Home / Filosofia e IA / Google e l’intelligenza artificiale per valutare le domande di brevetto

Google e l’intelligenza artificiale per valutare le domande di brevetto

Google propone di applicare l’IA alla generazione e alla categorizzazione delle domande di brevetto

Quando si tratta delle aspettative dei clienti, la pandemia ha cambiato tutto
Scopri come accelerare il servizio clienti, ottimizzare i costi e migliorare il self-service in un mondo incentrato sul digitale.

Google afferma che l’industria dei brevetti trarrà vantaggio da modelli di intelligenza artificiale e apprendimento automatico come BERT , un algoritmo di elaborazione del linguaggio naturale che ha raggiunto risultati all’avanguardia quando è stato rilasciato nel 2018. In un white paper pubblicato oggi, il gigante della tecnologia delinea una metodologia per addestrare un modello BERT su oltre 100 milioni di pubblicazioni di brevetti degli Stati Uniti e di altri paesi utilizzando strumenti open source, che possono quindi essere utilizzati per determinare la novità dei brevetti e generare classificazioni per facilitare la categorizzazione.

Il corpus globale dei brevetti è ampio, con milioni di nuovi brevetti rilasciati ogni anno. È anche complesso. Le domande di brevetto hanno una media di circa 10.000 parole e sono meticolosamente forgiate da inventori, avvocati ed esaminatori di brevetti. I depositi di brevetti sono scritti anche con un linguaggio che può essere incomprensibile ai lettori non professionisti e fortemente dipendente dal contesto; molti termini sono usati per indicare cose completamente diverse in brevetti diversi.

Per tutti questi motivi, Google ritiene che il dominio dei brevetti sia maturo per l’applicazione di algoritmi come BERT. I brevetti, osserva la società, rappresentano un enorme valore commerciale per un certo numero di organizzazioni, con aziende che spendono decine di miliardi di dollari all’anno per sviluppare tecnologia brevettabile e negoziare i diritti per utilizzare la tecnologia risultante e gli uffici brevetti.

“Ci auguriamo che la nostra [proposta] aiuterà la più ampia comunità dei brevetti nella sua applicazione dell’apprendimento automatico, compresi i dipartimenti brevetti aziendali che cercano di migliorare i loro modelli interni e gli strumenti con tecniche di apprendimento automatico più avanzate, uffici brevetti interessati a sfruttare lo stato di avanzamento -art approcci di apprendimento automatico per assistere con l’esame dei brevetti e la ricerca della tecnica precedente, l’apprendimento automatico e l’elaborazione del linguaggio naturale ricercatori e accademici che potrebbero non aver preso in considerazione l’utilizzo del corpus dei brevetti per testare e sviluppare nuovi algoritmi di elaborazione del linguaggio naturale “, i data scientist di Google Rob Srebrovic e Jay Yonamine ha scritto in un post sul blog. “Ricercatori e accademici in materia di brevetti che potrebbero non aver considerato l’applicazione dell’algoritmo BERT o di altri approcci basati sui trasformatori al loro studio di brevetti e innovazione”.

Come riportato di recente da VentureBeat , le aziende non sono le uniche a trarre vantaggio dall’intelligenza artificiale per quanto riguarda l’elaborazione dei brevetti. L’US Patent and Trademark Office (USPTO) ha costruito modelli di intelligenza artificiale per diverse categorie di brevetti e quindi ha addestrato i modelli sul testo dagli abstract dei brevetti. Separatamente, il personale dell’USPTO utilizza l’intelligenza artificiale per elaborare in modo più efficiente le domande di brevetto. Secondo un portavoce, l’agenzia sta ora utilizzando un “fornitore leader di RPA” per centralizzare i propri sforzi sui bot e garantire un processo e un modello di governance adeguati che includano casi d’uso, sviluppo, test e sicurezza prima che i bot vengano distribuiti.

“Stiamo lavorando per aggiungere strumenti di intelligenza artificiale per aiutare a instradare le domande agli esaminatori più rapidamente e per aiutare gli esaminatori a cercare la tecnica precedente”, ha detto Andrei Iancu, sottosegretario al commercio degli Stati Uniti per la proprietà intellettuale, in una risposta inviata via email a VentureBeat in ottobre. “Siamo stati attivi anche sul lato dei marchi, esplorando l’uso dell’IA per trovare immagini simili precedenti e per identificare quelli che chiamiamo campioni fraudolenti. Stiamo esplorando l’utilizzo dell’IA per migliorare l’accuratezza e l’integrità del registro dei marchi “.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi