L’intelligenza artificiale (AI) si sta diffondendo nei processi aziendali, nell’analisi dei dati e in una miriade di altre funzioni aziendali, ma il suo ruolo nell’automazione dei data center è destinato a cambiare non solo il data center stesso, ma tutta la sua infrastruttura, fisica e virtuale, fino al limite e oltre.

Come con la maggior parte di tutto ciò che l’IA tocca, il data center diventerà più snello, meno costoso da utilizzare e raggiungerà metriche di prestazioni più elevate man mano che la transizione si svolgerà e gran parte di ciò che viene fatto dagli operatori umani sarà automatizzato, proprio come ciò che stava accadendo nel pre- Era dell’IA. Tuttavia, gli esperti prevedono che la carenza di operatori di data center qualificati continuerà e potrebbe persino peggiorare.
AI di tutti i mestieri
Chiaramente, ci sono molti modi in cui l’IA può essere utilizzata per automatizzare la gestione del data center. Rohan Sheth , del fornitore di colocation Yotta, evidenzia alcuni dei frutti a basso impatto, come la gestione del carico, il consumo di energia e risorse e la sicurezza. Tuttavia, afferma, poche organizzazioni stanno sfruttando l’IA al massimo delle sue potenzialità, a causa di una combinazione di sfiducia, mancanza di competenze e potenziale rischio di interruzioni.
Questo non durerà per sempre, ovviamente. Citando la ricerca di Gartner, Sheth osserva che entro la metà del decennio la transizione dai big data ai dati piccoli e estesi sarà in pieno svolgimento, e questo eserciterà pressioni sui data center affinché diventino più flessibili e meno costosi da gestire. Piuttosto che semplicemente sgranocchiare set di dati estremamente grandi, l’IA utilizzerà volumi inferiori di dati più precisi che verranno estratti da più fonti e risiederanno in più formati.

Mentre la tendenza verso l’automazione intelligente era in ripresa prima della pandemia, i blocchi improvvisi e la cultura del lavoro da casa che sono emerse in risposta hanno dato il via al movimento, afferma l’ imprenditore tecnologico Don Basile . Nel periodo 2020/2021, l’83% delle organizzazioni ha aumentato i propri budget per l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico (ML), e questo ha già accelerato le velocità di elaborazione del 30% e ha portato i colli di bottiglia dei dati a livelli record. In parte, questo è il motivo per cui case di ricerca come Mordor Intelligence prevedono che il mercato dell’automazione dei data center nel suo complesso raddoppierà fino a quasi 20 miliardi di dollari entro il 2026.

Crescita del lavoro IT
Automazione è una parola che fa paura a qualsiasi forza lavoro e l’aggiunta dell’IA alla gestione dei data center sta causando non poche preoccupazioni nel reparto IT. Ma secondo un recente rapporto dell’Uptime Institute , il data center dovrà probabilmente affrontare una continua carenza di lavoratori anche se l’IA diventa più prevalente nello stack di gestione. In effetti, la domanda di operatori umani è destinata ad aumentare dai 2 milioni di oggi a 2,3 milioni entro il 2025, anche se oltre il 90% dei dirigenti IT prevede che l’IA si occuperà di molte delle attività ripetitive e ripetitive di gestione dei dati e dell’infrastruttura. 
Tra le principali sfide che l’IT dovrà affrontare: gestire la crescita dei carichi di dati mantenendo la coerenza e controllando i costi, qualcosa che l’IA può aiutare ma non può gestire da sola.

E mentre l’IA è pronta a infiltrarsi in molti aspetti del data center, resta il fatto che gran parte dell’infrastruttura fisica non è ancora pronta per il cambiamento. Un recente rapporto di Gartner ha rilevato che gran parte dell’infrastruttura meccanica è ancora priva del tipo di capacità di monitoraggio basate su sensori che sono essenziali per il controllo intelligente. Ciò significa che gran parte dello stack di gestione dell’infrastruttura del data center (DCIM) rimarrà probabilmente su base manuale almeno per alcuni anni, anche se i carichi di dati e l’utilizzo delle risorse aumenteranno a causa dell’avvento del 5G e dell’edge connesso all’IoT.

Tutto ciò indica una prospettiva abbastanza buona sia per l’IA nel data center che per la forza lavoro IT . La continua carenza di lavoro probabilmente farà aumentare gli stipendi, in particolare per coloro che hanno aumentato i propri curriculum con competenze di intelligenza artificiale, mentre la domanda di piattaforme intelligenti sempre più sofisticate procederà senza sosta nel prossimo decennio o più.

Allo stesso tempo, gli utenti dei dati sul posto di lavoro e nei mercati dei consumatori dovrebbero vedere notevoli miglioramenti in termini di velocità, precisione e semplicità generale una volta che l’IA elimina gran parte della complessità dall’interfaccia utente. E lo stesso data center moderno sarà in grado di fare di più consumando meno, il che è un vantaggio per tutti.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi