Home / Economia / I lavoratori invisibili nel settore dell’Intelligenza Artificiale i Mechanical Turk

I lavoratori invisibili nel settore dell’Intelligenza Artificiale i Mechanical Turk

I lavoratori invisibili guidano gran parte del successo dell’IA, ma hanno poche prospettive di carriera
In un recente articolo del Technology Review del MIT , il direttore del laboratorio di interazione uomo-computer della West Virginia University, Sapih Savage, ha parlato del problema dei “lavoratori invisibili” nel settore dell’IA. Molte delle applicazioni di deep learning di grandi dimensioni su scala aziendale richiedono un’enorme quantità di dati di formazione per essere affidabili e l’etichettatura dei dati viene in genere eseguita da molti lavoratori a basso reddito distribuiti in tutto il mondo.

I modelli di machine learning più grandi e di maggior successo sono spesso addestrati su dati etichettati da gig worker, spesso attraverso piattaforme come Mechanical Turk di Amazon. I lavoratori turchi meccanici assumono microwork / microtask che implicano l’etichettatura dei dati. Ad esempio, i lavoratori potrebbero etichettare gli oggetti nelle immagini in modo che un sistema di visione artificiale possa riconoscere gli oggetti o trascrivere il dialogo in modo che un sistema di riconoscimento vocale possa essere utilizzato per un assistente digitale.

Alcune stime stimano il numero di lavoratori di Mechanical Turk negli Stati Uniti a più di mezzo milione di persone e più della metà di loro guadagna tre quarti o più del proprio reddito attraverso la piattaforma. Il numero di gig worker su piattaforme come Mechanical Turk è cresciuto negli ultimi mesi a causa della pandemia Covid-19 che ha messo molti senza lavoro.

Savage ha parlato di come, sebbene il lavoro di massa non sia una cosa intrinsecamente negativa, può essere potenzialmente uno sfruttamento. La maggior parte di questi lavoratori guadagna al di sotto del salario minimo. Queste posizioni tendono anche a essere stagnanti in quanto non consentono ai lavoratori di migliorare le proprie competenze o svolgere lavori che potrebbero facilmente elencare in un curriculum. Altre aziende tecnologiche come Microsoft o Google potrebbero avere le proprie piattaforme su cui reclutano lavoratori, ma il processo è spesso lo stesso.

Savage ritiene che non sia intenzionale che le grandi aziende tecnologiche che impiegano lavoratori distribuiti stiano pagando meno i lavoratori. Savage sostiene che è più probabile che le aziende tecnologiche non capiscano quanto sia coinvolto e qualificato il lavoro che stanno chiedendo ai propri dipendenti di fare in realtà, aspettandosi che non richieda tutto il tempo necessario.

Savage sostiene che è possibile apportare una serie di modifiche per migliorare le condizioni di lavoro e la traiettoria di carriera per i lavoratori invisibili che consentono la creazione di modelli di intelligenza artificiale. È possibile creare sistemi che aiutino i task worker a valutare quanto tempo impiegheranno per completare un’attività, consentendo loro di determinare se assumersi l’attività varrà il loro tempo. In effetti, Savage sta tentando di creare un modello di intelligenza artificiale che aiuterà i lavoratori a prevedere meglio quali attività valgono di più il loro tempo e quali attività li aiuteranno a sviluppare le competenze desiderate. Il modello di intelligenza artificiale proposto apprenderebbe quale tipo di consiglio è il più efficace per il suo attuale utente, raccogliendo feedback e migliorando nel tempo. Se un lavoratore volesse aumentare la quantità di denaro che sta guadagnando, potrebbe utilizzare lo strumento AI per determinare su quali attività concentrarsi.

In termini di aiutare i lavoratori invisibili a migliorare le possibilità di carriera, i lavoratori potrebbero essere guidati verso compiti che li aiuterebbero a sviluppare nuove competenze. Le aziende che pubblicano attività su queste piattaforme di microwork potrebbero anche fornire stage e corsi oltre a sessioni di formazione. In definitiva, Savage sostiene che i lavoratori giganti nello spazio tecnologico devono essere riconosciuti e rispettati, proprio come i lavoratori in qualsiasi altra parte del settore tecnologico. Come Savage è stato citato tramite MIT Technology Review:

“Si tratta anche di cambiare la narrativa. Recentemente ho incontrato due crowdworker con cui ho parlato e in realtà si definiscono lavoratori tecnologici, il che – voglio dire, sono lavoratori tecnologici in un certo modo perché stanno alimentando la nostra tecnologia. Quando parliamo di crowdworker, di solito viene presentato come se avessero questi lavori orribili. Ma può essere utile cambiare il modo in cui pensiamo a chi sono queste persone. È solo un altro lavoro tecnico. “

L’intervista di Savage arriva mentre viene prestata maggiore attenzione al diritto dei gig worker nel settore tecnologico. Proprio di recente il tribunale federale tedesco del lavoro ha riconosciuto a un crowd worker lo status giuridico di dipendente, forse con implicazioni per il futuro trattamento dei crowdworker in Germania.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi