Home / Economia / Come vincere la corsa agli armamenti di Intelligenza artificiale contro la Cina

Come vincere la corsa agli armamenti di Intelligenza artificiale contro la Cina

Come vincere l’AI Arms Race
La Cina ha accesso a un database di riconoscimento facciale più grande, ma anche gli Stati Uniti hanno dei vantaggi
Steven Strauss

E Gliesperti concordano sul fatto che ci stiamo dirigendo verso un futuro in cui la leadership globale dell’intelligenza artificiale si tradurrà in dominio economico e militare . Sfortunatamente, i regimi autoritari, come la Cina, presentano vantaggi intrinseci nella ricerca e nello sviluppo. La formazione dei sistemi di intelligenza artificiale richiede dati, molti dei quali.Big data è il olio dell’era digitale e chiunque ne abbia la maggior parte – alla massima qualità e al minor costo – avrà un vantaggio comparativo.
Il montaggio e l’utilizzo di set di big data nei paesi sviluppati, tuttavia, può essere complicato, per motivi legali e di privacy. Ad esempio, l’Unione Europea sta prendendo in considerazione delle regole che danno a ciascun individuo il diritto di controllare come i propri dati facciali possono essere usati nella tecnologia di riconoscimento facciale – che rallenterà (probabilmente) lo sviluppo.
Nel frattempo, la Cina sta sviluppando il suo software di riconoscimento facciale su una base senza ostacoli, utilizzando un set di dati di grandi dimensioni sviluppato dalle immagini su centinaia di milioni di carte d’identità emesse dal governo – probabilmente il più grande set di dati di identificazione facciale al mondo, dal momento che tutti in Cina hanno superato l’età di 16 deve avere una carta d’identità .
I ricercatori utilizzano set di dati sanitari per addestrare l’intelligenza artificiale a prevedere l’ insufficienza renale , il cancro al seno o altri problemi di salute. Le preoccupazioni sulla privacy rallenteranno quasi sicuramente questa ricerca nei paesi sviluppati. Vuoi che Google sappia se sei a maggior rischio di sviluppare il cancro? Cosa farebbe Google con tali informazioni e a chi potrebbero essere vendute?
Al contrario, un regime autoritario come la Cina non sarà rallentato dai diritti umani e dalle preoccupazioni sulla privacy durante l’assemblaggio di grandi set di dati in termini di salute, lingua, riconoscimento facciale o qualsiasi altra cosa.
Inoltre, i set di dati AI assemblati da società private nei paesi sviluppati saranno probabilmente trattati come proprietari. Supponiamo che un’azienda di intelligenza artificiale con sede negli Stati Uniti costruisca con successo (a grandi spese) un set di dati utile per prevedere i problemi renali e addestra la sua IA per prevedere con precisione l’insufficienza renale. L’azienda non avrà alcun incentivo monetario per rendere disponibile tale set di dati proprietari ad altre aziende. Ma un regime autoritario potrebbe trattare i set di dati come una risorsa nazionale, da condividere tra ricercatori e imprenditori, come indicato dal governo. Essendo il più grande paese del mondo , per dimensione del PIL (in base alla parità del potere d’acquisto) e popolazione (circa 1,4 miliardi di persone), la Cina ha molte risorse.
Già, la futurista Amy Webb ha identificato tre società cinesi tra le nove che guidano l’accusa nell’intelligenza artificiale – il resto proviene dagli Stati Uniti. E secondo una ricerca condotta dall’Allen Institute for Artificial Intelligence , la Cina è quasi uguale (e potrebbe presto superare) gli Stati Uniti per qualità e quantità di documenti accademici di AI.
Storicamente, i regimi autoritari non hanno funzionato bene con tecnologie all’avanguardia.


Gli Stati Uniti sono attualmente in una posizione forte nell’intelligenza artificiale e la Cina deve affrontare le sue sfide uniche. Nello sviluppo dell’IA, o di qualsiasi tecnologia, è fondamentale conservare e reclutare talenti. Si stima che circa il 50% dei milionari cinesi voglia lasciare definitivamente la Cina. Una debolezza ancora maggiore è che anche molti della crescente generazione di scienziati cinesi vogliono andarsene. In un recente sondaggio, l’ 87% degli studenti cinesi che studiano negli Stati Uniti per un dottorato di ricerca ha dichiarato di voler rimanere dopo la laurea (e, non è chiaro, l’altro 13% intende tornare in Cina). Sebbene ciò possa riflettere una certa propensione alla selezione in quanto gli studenti che desideravano uscire dalla Cina hanno maggiori probabilità di studiare negli Stati Uniti, suggerisce che la Cina è in svantaggio nella competizione per i talenti. Ille recenti proteste a Hong Kong hanno probabilmente solo aumentato le preoccupazioni dei ricercatori cinesi riguardo alla libertà di parola e di pensiero.
Storicamente, i regimi autoritari non hanno funzionato bene con tecnologie all’avanguardia. I ricercatori di solito preferiscono un’atmosfera di libertà politica e accademica e le dittature non sono adatte all’allocazione delle risorse. La Russia comunista ha perso la guerra fredda tecnologica e la corsa sulla luna. Durante la seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti vinsero la corsa allo sviluppo della bomba atomica e la Germania nazista perse. D’altra parte, la Cina sembra aver padroneggiato (finora) l’arte di essere un regime autoritario che promuove l’innovazione tecnologica.
È tempo che gli Stati Uniti e i suoi alleati prendano sul serio una corsa tecnologica di tipo Guerra Fredda attorno all’intelligenza artificiale – forse investendo nella creazione di set di big data condivisi o forse investendo nel reclutamento dei migliori scienziati di intelligenza artificiale del mondo. L’Occidente ha vinto la Guerra Fredda originale, con molti talenti scientifici importati. Quindi, per esempio, se i migliori ricercatori cinesi di IA vogliono venire negli Stati Uniti, dovrebbero essere i benvenuti.
Abbiamo molto lavoro da fare, ma è indispensabile che le democrazie mantengano, e preferibilmente crescano, il loro vantaggio comparativo nell’intelligenza artificiale – l’alternativa sarebbe un mondo dominato da stati autoritari abilitati all’intelligenza artificiale.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi