Il produttore australiano di veicoli robotici GaardTech ha annunciato giovedì un contratto per fornire il suo veicolo da combattimento senza equipaggio Jaeger-C all’esercito australiano per dimostrazioni nel 2022. Mentre altri progetti tendono a concentrarsi su robot come portacarichi o esploratori, il Jaeger-C è un su macchina d’attacco con funzioni sia anticarro che antiuomo.

Il Jaeger-C è un veicolo terrestre da combattimento  senza equipaggio

 
La Jaeger-C su ruote è una piccola macchina dal profilo basso progettata per attaccare da un’imboscata. In un certo senso, potrebbe essere vista come una miniera robotica mobile. Ciò è particolarmente vero perché i produttori notano che può essere controllato a distanza o funzionare “in modo autonomo con analisi delle immagini e modelli addestrati collegati ad azioni robotiche”, secondo un rapporto di Overt Defense . Questo suona molto come il tipo di deep learning sempre più utilizzato per il riconoscimento automatico di altri bersagli, una tendenza guidata dalla pronta disponibilità di nuovo hardware a basso costo per piccoli sistemi senza equipaggio.

Il Jaeger-C tenderà un’imboscata in modalità Gaard, una modalità di orologio silenzioso a lungo termine, fino a quando non rileverà potenziali bersagli. Passerà quindi alla modalità Carro o Golia a seconda che i bersagli siano persone o veicoli.

 

In modalità Chariot, il robot ingaggia bersagli con un’arma nascosta, che è probabilmente una mitragliatrice media da 7,62 mm. Potrebbe anche essere qualcosa come il fucile da cecchino da 6,5 ​​mm in un pod per fucile senza pilota per scopi speciali recentemente visto montato su un robot quadrupede .

In modalità Golia, il robot esegue un attacco kamikaze su un veicolo. Questo prende il nome dalla miniera cingolata Golia dispiegata dalle forze tedesche nella seconda guerra mondiale. Conosciuti come il “carro armato degli scarabei”, questi piccoli veicoli cingolati erano lunghi meno di cinque piedi ma trasportavano una carica esplosiva di cento libbre e venivano usati contro carri armati e fortificazioni.

Il Jaeger-C trasporta una carica a forma di perforazione dell’armatura; la dimensione non è specificata, ma è probabile che sia almeno paragonabile alla testata da 20 libbre sul Javelin FGM-148 e ha l’enorme vantaggio di attaccare la pancia del carro armato dove l’armatura è più sottile.


Ovviamente lo Jaeger-C sarà efficace solo se raggiunge l’obiettivo. La più grande debolezza dell’originale Goliath della seconda guerra mondiale era il cavo di controllo di 2.000 piedi che poteva essere tagliato, rendendolo indifeso. Il funzionamento autonomo – o semi-autonomo in cui il bersaglio viene approvato prima da un operatore umano – significa che Jaeger-C funzionerà anche se inceppato.

Il Goliath della seconda guerra mondiale si mosse a meno di 4 mph; secondo quanto riferito, lo Jaeger-C ha una velocità massima di oltre 50 mph. Sebbene sia probabile che sia molto più lento in pratica, darà ai difensori meno possibilità di intraprendere un’azione evasiva. I produttori hanno anche compiuto notevoli sforzi per rendere il veicolo a prova di proiettile.

 

Un tweet di GaardTech di luglio mostra un Jaeger-C segnato da proiettili “pronto a partire dopo 50 colpi di cecchino da 7,62 mm a 50 metri”. La compagnia dice che questo equivale a due raffiche di fuoco dalla mitragliatrice coassiale di un carro armato con ogni colpo che colpisce. Lo strato esterno dell’armatura è stato danneggiato ma non penetrato e il secondo e il terzo strato non sono stati raggiunti.

“Il fuoco di MG [mitragliatrice] non ha alcun effetto su Jaeger-C”, conclude il Tweet.

In un video di test in modalità Goliath (vedi sotto), uno sciame di robot Jaeger-C viene mostrato mentre esegue un attacco cooperativo su un bersaglio, proveniente da diverse angolazioni. L’ultimo robot determina che il bersaglio è già stato distrutto e cessa il suo attacco.

L’esercito degli Stati Uniti ha recentemente iniziato a includere i robot ” nemici” nelle sue esercitazioni . L’introduzione di nuove tecnologie come il Jaeger-C suggerisce che le minacce robotiche saranno probabilmente sempre più comuni sul campo di battaglia e diventeranno solo più capaci.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi