Home / medicina / IBM Deep Search due strumenti basati sull’intelligenza artificiale per la ricerca sul coronavirus

IBM Deep Search due strumenti basati sull’intelligenza artificiale per la ricerca sul coronavirus

DI MARIA DEUTSCHER

IBM Corp. ha lanciato oggi due servizi basati sull’intelligenza artificiale che ha sviluppato appositamente per aiutare a far avanzare lo studio di COVID-19 e i potenziali trattamenti.

I servizi sono stati annunciati dal capo della ricerca IBM Dario Gil in un post sul blog . Il primo è un esploratore molecolare basato su cloud che consente ai ricercatori di studiare candidati terapeutici COVID-19 o molecole che hanno il potenziale per formare la base di trattamenti futuri.

IBM sta lanciando lo strumento con un corpus di 3.000 potenziali candidati terapeutici che ha scoperto usando l’IA. La società sta invitando altre organizzazioni a contribuire con ulteriori molecole al database ora che è aperto al mondo esterno.

L’esploratore molecolare fornisce un’interfaccia grafica che i ricercatori possono utilizzare per filtrare i candidati terapeutici in base ad attributi di interesse, trovare molecole simili e visualizzare la loro struttura fisica. Possono anche esportare dati dallo strumento ad altre applicazioni per ulteriori analisi.

“Per semplificare gli sforzi per identificare nuovi trattamenti per COVID-19, stiamo anche rendendo la piattaforma di genomica funzionale IBM disponibile gratuitamente per tutta la durata della pandemia”, ha scritto Gil nel suo post. “Costruito per scoprire le caratteristiche molecolari dei genomi virali e batterici, questo repository basato su cloud e lo strumento di ricerca include geni, proteine ​​e altri bersagli molecolari di organismi virali e batterici sequenziati in un unico posto con connessioni.”

L’altro servizio presentato oggi da IBM, Deep Search , è un motore di ricerca che i ricercatori possono utilizzare per trovare dati utili nel gran numero di articoli accademici pubblicati sul coronavirus. Lo strumento ha lo scopo di affrontare il fatto che “come con qualsiasi grande volume di diverse fonti di dati, è difficile aggregare e analizzare i dati in modo efficiente in modo tale da produrre conoscenze scientifiche”, ha scritto Gil.

Deep Search è basato su un modello di intelligenza artificiale che secondo IBM è stato addestrato su migliaia di articoli scientifici. Al momento del lancio, il servizio consente ai ricercatori di cercare dati in oltre 13.000 studi provenienti dal set di dati CORD-19 co-creato da Microsoft Corp. il mese scorso, nonché da Clinicaltrials.gov e dai database scientifici di DrugBank e GenBank.

I nuovi strumenti di IBM potrebbero trovare impiego tra gli scienziati che lavoreranno con il consorzio di calcolo ad alte prestazioni COVID-19. Il gruppo, che IBM ha contribuito a lanciare due settimane fa, comprende aziende tecnologiche, università e agenzie governative che renderanno disponibili i supercomputer per i ricercatori che studiano il coronavirus. Finora le organizzazioni partecipanti hanno impegnato 330 petaflop di capacità di elaborazione da 16 sistemi.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi