Home / Società / Dove ci porterà l’intelligenza artificiale nel 2019?

Dove ci porterà l’intelligenza artificiale nel 2019?


CEO di Lexalytics , leader nelle soluzioni di analisi del testo in cloud e

Benvenuto nell’anno del “medium”.

Per diversi anni, l’intelligenza artificiale (AI) è stata in primo piano nelle onnipresenti liste di previsioni tecnologiche che emergono in questo periodo dell’anno. Alla domanda su cosa porterà il mondo nel 2019, l’intelligenza artificiale è un motivo normale. Ma l’intelligenza artificiale non è solo una semplice innovazione o tecnologia: è un intero campo e uno che plasmerà il nostro panorama economico e sociale in vari modi. In qualità di CEO di un’azienda che promuove l’apprendimento automatico e l’innovazione AI per aiutare le aziende a ottenere informazioni dai loro dati basati su testo e non strutturati, ho voluto condividere le mie opinioni su ciò che mi aspetto che vedremo dall’IA nel 2019.

I proponenti di IA in genere sono andati in una delle due direzioni: swing big o start small. Da una parte, una piccola fortuna è stata spesa per tentare di affrontare questioni importanti ma mal definite, come l’assistenza sanitaria, i trasporti e il consumo di energia. Grandi problemi come questi sono semplicemente troppo grandi per lo stato attuale dell’IA. Dall’altra parte, l’intelligenza artificiale è stata utilizzata per attività di routine, come l’invio di e-mail automatizzate dopo aver completato una transazione bancaria. Problemi semplici come questi sono già stati risolti e, dato il loro impatto minimo sul business, non vale più la pena di perseguire. Nel 2019, mi aspetto di vedere qualcosa nel mezzo. Potremmo non curare il cancro, ma lavoreremo su qualcosa di più impegnativo dell’utilizzo dell’IA per riconoscere la parola “cancro” – come prevedere il modo in cui i tumori crescono e si diffondono .

Ci sarà un focus sulla tattica.

In una nota simile, vedremo anche uno spostamento verso la tattica. Piuttosto che mirare a risolvere problemi di vasta portata a livello di sistemi, l’AI nel 2019 esaminerà i problemi che possono essere più facilmente definiti e i cui esiti sono più misurabili. Un approccio incrementale consente risultati più specifici, efficienti e produttivi, oltre a allocazioni più efficaci delle risorse. Accetta la sfida delle auto a guida autonoma. Piuttosto che saltare nella mischia con un veicolo completamente autonomo, un certo numero di case automobilistiche hanno iniziato con un’innovazione su piccola scala: la frenata di emergenza automatica. È una tecnologia che verrà incorporata nei veicoli a guida autonoma, ma nel frattempo sta risolvendo un problema più granulare: gli arresti anteriori-posteriori. C’è un reale ritorno sull’investimento (ROI) legato alla tecnologia. Allo stesso modo, mentre non risolverà il cambiamento climatico, l’intelligenza artificiale è sempre più sofisticata quando si tratta di modellarne l’impatto. I dati su vasta scala raccolti da organizzazioni come la NASA o l’US Geological Survey possono essere utilizzati per l’identificazione e la riduzione dei rischi, aiutandoci a rispondere meglio a eventi meteorologici gravi, come inondazioni o incendi boschivi.

Aspettatevi più proteste sulla tecnologia di riconoscimento facciale.

La tecnologia di riconoscimento facciale è stata presentata ai consumatori sia come praticità che come sicurezza, ma i tecnici non la acquistano. Lo staff di Google e Amazon, tra gli altri, è sceso in strada per protestare contro i ruoli dei loro datori di lavoro nei contratti governativi relativi alle forze dell’ordine utilizzando la tecnologia di riconoscimento facciale e l’esercito che utilizza l’intelligenza artificiale per migliorare gli attacchi dei droni. Con l’intelligenza artificiale ora in grado di riconoscere i volti anche se oscurati da occhiali, sciarpe e cappelli o per identificare le persone in base alle loro passeggiate , ci sono delle vere preoccupazioni riguardo a quali potenze avranno a che fare con la tecnologia nel 2019 e oltre.

L’IA ci batterà in un’altra partita.

Negli ultimi anni, AI ci ha battuto in Go e anche in Texas Hold-Em. L’intelligenza artificiale ha anche tenuto testa a giochi come Pac-Man e Dota 2, suggerendo che presto sarà un avversario praticabile in quasi tutti i generi di gioco. Con aziende come Google ed Elon Musk’s OpenAI – insieme ad un certo numero di università – che lavorano per garantire la supremazia degli IA nel mondo dei giochi, non è una grande possibilità scommettere che il 2019 vedrà gli umani arrivare secondo in AI in un altro gioco. Perché questo importa? Mostra come l’intelligenza artificiale sia progredita dall’essere in grado di risolvere i giochi di “informazioni perfette”, dove tutto ciò di cui ha bisogno per risolvere un problema è giusto prima di esso, per essere in grado di gestire quelli in cui alcune informazioni sono nascoste. Quest’ultimo richiede un approccio laterale più complesso, piuttosto che scricchiolare migliaia di possibilità e scegliere il migliore. Questo tipo di risoluzione dei problemi può essere applicato a molto più dei semplici giochi.


Alcuni verticali godranno di un boom.

Il settore bancario, dell’ospitalità e della vendita al dettaglio hanno sfruttato il potere dell’IA per anni. Ma i verticali che faranno breccia nel 2019 sono medici e farmaceutici. Con l’attuale spinta a ridurre i costi e i prezzi dei farmaci da prescrizione, l’industria farmaceutica ha molti incentivi per adottare un approccio più mirato ed efficiente, e l’IA lo renderà possibile. I professionisti del settore farmaceutico useranno l’intelligenza artificiale per combinare dati in tempo reale con risposte personalizzate, portando soluzioni farmaceutiche su misura per i consumatori proprio quando ne hanno bisogno. La medicina, d’altra parte, toccherà l’intelligenza artificiale per aiutare con il triage, l’analisi delle immagini e il processo decisionale- oltre a ridurre l’onere per i medici. Una delle ragioni per cui l’assistenza sanitaria vedrà i principali progressi dell’IA nel 2019 è l’implementazione del 5G, che renderà gli approcci alla medicina virtuale, come il monitoraggio remoto, fattibili e convenienti. In secondo luogo, l’intelligenza artificiale ha raggiunto il punto in cui le sue capacità diagnostiche sono sufficientemente sofisticate da consentirle di agire come seconda opinione .

L’IA avrà un altro grande anno.

Come ho recentemente condiviso con all’interno diBIGDATA , continuiamo a vedere significativi investimenti nell’IA e grandi aspettative circa l’IA di crescita che si verificherà nel prossimo futuro. Sembra che quest’anno sarà un altro grande per l’industria. E questo è fantastico per tutti noi.

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi