Home / Economia / Google ha aperto il suo primo laboratorio di Intelligenza Artificiale in Africa in Ghana

Google ha aperto il suo primo laboratorio di Intelligenza Artificiale in Africa in Ghana

Un contadino rurale in Tanzania aleggia su una pianta di manioca avvizzita con il suo telefono. In pochi secondi ottiene una diagnosi della malattia che colpisce la sua pianta e il modo migliore per gestirla per aumentare la sua produzione.

L’agricoltore ha utilizzato un’app sul suo telefono basata su TensorFlow, la macchina Artificial Intelligence (AI) di Google che la società ha esternalizzato per aiutare gli sviluppatori a creare soluzioni ai problemi del mondo reale.
Quando la gente pensa all’intelligenza artificiale, molto probabilmente pensa a scene di film di fantascienza, ma in realtà, si applica alla vita di tutti i giorni dagli assistenti virtuali alla traduzione linguistica su Google, afferma John Quinn, ricercatore di intelligenza artificiale.
Google ora vuole posizionarsi come azienda “AI first” e con centri di ricerca in tutto il mondo in luoghi come Tokyo, Zurigo, New York e Parigi.
E la scorsa settimana, la società tecnologica ha aperto il suo primo centro in Africa nella capitale del Ghana, Accra.
Benefici di AI
L’AI può essere applicata in settori come agricoltura, salute e istruzione, e Moustapha Cisse, lo scienziato che dirige gli sforzi di IA in Google in Africa, afferma che l’obiettivo del suo team è fornire agli sviluppatori le ricerche necessarie per costruire prodotti in grado di risolvere i problemi che l’Africa affronta oggi.

“La maggior parte di ciò che facciamo nei nostri centri di ricerca di Google e non solo in Accra, lo pubblichiamo e il codice open source, in modo che tutti possano usarlo per costruire ogni sorta di cose”, ha detto.
Cisse ha citato l’app utilizzata dal contadino tanzaniano per diagnosticare la sua malattia di manioca come un esempio del tipo di prodotto che la sua squadra intende collaborare con istituti competenti in vari settori.
“Un team della Pennsylvania University e dell’International Institute of Tropical Agriculture che utilizza TensorFlow per costruire nuovi modelli di intelligenza artificiale che vengono distribuiti sui telefoni per diagnosticare malattie delle colture.
“Questo non è stato fatto da noi ma da persone che usano gli strumenti che abbiamo costruito.
Ghana è il futuro dell’Africa: perché Google ha creato un laboratorio di intelligenza artificiale ad Accra
“Il Ghana è il futuro dell’Africa”: perché Google ha costruito un laboratorio di intelligenza artificiale ad Accra
“Quando facciamo scienza, i risultati della nostra ricerca, di solito e speriamo, perché sono di buona qualità, vanno ben oltre le nostre aspettative e speriamo di vedere accadere le stesse cose qui ad Accra e in tutta l’Africa”, ha detto Cisse.
Cisse, un esperto del Senegal, afferma che il centro si impegna direttamente con i ricercatori delle università africane fornendo borse di studio a coloro che sono interessati ai vari campi dell’IA e che hanno conseguito il dottorato. borse di studio.
Ha aggiunto che Google supporta anche i programmi di perfezionamento in Machine Intelligence presso il Centro africano per le scienze matematiche in Ruanda.
Cisse è a capo di un team composto da nove persone che comprendono ricercatori e ingegneri informatici. I membri del team provengono da nove paesi diversi come il Lesotho, l’Uganda e l’Irlanda, tra gli altri.
È un team eterogeneo e Cisse afferma che è importante che gli africani siano in prima linea nel fornire soluzioni ai problemi nel loro continente.

Il centro si concentrerà anche sul miglioramento della capacità di Google Translate di catturare le lingue africane in modo più preciso, con Cisse che afferma che un continente con più di 2000 dialetti merita di essere servito meglio.
Google si unisce a Facebook e altre aziende tecnologiche, nel lanciare progetti in Africa con un occhio attento sulla crescente popolazione giovanile del continente.
Bias algoritmico
Anche così, le aziende della Silicon Valley continuano a lottare con la diversità. Un recente rapporto di CNNBusiness mostra che molti dipendenti vogliono un vero cambiamento dalle loro aziende dopo anni di retribuzione del servizio.
Poiché l’intelligenza artificiale funziona fondamentalmente sulla base dei dati che vengono alimentati, a volte mostra un pregiudizio del mondo reale che non è inclusivo e rappresentativo di tutti gli utenti finali, dice Nyalleng Moorosi, un ingegnere del software al centro il cui lavoro si concentra sulla creazione di AI più diversificato.

Non molto tempo dopo il suo lancio nel 2015, Google Foto ha etichettato le immagini di persone di colore come “gorilla”, attirando critiche e lasciando la società a rimescolare per risolvere il problema.
Moorosi, che proviene dal Lesotho e ha conseguito una laurea in un college di arti liberali, afferma che il suo background significa che vede il problema come un problema umano che deve essere risolto diversificando i campioni usati per raccogliere i dati.
Ha detto che più africani sarebbero stati inclusi nella raccolta di dati per fornire una rappresentazione accurata degli utenti.
“Quando costruisci qualcosa, pensi che funzionerà solo per il mondo che conosci e il tuo vicinato e dimenticherai che forse può essere così grande da essere schierato nei quartieri stranieri”, ha detto Moorosi.
“Il modo migliore per fare questo è avere team diversi che lavorano su questi algoritmi e poi arriveremo da qualche parte.”
Preoccupazioni relative alla privacy
L’intelligenza artificiale funziona perché vengono alimentati molti dati personali e con ciò arrivano preoccupazioni sulla privacy su ciò che accade ai dati che le persone consegnano a una grande azienda come Google.
Cisse afferma che i principi dell’IA di Google mirano a creare fiducia tra le persone che creano la tecnologia e gli utenti finali e che la tecnologia deve essere allineata con i valori della società.
“Dobbiamo costruire un algoritmo che sia equo e rispetti la privacy dell’utente ed è trasparente”, ha affermato.
Ora che il centro è operativo dopo aver avviato alcuni mesi di ritardo, la scommessa di Google sull’AI che ha un effetto di trasformazione in Africa sarà ora messa alla prova.
Il continente sta aspettando.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi