione aiuterà solo la nostra forza lavoro attuale, ma hai l’idea: le tecnologie Big Butler migliorano la produttività umana e aiutano gli esseri umani a concentrarsi su compiti più preziosi.

Uno dei pochissimi vantaggi della pandemia di coronavirus è che fornisce robotica e tecnologie di automazione intelligente con una piattaforma globale per mostrare il loro valore. Non solo più aziende stanno investendo in queste soluzioni, ma la direzione in cui si stanno muovendo tali investimenti e implementazioni tende a favorire gli usi della tecnologia da parte di Big Butler, il che è un ottimo segno per il futuro delle partnership uomo-macchina e per il futuro della produttività della forza lavoro. E poiché un numero crescente di aziende arriva a realizzare il valore di questo nuovo modello di forza lavoro ibrida, credo che diventerà molto più comune e diffuso nei prossimi anni.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi