Home / Economia / Hyperscience raccoglie 60 milioni di dollari

Hyperscience raccoglie 60 milioni di dollari

New York Startup Hyperscience raccoglie $ 60 milioni in offerta per diventare il prossimo breakout del software di automazione

Peter Brodsky stava gestendo un team di ingegneri presso SoundCloud nel 2013, quando per la prima volta ebbe l’impulso di automatizzare parte del suo lavoro. Esperto di apprendimento automatico, Brodsky ha trascorso ore a immettere ed elaborare dati in modo che fosse pronto per l’uso dagli algoritmi più potenti di SoundCloud in grado di classificare i brani e raccomandarli agli ascoltatori. “Volevamo automatizzare i nostri vecchi lavori”, afferma Brodsky. “Prima che ne avessimo la possibilità, abbiamo scoperto che ciò che stavamo facendo attraverso il codice, le organizzazioni più grandi lo stavano facendo a mano.”

L’anno seguente, Brodsky e due di questi ingegneri hanno co-fondato Hyperscience, una startup nello spazio di automazione che funziona con – e presenta una potenziale sfida futura – una vivace categoria di software chiamata automazione di processi robotici, o RPA. Sei anni dopo, Hyperscience sta emergendo come una delle start-up aziendali più apprezzate nell’ecosistema tecnologico di New York. La società ha annunciato giovedì di aver raccolto $ 60 milioni in un round di finanziamento di serie C guidato da Bessemer Venture Partners. Hyperscience non ha rivelato la sua valutazione, ma è probabile che l’investimento valuti l’avvio di oltre $ 250 milioni.

Il software in grado di scansionare moduli e ripulire i dati è tutt’altro che nuovo. La categoria RPA, che affronta il problema attraverso “robot” programmabili che possono svolgere un compito ripetitivo al posto di un essere umano, ha supportato un’azienda pubblica con una capitalizzazione di mercato di oltre $ 1 miliardo, Blue Prism, oltre a diverse startup per un valore di circa 7 miliardi di dollari, Automation Anywhere e UiPath supportati da Softbank, un’azienda con sede a New York fondata a Bucarest, in Romania . A maggio, Microsoft ha acquisito un suo lettore RPA più piccolo chiamato Softomotive.

Hyperscience collabora con molti di questi giocatori, tra cui Blue Prism e UiPath, ma alla fine è in competizione per la stessa attività: i processi di lavoro di tipo back-office che sono essenziali per le aziende, specialmente quelle più grandi, ma che non contribuiscono al loro prodotto principale . Ciò può includere l’elaborazione di richieste di risarcimento e iscrizioni a programmi, domande di mutuo e la miriade di moduli necessari per la conferma, il tracciamento e l’elaborazione delle ricevute e delle fatture con i fornitori commerciali. Come i leader di RPA, Hyperscience ha trovato domanda in settori come i servizi finanziari, dove conta TD Ameritrade e Fidelity come clienti, nonché assicurazioni, vendita al dettaglio, logistica, sanità e governo.

Ciò che Hyperscience non fa alle società RPA, afferma il suo CEO, è riscrivere e migliorare i processi aziendali stessi. Il software RPA aggiunge essenzialmente uno strato di codice che unisce diversi sistemi per renderli automatizzabili, afferma Brodsky; L’approccio di Hyperscience, che chiama gestione definita dal software, è in grado di rilevare il miglior processo che porterebbe a un certo risultato, anche se nessun essere umano l’ha ancora messo in atto. “RPA affronta una minaccia esistenziale dal fatto che hanno attaccato il loro carro a una stella legacy”, afferma Brodsky. “Con o senza di noi, i sistemi legacy si estingueranno inevitabilmente; questo è ciò che fanno i sistemi legacy. Vogliamo aiutare le aziende a definire i loro processi aziendali nello stesso modo in cui scrivono software. “

Con il nuovo finanziamento, Hyperscience, che ha 145 dipendenti negli uffici di New York, Sofia, Bulgaria e Londra, ha raccolto $ 111 milioni da investitori tra cui Tiger Global, Stripes Group, FirstMark, Felicis Ventures e ora Bessemer. In Bessemer, il partner Elliott Robinson afferma che la speranza è che Hyperscience possa fare qualcosa che l’RPA non ha raggiunto facilmente: creare sistemi che sappiano quando fare il looping negli umani e quando lasciarli fuori da un processo, in un modo che non richiede un tocco pesante da parte di analisti aziendali esterni. (I giocatori di RPA come UiPath sono cresciuti in modo così veloce in parte grazie alle partnership con le più grandi società di consulenza del mondo, che possono guadagnare più soldi per contratto rispetto al fornitore di software per creare e gestire i suoi robot.)

Hyperscience ha chiuso il suo giro a marzo dopo un primo trimestre del 2020, in cui la società afferma di aver aumentato i ricavi del 300%; il giorno dopo la firma del termine, il mercato ha perso 2000 punti. “Sei seduto lì come un investitore a chiederti, hmm, okay, come mi sento riguardo all’accordo che ho concluso”, dice Robinson. Ma Hyperscience non ha mai perso un cliente, sostiene l’investitore, e Brodsky afferma che la sua startup ha visto un aumento della domanda da quando Covid-19 ha spinto le aziende a lavorare in remoto. “Stiamo assistendo a grandi trasformazioni digitali delle imprese globali che si verificano ad un ritmo negli ultimi due mesi che non credo di aver mai visto prima nella mia carriera”, afferma Robinson.

Annunciando il suo finanziamento come protesta a sostegno del movimento Black Lives Matter e contro la violenza della polizia che attanaglia la nazione, Hyperscience ha anche dovuto fare i conti con il ruolo del suo software nella società. Brodsky insiste, come i suoi coetanei con unicorno RPA, che la sua tecnologia può potenziare i lavoratori liberandoli a lavori più complessi e retribuiti, aumentando nel contempo la base della qualità dell’assistenza per i pazienti sanitari e i tempi di risposta per i richiedenti assicurativi o assistenziali – tutto rendendo più semplice assumere talenti ovunque.

È un argomento che solleva una più ampia domanda filosofica sul software: tutti i lavori creati sono uguali? Un lavoro locale ha perso più valore di uno (o due) creato lontano? Cosa succede quando i clienti non agiscono in buona fede, ma usano una tecnologia come quella di Hyperscience per massimizzare i profitti eliminando i ruoli senza sostituirli altrove? “Nessuno di noi è politico o esperto [sociale], siamo una società di software”, dice Brodsky a Forbes in un’intervista di follow-up. “Ma uno dei nostri valori fondamentali è l’uguaglianza per tutti … ed è uno dei motivi per cui stiamo costruendo ciò che stiamo costruendo.”

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi