Home / chatbot / I chatbot AI in aiuto alle persone affette da demenza senile

I chatbot AI in aiuto alle persone affette da demenza senile

I chatbot AI potrebbero avvantaggiare i pazienti affetti da demenza
 

Una nuova ricerca pubblicata sul Journal of Medical Internet Research dimostra come i chatbot possano avvantaggiare i pazienti affetti da demenza e il supporto dei caregiver. Nonostante questo potenziale, la tecnologia è ancora agli inizi, il che significa che dovranno esserci chatbot basati su prove che siano sottoposti a valutazione da parte dell’utente finale.

Basate su tecnologie come Alexa o Siri, le controparti mediche possono interpretare i sintomi, suggerire risorse e fornire supporto emotivo ai caregiver.

Vagelis Hristidis è autore corrispondente e professore di informatica presso il Marlan and Rosemary Bourns College of Engineering di UC Riverside. Hristidis è anche fondatore della società di chatbot sanitari SmartBot360.

“I chatbot di intelligenza artificiale hanno un grande potenziale per migliorare la comunicazione tra i pazienti e il sistema sanitario, data la carenza di personale sanitario e la complessità delle esigenze dei pazienti. Ciò è particolarmente importante per i pazienti affetti da demenza e gli operatori sanitari, che continuano ad aumentare con l’invecchiamento della popolazione e affrontano quotidianamente sfide di assistenza”, ha affermato Hristidis.

I vantaggi dei chatbot per i pazienti affetti da demenza
I chatbot possono essere utilizzati per l’allenamento della memoria o per stimolare i ricordi per i pazienti affetti da demenza e per gli operatori sanitari, i chatbot possono fornire consigli e supporto emotivo. La ricerca, tuttavia, ha scoperto che l’efficacia dei chatbot è valida solo quanto le conoscenze mediche utilizzate nella loro programmazione e la qualità delle interazioni dell’utente. 

Il team di ricercatori includeva persone dell’Università dell’Alabama, della Florida International University e della UC Riverside. Il team ha identificato 501 app di chatbot prima di eliminare quelle che non avevano funzionalità di chat, nessuna chat con umani dal vivo, nessuna attenzione alla demenza, non erano disponibili o erano un gioco, portando il numero di app a 27.

Sei app studiate
Sei di queste 27 app soddisfano i criteri di valutazione e includevano l’app mobile CogniCare, CogniCare (versione Alexa Skills), My Life Story, Dementia Types, Build Your Brain Power e Everything Memory. 

Durante lo studio delle app, il team ha esaminato la produttività, l’efficacia, la funzionalità, l’umanità e la soddisfazione complessiva. 

Dopo aver avviato i programmi, i ricercatori hanno scoperto che tre delle cinque app progettate per educare sulla demenza hanno una vasta gamma di conoscenze e flessibilità nell’interpretazione delle informazioni. Gli utenti potevano interagire con le app in modo umano, ma solo My Life Story ha superato il test di Turing , il che significa che una persona che interagiva con il sistema non poteva dire se fosse umano o meno. 

Le due app che hanno fatto bene in materia di etica e privacy sono state le due app CogniCare, prodotte dalla stessa azienda. Le altre app avevano limitazioni che potevano ostacolare l’esperienza dell’utente.

Le app non sono ancora abbastanza avanzate per avere conversazioni estese con gli utenti e, a causa della natura complessa della demenza e dei suoi sintomi, ciò potrebbe limitare l’istruzione e il supporto delle app. Inoltre, non ci sono garanzie che le informazioni programmate nelle app siano basate su prove tratte dalla letteratura medica, dalla pratica professionale o da fonti più inaffidabili su Internet. 

I ricercatori hanno scoperto che tutti i chatbot avevano caratteristiche promettenti, ma è probabile che nessuno sia ancora efficace nel fornire informazioni affidabili e basate su prove o supporto emotivo. Gli autori hanno raccomandato che lo sviluppo e la ricerca sulle app di chatbot continuino ad aumentare, poiché hanno un grande potenziale a beneficio dei pazienti affetti da demenza.
 

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi