Home / Intelligenza artificiale pericolo / George Soros l’uso dell’intelligenza artificiale in Cina è un minaccia mortale

George Soros l’uso dell’intelligenza artificiale in Cina è un minaccia mortale

George Soros: l’uso cinese dell’IA per controllare i cittadini è una “minaccia mortale”

George Soros, il filantropo miliardario, ha lanciato oggi un avvertimento che i progressi nel campo dell’intelligenza artificiale rappresentano una “minaccia mortale” per l’umanità quando sono fatti da regimi repressivi, riferisce il Financial Times.

L’88enne, che ha guadagnato i suoi soldi nel settore degli hedge fund, ( e affondato la lira italiana) ha riferito di aver fatto i suoi commenti durante un discorso “provocatorio” al World Economic Forum di Davos.

Mentre la Cina non è l’unico stato autoritario del mondo, è la più potente e tecnologicamente avanzata, ha affermato Soros. “Questo rende [il presidente cinese] Xi Jinping il più pericoloso avversario delle società aperte”, ha detto.

La Cina è ampiamente considerata in prima linea nella corsa all’IA insieme agli Stati Uniti. Entrambi i paesi stanno pompando miliardi di dollari nello sviluppo della tecnologia nella speranza che raccoglierà i frutti su tutta la linea.

Il sistema di credito sociale cinese, che è attualmente in fase di lancio in tutto il paese per determinare l’affidabilità di ciascun cittadino, “darà a Xi il controllo totale sulle persone”, ha affermato Soros.

Soros, che ha scommesso notoriamente contro Sterling negli anni ’90, ha detto di voler attirare l’attenzione sul rischio che la Cina presenta.

“Poiché Xi è il nemico più pericoloso della società aperta, dobbiamo puntare le nostre speranze sul popolo cinese, in particolare sulla comunità degli affari e su una élite politica che voglia sostenere la tradizione confuciana”, ha affermato.

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi