Un altro prodotto si unisce al cimitero di Google
Altre app si sono unite a Google Graveyard, qual è il motivo?
 
Google non è estraneo a consegnare i suoi progetti al cimitero digitale. Da Google Inbox a Google+, a Stadia: il gigante della tecnologia ha una lunga e famigerata storia di chiusure di app e servizi amati. Oggi, un altro morde la polvere. 

“Google Duplex sul Web”, un servizio che consente l’utilizzo dell’Assistente Google con vari siti web, è stato ritirato a partire dal 1° dicembre 2022. Creato come derivazione di “Google Duplex”, la tecnologia di automazione delle chiamate esclusiva di Pixel, Duplex su il Web consentirebbe agli utenti di interagire direttamente con i servizi forniti in tutto il Web. Duplex sul Web prenderebbe i comandi inviati all’Assistente Google e troverebbe il sito Web pertinente per il servizio. Quindi, inserirà i dettagli dell’utente utilizzando Google Autofill, automatizzando quindi le attività di routine per gli utenti. 

 

Google ha anche chiuso il tanto amato Google Hangouts all’inizio di questo mese a favore della nuova “Google Chat” integrata nell’e-mail. Questo servizio di messaggistica istantanea è stato operativo per oltre nove anni ed è stato chiuso senza tante cerimonie per rendere Gmail l’app di comunicazione all-in-one per tutto ciò che riguarda Google. 

Perché Google lancia questi prodotti e li può utilizzare nel giro di pochi anni? Perché altre aziende come Microsoft non affrontano gli stessi problemi? Analizziamo più a fondo la sinistra verità dietro Google’s Graveyard e perché le nuove aggiunte non si fermeranno presto.

Menzioni disonorevoli: prodotti uccisi da Google
Attraversando il cimitero dei prodotti di Google, emerge una tendenza interessante. La maggior parte dei servizi in scatola è stata integrata nei servizi esistenti anni, o addirittura un decennio, dopo la loro chiusura, dimostrando che alcuni di questi servizi potrebbero essere arrivati ​​in un momento in cui gli utenti non erano pronti per loro. Tuttavia, molti altri sembrano prodotti lanciati senza tener conto dei mercati a cui si rivolgevano. 

La ragione alla base di questo schema si riduce alla cultura aziendale di Google. Il gigante della tecnologia è ben noto per aver accumulato i migliori talenti del mondo, pagandoli al di sopra e al di là delle organizzazioni concorrenti e offrendo alcune delle migliori culture del lavoro al mondo. Ma insieme a questo clima arriva anche la spinta per ideare , creare e lanciare nuovi servizi per l’azienda.  

Molti googler hanno parlato del cosiddetto ciclo di LPA in azienda : lancio , promozione e abbandono . Questo processo è incentivato dalla necessità di promozione all’interno dell’azienda, che è un modo sicuro per i professionisti di avanzare nella loro carriera. Secondo vari dipendenti di Google, il criterio per la promozione nell’organizzazione è il loro impatto diretto sull’azienda e sulla sua attività. 

Questi prodotti sono sempre presenti nel cimitero di Google. Mettendo da parte l’ossessione di Google per le piattaforme di chat (più di dieci delle quali giacciono morte nel cimitero), il loro approccio frammentario alla creazione di nuovi servizi lascia solo gli utenti in sospeso.

Un problema fondamentale con i prodotti
Il primo passo per creare un prodotto è determinare il mercato di riferimento e come catturarlo. Per questo, il mercato stesso deve esistere, un passo che Google spesso salta nella sua ricerca di aprire nuovi orizzonti in nome dell’innovazione. Non c’è bisogno di guardare oltre “Stadia”, il nuovissimo giocattolo luccicante che ha trovato la strada per la discarica.

I dipendenti dell’azienda hanno espresso pubblicamente che la maggior parte degli ingegneri e dei product manager di un determinato progetto passerà rapidamente a un altro prodotto dopo il lancio. A causa della mancanza del cosiddetto “promo food”, coloro che lavorano al progetto passeranno a un altro progetto in cui è più facile per loro ottenere una promozione o un riconoscimento piuttosto che concentrarsi sul mantenimento e l’aggiornamento del prodotto che hanno appena creato. 

Un insider di Google ha pubblicato sui forum di YCombinator, dicendo : “Non importa quanti [bug] risolvi, non avrai mai abbastanza ‘impatto’ per la promozione. Mai.” Questo è un approccio pericoloso da adottare, in quanto la mancata correzione di bug e problemi comuni con un servizio fa sì che esso dissangui lentamente gli utenti e si traduca in un servizio inutilizzabile e inutile, che viene quindi consegnato alla ghigliottina.

Per molti versi, questa è una profezia che si autoavvera per Google, governata dai principi di lancio, promozione e abbandono di un progetto. Una volta che un prodotto smette di essere mantenuto, gli utenti cercheranno lentamente alternative o smetteranno di usarlo. Sebbene ci sarà ancora una piccola base di utenti di utenti dedicati, Google è indifferente quando si tratta di loro e chiuderà il progetto adducendo proprio questo come motivo: la mancanza di utenti. Forse se alcuni di questi prodotti fossero ben mantenuti e aggiornati con nuove funzionalità, non avrebbero sanguinato gli utenti fino a quando il prodotto non fosse morto. 

Altre società non sembrano avere questo problema. Microsoft, ad esempio, ha un approccio dall’alto verso il basso alla creazione di nuovi prodotti e servizi. Il prodotto viene assegnato per essere sviluppato solo dopo averne studiato l’impatto e il possibile caso d’uso. Gli sviluppatori assegnati a tali progetti di solito ci lavorano per anni. Sebbene ciò non lasci spazio all’innovazione, si traduce in prodotti come “Microsoft Office” o “Windows”, che mantengono una lunga coda di utenti anche dopo la fine del supporto.

Amazon si trova all’altra estremità dello spettro, con una cultura del lavoro intensamente operativa descritta come basata sui principi del “darwinismo mirato”. Sebbene ciò non sia di buon auspicio per i dipendenti che lavorano nell’organizzazione, Amazon ha un elenco più breve di servizi abbandonati rispetto a Google. 

Considerando che ora siamo nel mezzo di una recessione tecnologica , forse è tempo che Google riconsideri il suo approccio di creare costantemente progetti e chiuderli. Sebbene questi costi avrebbero potuto essere giustificati quando la società è cresciuta nell’ultimo decennio, gli investitori stanno diventando preoccupati per la spesa di Google per progetti che non mostrano benefici monetari prolungati. Questo potrebbe non significare il destino di Google a breve termine, ma l’erosione dell’immagine del marchio dell’azienda potrebbe portare alla sfida del suo dominio a lungo termine. 

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi