Home / curiosità / Come rimanere famosi dopo la morte la risposta dell’intelligenza artificiale

Come rimanere famosi dopo la morte la risposta dell’intelligenza artificiale

Come rimanere famosi dopo la morte. Gli scienziati dell’IA hanno una risposta 

Se sei un giovane personaggio pubblico e morirai di morte innaturale, allora ho buone notizie per te! Molto probabilmente sarai ricordato per molto tempo dopo la tua morte. Al contrario, se sei più vecchio, non sei un personaggio pubblico e morirai per una causa naturale, allora le probabilità che verrai dimenticato nel tempo sono forti.


Il ricordo di coloro che sono passati da questa vita è stato un tema importante nella storia umana. I nostri antenati ricordavano coloro che sono morti condividendo i loro ricordi con la generazione successiva sotto forma di storie e ballate. Si sedevano attorno a un fuoco e si scambiavano ricordi sperando che sarebbero passati attraverso le generazioni dopo di loro. Più tardi, quando fu inventata la macchina da stampa, gli esseri umani iniziarono a immagazzinare, raccogliere e diffondere informazioni su vasta scala. La stampa ha reso più facile raccogliere e conservare i ricordi del defunto perché è più facile conservare le informazioni scritte. Oggi, gli sviluppi nelle tecnologie di comunicazione come Internet hanno cambiato il modo in cui creiamo, archiviamo e conserviamo i ricordi. Internet ci consente anche di analizzare la memoria attraverso dati su larga scala in un quadro quantitativo.

Essere ricordati dopo la morte è stata una preoccupazione così importante nel corso della storia che civiltà come i romani consideravano la damnatio memoriae , o l’essere cancellati dalla memoria del pubblico, come una delle punizioni più severe che si possano immaginare. Ad un certo punto, molti di noi potrebbero essersi chiesti come verremo ricordati anche dopo essere passati da questa vita.

 

L’h-index, il numero di articoli di ricerca con lo stesso numero di citazioni, è uno dei modi più comuni per valutare il rendimento scolastico. È un numero molto importante nel mondo accademico. L’indice H medio e mediano per tutti gli articoli sottoposti a revisione paritaria al momento della promozione a Professore presso la JHU School of Medicine  è rispettivamente di 25 e 23. In informatica e matematica, gli scienziati non si citano l’un l’altro così spesso come in biomedicina e sono pochissimi i giovani informatici con l’H-index di 100. Quindi è naturale seguirli su Google Scholar e conoscere le loro ricerche. Uno degli studiosi che seguo è Jure Leskovec (h-index = 117) il coautore del famoso node2vec e un’autorità sulle reti neurali a grafo (GNN) .

Quindi immagina la mia sorpresa, quando ho visto l’articolo di Robert West , Jure Leskovec e Christopher Potts intitolato ” Memoria post-mortem di personaggi pubblici nelle notizie e nei social media ” nel mio Scholaralimentazione. Non conosco nessuno degli autori personalmente, ma in base al loro lavoro, sono estremamente credibili e produttivi. In questo articolo gli autori hanno identificato le tendenze e analizzato il modo in cui le persone vengono ricordate nelle notizie e nei social media un anno prima e dopo la morte. Tecnicamente risponde a una domanda per quanto tempo durerà il tuo nome nella memoria delle persone dopo la tua morte. Sappiamo cosa dovevi fare nell’antica Grecia per farlo durare (ciao Achille!) ma che dire di oggi? Quindi, se ti sei mai chiesto come puoi rimanere famoso dopo la tua morte, allora questo articolo è per te!

Robert è un assistente professore presso la School of Computer and Communication Sciences presso il Politecnico federale di Losanna, dove dirige anche il laboratorio di data science. Jure è professore associato di informatica alla Stanford University. È anche un investigatore presso l’organizzazione di ricerca senza scopo di lucro Chan Zuckerberg Biohub. Nel frattempo, Christopher è professore e presidente del dipartimento di linguistica alla Stanford University.

 
Nonostante i loro diversi background, i tre hanno alcune cose in comune: sono esperti nel campo dell’intelligenza artificiale e dell’analisi dei dati.

In questo breve ma affascinante documento, i tre scienziati hanno seguito le menzioni di 2.362 personaggi pubblici nelle notizie online in lingua inglese e nei social media (Twitter) un anno prima e dopo la morte. Le persone tracciate sono morte tra il 2009 e il 2014. Hanno quindi esaminato il picco e il decadimento dell’attenzione dopo la morte e hanno modellato i due come l’interazione tra la memoria comunicativa, che è “sostenuta dalla trasmissione orale di informazioni” e la memoria culturale, che è ” sostenuta dalla registrazione fisica delle informazioni”.

Per tenere traccia delle menzioni, hanno combinato la knowledge base di Freebase con le notizie online e i social media compilati tramite Spinn3r, un servizio di aggregazione di media online che tiene traccia delle citazioni da un set completo di tutti i 6.608 domini web in lingua inglese indicizzati da Google News e dai media post da Twitter . Per ciascuna delle 2.362 persone, gli scienziati hanno monitorato la frequenza con cui sono state ricordate nei due media su base giornaliera durante l’anno prima e l’anno dopo la morte. Questo ha permesso loro di quantificare i picchi e il decadimento dell’attenzione che seguono la morte di personaggi pubblici. 

L’analisi delle frequenze delle citazioni ha rivelato che per la maggior parte dei personaggi pubblici, subito dopo la morte è seguito un forte aumento dell’attenzione dei media, per cui la frequenza delle citazioni è aumentata del 9.400% nelle notizie e del 28.000% su Twitter nella mediana. La frequenza media di menzione è poi diminuita circa un mese dopo la morte e alla fine è decaduta lentamente al livello pre-mortem. Queste due fasi sono coerenti con le due componenti della memoria collettiva: la memoria comunicativa, che prevale all’inizio e decade rapidamente, e la memoria culturale, che domina a partire da circa due settimane dopo la morte e decade lentamente.

Sulla base dello studio, i ricercatori hanno concluso che gli artisti rimangono più presenti nella memoria collettiva perché tendono a lasciare un’eredità che può sopravvivere loro a lungo, mentre leader, atleti, ecc. che sono degni di nota per le azioni che intraprendono durante la loro vita, sono di diminuzione dell’interesse una volta che non possono più replicare le loro azioni. Questo è più pronunciato per i leader. Gli artisti si distinguono anche rispetto alla memoria culturale, mentre nessun tipo di notabilità si distingue rispetto alla memoria comunicativa. Anche Ceteris paribus, una morte innaturale, ha aumentato il rango rispetto alla menzione a breve termine. Anche l’effetto dell’età alla morte è stato significativo. Ad esempio, su Twitter, l’aumento post-mortem è stato associato in modo monotono e negativo all’età al momento della morte. Allo stesso modo,

Separatamente, lo studio ha anche rivelato che gli utenti di Twitter prestano meno attenzione alla morte di un vecchio personaggio pubblico o leader. Le morti di queste povere anime sono state potenziate maggiormente dalle notizie sia a breve che a lungo termine. Inoltre, i ricercatori hanno notato che studi futuri potrebbero anche aggiungere linguaggio, tono e atteggiamento nei confronti dei personaggi pubblici un anno prima e dopo la morte per vedere se lo studio sarebbe giunto a una conclusione diversa.

Per concludere, i ricercatori hanno scoperto che il più grande aumento post-mortem nell’attenzione dei media in lingua inglese può essere descritto come un anglofono di qualsiasi genere che era già noto prima della morte e morì di morte giovane e innaturale. Quindi, cerca di diventare famoso prima di morire se vuoi essere ricordato a lungo!

E se sei interessato ai modi per evitare di morire prematuramente e guadagnare un po’ di tempo per diventare famoso, considera la possibilità di trovare più modi per vivere più a lungo e partecipare all’ottava conferenza sulla ricerca sull’invecchiamento e la scoperta dei farmaci organizzata dall’Università di Copenhagen e dalla Columbia University. Sono sicuro che un modo per diventare famosi in tarda età sia stabilire un record di longevità, attualmente detenuto da Jeanne Calment (122,5).

 

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi