Home / Intelligenza artificiale pericolo / Come proteggere l’umanità dall’intelligenza artificiale

Come proteggere l’umanità dall’intelligenza artificiale

Proteggere l’umanità dall’intelligenza artificiale

L’evoluzione dell’intelligenza artificiale (AI) – dall’intelligenza artificiale stretta (ANI), attraverso l’intelligenza artificiale generale (AGI), alla super intelligenza artificiale (ASI) – sta per cambiare tutto. Si prevede che presto l’intelligenza artificiale combinerà la complessità e la forza di riconoscimento del modello dell’intelligenza umana con la velocità, la memoria e la condivisione della conoscenza dell’intelligenza della macchina.

Con il progredire dell’IA, l’IA sfida e cambia non solo il modo in cui gli esseri umani vivono, apprendono e lavorano, ma anche come le entità tra le nazioni: il suo governo, le industrie, le organizzazioni e il mondo accademico (NGIOA) costruiscono le loro industrie e mercati commerciali ed economici. Con questa crescita guidata dalla tecnologia dell’intelligenza artificiale, la necessità di fare la maggior parte del lavoro manuale, matematico e terreno è già in declino e sarà probabilmente notevolmente ridotta nei prossimi anni. Inoltre, con tutti questi nuovi assistenti digitali e algoritmi decisionali che assistono e dirigono gli esseri umani, il lavoro quotidiano più complesso per gli esseri umani viene notevolmente ridotto.

Mentre i tentativi di creare intelligenza artificiale hanno alimentato molte applicazioni e progressi tecnologici, sono fondamentalmente le maggiori capacità di elaborazione che hanno reso possibile progettare macchine intelligenti in grado di calcolare rapidamente e fare implicazioni intelligenti da diversi input di dati. Nonostante questi rapidi progressi nelle capacità di elaborazione, l’intelligenza artificiale simile a quella umana, tuttavia, rimane difficile da determinare, poiché richiede ancora un’ulteriore comprensione di come replicare le prestazioni e l’elaborazione del cervello umano nei computer. Mentre molti scienziati informatici credere che imitare il metodo di elaborazione del cervello umano sarà la chiave per ottenere un’intelligenza artificiale simile a quella umana, che da solo non è forse sufficiente, e molte altre variabili dovranno essere valutate, come la memoria e la coscienza.

Inoltre, poiché gli attuali sistemi di elaborazione del computer non sono in grado di elaborare in modo efficiente le enormi quantità di dati e informazioni diversi necessari per ottenere potenza di elaborazione simile a quella di un cervello umano, è forse necessario sviluppare un nuovo sistema informatico radicalmente nuovo e nuove infrastrutture hardware e software informatiche che sono matematicamente corretti, adattabili, indipendenti dall’energia e sicuri.

Verso la Super Intelligenza Artificiale


Il potenziale sviluppo della super intelligenza artificiale indica uno scenario francamente spaventoso nei prossimi anni. Alla fine, la potenza di elaborazione del cervello umano potrebbe non essere in grado di eguagliare quella dell’ASI, e il risk manager in ognuno di noi deve cominciare a pensare ai rischi che derivano da una situazione in cui gli umani sono in competizione – piuttosto che collaborare – – con AI.

Questi rischi per l’intelligenza umana naturale sono aggravati quando si ricorda che l’intelligenza artificiale raggiungerà un punto in cui sarà in grado di migliorare la propria progettazione e capacità del software ben oltre ciò che i suoi progettisti hanno immaginato. Già, i ricercatori di IA stanno lavorando per sviluppare questa capacità di auto-miglioramento in situazioni più benigne, come il riconoscimento di foto e giochi. Certo, probabilmente anche l’hardware dovrebbe evolversi simultaneamente, ma questa crescita potenzialmente esponenziale dell’IA garantisce una maggiore cautela.

Queste paure sono accentuate dalle relazioni che emergono su come la struttura del cervello umano adulto cambi quando viene appresa una nuova abilità cognitiva o motoria, incluso il vocabolario. Di conseguenza, cresce la preoccupazione che quando l’intelligenza artificiale prende il sopravvento sulla maggior parte dei compiti umani e dell’intelligenza, questo potrebbe cambiare anche il livello dell’intelligenza umana e la natura dell’intelligenza umana naturale. Se al cervello umano non sono concesse le opportunità di apprendere nuove abilità, come ne risentirà il suo sviluppo? Questo ci porta alla domanda:

Migliora l’intelligenza umana o l’intelligenza artificiale?

L’intelligenza umana naturale è sempre sembrata una delle più grandi armi dell’umanità contro i suoi nemici. Pertanto, poiché l’intelligenza artificiale corrisponde e supera l’intelligenza umana, la domanda è se l’intelligenza naturale sarà in grado di competere con l’intelligenza artificiale nei prossimi anni.

La risposta a questa domanda definirà il futuro dell’umanità, come ad un certo punto, quando e se l’intelligenza artificiale diventa un nemico per l’umanità, l’intelligenza umana naturale può essere o non essere abbastanza per sconfiggere l’intelligenza artificiale. Quindi, anche se l’intelligenza artificiale sta diventando sempre più parte della nostra vita quotidiana, la domanda che tutti i paesi devono valutare oggi è se i nostri sforzi debbano essere volti a migliorare l’intelligenza umana o l’intelligenza artificiale.

Quindi, cosa possono fare gli esseri umani come specie per pianificare in modo proattivo contro quello scenario? Nel video qui sotto, ho intervistato il Prof. Risto Ilmoniemi, Capo del Dipartimento di Neuroscienze e Ingegneria Biomedica, Aalto University School of Science, Finlandia. Devono concentrarsi sulla scienza dell’intelligenza. Risk Group ha avviato questa discussione tanto necessaria su Science of Intelligence su Risk Roundup.

Dall’inizio del tempo umano, il potere dell’immaginazione ha aiutato gli umani a esplorare l’ignoto, a evolversi ea cambiare il mondo. Come si è visto nel corso degli anni, gli umani hanno trasformato fondamentalmente il geospaziale con idee, immaginazione e innovazione, e lo stesso potere dell’immaginazione probabilmente aiuterà gli uomini a esplorare l’ignoto del cyberspazio, dello spazio e degli spazi che non abbiamo ancora definito, e quindi modificherà il realtà dell’ecosistema umano nei prossimi anni. L’immaginazione è sempre stata un indicatore dell’intelligenza umana. In realtà, l’immaginazione è un potere creativo che è necessario per le invenzioni nel cyberspazio, nello spazio geospaziale e nello spazio (CGS), e lo stesso potere dell’immaginazione sta guidando gli scienziati oggi per capire meglio l’intelligenza umana.

Da ciò che si conosce sugli esseri umani, l’evoluzione dell’intelligenza naturale è proceduta per selezione naturale – da mutazioni casuali – e da una maggiore enfasi sociale sull’educazione e l’apprendimento. Alcuni studi indicano che l’ereditarietà (i geni) può rappresentare fino al 50% dei livelli di intelligenza; e il ruolo dell’ambiente (educazione, ambiente, esperienza, risorse, ecc.) contribuisce al riposo. Mentre gran parte del genoma del cervello umano è già decodificato, non abbiamo ancora una chiara comprensione di come esaltare esattamente l’intelligenza umana. La ragione alla base di questa comprensione limitata è che il cervello umano è incredibilmente complesso, con una rete di forse 100 miliardi di neuroni che funzionano individualmente e collettivamente e, di conseguenza, la comprensione del cervello umano rimane difficile.

Tuttavia, recenti ricerche di Joe Tsien e del suo team dell’Università di Augusta in Georgia hanno ipotizzato che debba esserci un principio di progettazione di base da cui l’intelligenza umana ha origine e il cervello si evolve e che un semplice algoritmo può spiegare l’intelligenza umana. Quindi, se le origini dell’intelligenza umana sono basate su un algoritmo fondamentale, è necessario capire e valutare se i calcoli del cervello si basano su una logica matematica relativamente semplice o su un processo più complesso. Inoltre, se l’intelligenza umana si basa effettivamente su una logica matematica fondamentale, allora gli attuali progressi nella neuroscienza e nell’informatica danno speranza all’evoluzione dell’intelligenza umana alla velocità dell’evoluzione dell’IA a causa dell’espansione della velocità di elaborazione.

Detto ciò, sapere cosa determina l’ intelligenza è forse ancora la più grande domanda che l’umanità deve affrontare oggi. Dato che ci sono molte teorie sull’intelligenza, rimane una domanda se l’intelligenza sia una singola abilità generale con un singolo punto di origine o un insieme di molte abilità con punti di origine multipli e complessi.

Mentre cresce la preoccupazione che l’evoluzione dell’intelligenza umana sia stagnante , la scienza si sta forse avvicinando a una nuova fase in cui sarà possibile cambiare e migliorare il DNA umano. Mentre la neuroscienza ha ancora una lunga strada da percorrere, e questo è molto probabilmente lontano decenni, questi progressi nella scienza e nella tecnologia quasi certamente scopriranno come modificare e migliorare la naturale intelligenza umana alla fine.

Ora, indipendentemente dall’intelligenza umana o dall’intelligenza artificiale, alcuni ritengono che l’intelligenza, come Joe Tsien e il suo team dell’Università di Augusta in Georgia, stiano avendo un semplice schema matematico sottostante. Quindi, in teoria, se l’informazione e i processi della mente umana possono essere dissociati dalla forma biologica, essa non è più legata a limiti biologici come la durata della vita o la perdita di memoria e i processi di invecchiamento. Inoltre, le informazioni e le conoscenze memorizzate all’interno di un cervello umano o informazioni all’interno della memoria di un computer potrebbero quindi essere copiate o trasferite a uno o molti altri destinatari, siano essi digitali, robotici o biologici.

Sebbene ci siano molti sforzi in corso tra le nazioni per comprendere l’origine dell’intelligenza all’interno del genoma umano, resta da vedere quanto sia efficace l’editing genetico o qualsiasi altra tecnologia per influenzare l’intelligenza. Ora è il momento di utilizzare tutte le risorse disponibili per garantire che questa non sia la fine della crescita dell’intelligenza umana naturale, ma piuttosto solo l’inizio. Quindi, anche se l’intelligenza artificiale sta diventando sempre più parte della nostra vita quotidiana, capire come il cervello umano produca comportamenti intelligenti e auto-consapevoli è ancora forse una delle maggiori sfide per la scienza e la tecnologia oggi

Controllo in via di sviluppo

Per raggiungere l’obiettivo desiderato nell’evoluzione dell’intelligenza occorre un’evoluzione dell’intelligenza sia naturale che artificiale: l’intelligenza artificiale collettiva che può aiutare a risolvere le complesse sfide che l’umanità e l’evoluzione dell’intelligenza umana possono affrontare e che possono essere pronte per assumere l’intelligenza artificiale se vanno contro l’umanità. Dopotutto, un’IA cosciente potrebbe non avere le stesse priorità e valori dell’umanità, chissà se l’intelligenza artificiale avanzata valuterà la vita umana?

Gli umani non hanno altra scelta che imparare a pensare in un nuovo modo di sopravvivere come una specie, mentre l’intelligenza artificiale continua ad evolversi esponenzialmente (e fin d’ora, l’intelligenza umana naturale rimane limitata e fissa). È più importante che mai che l’evoluzione naturale dell’intelligenza umana avvenga simultaneamente, ed è all’interno del controllo umano e del potere di renderci più intelligenti.

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi