Oggi, l’assistente vocale AI di Google è il più intelligente, Alexa di Amazon è il più impattante e Siri di Apple è il più trascurato (che potrebbe essere dovuto all’attenzione di Apple sulla privacy ). 

Gli assistenti artificialmente intelligenti (AI) saranno all’ordine del giorno nei prodotti di prossima generazione a causa della loro funzionalità. Presto, gli utenti non dovranno più dedicare tempo all’apprendimento del sistema perché l’interazione con gli assistenti AI assomiglierà a una normale conversazione umana. 

 
Ecco alcuni dei principali fattori che influenzeranno (e dovrebbero) influenzare la direzione della crescita degli assistenti intelligenti: 

Contesto di utilizzo 
Dove e come verrà utilizzato un prodotto è la prima cosa che deve essere determinata prima di creare una nuova esperienza di intelligenza artificiale. Il design di un prodotto dovrebbe differire in base al suo scopo: il tempo della sessione, il mezzo di interazione e l’intervallo di attenzione dovrebbero essere personalizzati per i singoli prodotti. 

Gli assistenti virtuali di Google e Amazon, ad esempio, hanno obiettivi diversi: Google vuole fornire annunci ai consumatori, mentre Amazon vuole vendere cose. 

A partire da ora, Alexa di Amazon è il migliore sul mercato per le case intelligenti e la domotica. Molte delle oltre 100.000 abilità di Alexa riguardano il controllo delle numerose funzionalità delle case: luci, porte del garage, sistemi di sicurezza, macchine per il caffè, elettrodomestici e altro ancora. Può inoltre ordinare generi alimentari, controllare il saldo bancario, pagare le bollette e connettersi alla tua compagnia assicurativa.

Nel frattempo, l’Assistente Google può prenotare i ristoranti, tenere traccia dei tuoi appuntamenti e ordinare i tuoi servizi di condivisione del viaggio. Può anche, come Alexa , controllare i dispositivi intelligenti della tua casa. Rispetto alle 100.000 competenze di Alexa, Google Assistant ha 1 milione di funzionalità, il che lo rende l’intrattenimento vocale più intelligente sul mercato. 

Abilità e scenari di interazione 
Le abilità fanno riferimento alle abilità di cui è in possesso un assistente AI, mentre gli “scenari di interazione” si riferiscono a come le persone utilizzeranno tali abilità per migliorare la propria vita. Per sviluppare continuamente assistenti intelligenti, è importante che le aziende determinino quali competenze e scenari di interazione intendono fornire ai propri consumatori. 

Ad esempio, Amazon ha recentemente annunciato che le sue app vocali hanno nuove capacità di conversazione per migliorare notevolmente la loro funzionalità. La sua innovazione più recente è che ora puoi parlare con Alexa senza dover specificare quale abilità (o app vocale) vuoi usare. Alexa ora avrà una memoria a breve termine in modo che tu non debba fare riferimento a conversazioni precedenti che hai avuto con esso. Ad esempio, se di recente hai ordinato una pizza da Pizza Hut, puoi semplicemente dire “quando arriverà la pizza” e Alexa ricorderà il contesto della tua conversazione. 

Le cose che le aziende dovrebbero considerare quando definiscono le competenze chiave del loro prodotto includono: 

Utilità: tutti gli assistenti AI dovrebbero servire a uno scopo funzionale chiaro, che si tratti di assistenti universali (capaci di fare una varietà di cose) o di assistenti di nicchia (come un chatbot di app di appuntamenti). È importante identificare un pubblico di destinazione e conoscere le sue aspettative, oltre a essere in grado di individuare attività utente specifiche in cui sono necessari miglioramenti. 
Rilevabilità: un buon assistente AI sarà facile da capire. Dovrebbero essere presenti meccanismi che rendano facile per gli utenti scoprire la funzionalità del prodotto. 
Feedback degli utenti: un meccanismo di feedback in cui gli utenti possono richiedere nuove competenze per un assistente intelligente è un ottimo modo per rimanere innovativi e continuare a soddisfare le esigenze dei consumatori. 
IA open-source
Amazon e Google attualmente formano il duopolio del mercato degli assistenti vocali: e più informazioni private raccolgono dai loro consumatori, più forte diventa il loro dominio. Pertanto, è facile per loro privilegiare i propri prodotti rispetto a quelli dei loro rivali. 

È possibile che, in futuro, gli sviluppatori di intelligenza artificiale open source rilasceranno più assistenti intelligenti che funzionano solo per i singoli utenti, anziché per un’azienda più grande con i propri obiettivi egoistici. Questo sarà difficile che accada poiché le risorse open source in genere non hanno le risorse che le grandi aziende hanno a loro disposizione. Formare un assistente virtuale è spesso irragionevolmente costoso: richiede vasti set di dati di campioni di linguaggio naturale annotati in modo doloroso da esperti umani. 

Tuttavia, Mycroft è un esempio di un’opzione come quella disponibile oggi: è “privato per impostazione predefinita e completamente personalizzabile”. Allo stesso modo, un team di ricercatori di Stanford ha anche sviluppato un assistente intelligente open source chiamato Almond che potrebbe ampliare la concorrenza e dare più privacy ai consumatori. 

Più gli assistenti AI si avvicinano a conversare con gli utenti e fanno sentire loro come se li conoscesse e rispettasse la loro privacy, più prezioso sarà il prodotto.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi