McKinsey State of AI 2022 evidenzia un ostinato plateau di adozione 

La società di consulenza McKinsey ha pubblicato oggi il suo rapporto State of AI 2022 , rivelando i risultati chiave sull’uso e l’adozione dell’IA a livello globale nell’ultimo mezzo decennio.

Secondo il rapporto, l’ adozione e gli investimenti nell’IA sono aumentati negli ultimi cinque anni, con le aziende che riferiscono che l’IA sta diventando una priorità maggiore. L’adozione dell’IA è più che raddoppiata dal 2017 (dal 20% al 50%), con il 63% delle aziende che prevede un aumento degli investimenti nell’IA nei prossimi tre anni. 

 
Utilizzo dell’intelligenza artificiale per potenziare piattaforme senza codice e semplificare il lavoro – Summit Low-Code/No-Code
Tuttavia, c’è stato un notevole plateau, con la percentuale di organizzazioni che adottano l’IA oscillante tra il 50 e il 60% negli ultimi anni.

“Una delle cose che mi ha sorpreso è stato il plateau nell’adozione”, ha detto a VentureBeat il partner di McKinsey Michael Chui. “Vediamo il potenziale di questa tecnologia per creare valore aziendale praticamente in ogni settore e in ogni funzione e si potrebbe pensare che l’adozione continuerà a crescere.

Ampia varietà di funzionalità e casi d’uso dell’IA
Detto questo, tra coloro che stanno adottando l’IA, molti hanno ampliato le proprie capacità. I risultati mostrano che questi leader stanno effettuando maggiori investimenti nell’IA, impegnandosi in pratiche sempre più avanzate note per consentire uno sviluppo dell’IA su scala e più rapido e mostrando segni di andare meglio nel mercato ristretto dei talenti dell’IA. Gli intervistati di AI ad alte prestazioni hanno anche quasi otto volte più probabilità rispetto ai loro colleghi di affermare che le loro organizzazioni spendono almeno il 20% dei loro budget per la tecnologia digitale in tecnologie relative all’IA.

“Continuiamo a vedere questa divergenza tra quelle aziende che abbiamo descritto come ad alte prestazioni di intelligenza artificiale, che stanno davvero estendendo la loro busta competitiva, e tutti gli altri che devono recuperare il ritardo”, ha affermato Chui. 

Il problema è che non c’è nessuno “sblocco” quando si tratta di generare valore AI nell’azienda, ha spiegato Chui. “Non è che se automatizzi solo le tue pipeline di dati, il valore arriva”, ha affermato. “In molti casi, non si tratterà di soluzioni tecnologiche, ma di “persone”, sia che si tratti di allineare la giusta strategia con la propria strategia di intelligenza artificiale, sia di far sì che l’organizzazione e le persone che la compongono agiscano in modo diverso in base agli insight”. 

I casi d’uso più comunemente adottati, ha rilevato il rapporto McKinsey, riguardano l’ottimizzazione dei servizi, la creazione di nuovi prodotti basati sull’intelligenza artificiale, l’analisi del servizio clienti e la segmentazione dei clienti. 

 
Le organizzazioni dovrebbero considerare i rischi legati all’IA
Un risultato preoccupante del rapporto State of AI 2022 di McKinsey è la mancanza di progressi nella mitigazione segnalata dalle organizzazioni dei rischi correlati all’IA, come bias, spiegabilità o sicurezza. 

“Se me lo avessi chiesto cinque anni fa, avrei immaginato che avremmo visto un riconoscimento sempre maggiore di questi rischi e quindi un numero sempre maggiore di aziende che agivano per gestirli o mitigarli”, ha affermato Chui. “I livelli non sono aumentati quanto mi sarei aspettato.” 

Ma, ha aggiunto, gli high performer dell’IA tendono ad essere più avanti nel loro viaggio verso la comprensione e la gestione di questi rischi. 

“Questo potrebbe avere a che fare solo con la maturità”, ha detto. “C’è anche più storia quando si tratta di gestire il rischio nella sicurezza informatica, per esempio.” 

 
Il potenziale per l’IA sta nel generare valore per l’azienda
I ruoli più caldi per i talenti dell’IA nel 2022 sono stati ingegneri del software, ingegneri dei dati e scienziati dei dati, ha rilevato il rapporto McKinsey, un altro “chiaro segno che molte organizzazioni sono passate in gran parte dalla sperimentazione con l’IA all’incorporamento attivo nelle applicazioni aziendali”. 

“Troviamo questi ad alte prestazioni che stanno generando un grande impatto sui profitti utilizzando queste tecnologie”, ha affermato Chui, ma ha sottolineato che si tratta davvero di esaminare l’ampia gamma di cose necessarie oltre al semplice acquisto di un software o di qualche tipo del servizio cloud per far progredire la tua organizzazione. 

“Il potenziale dell’intelligenza artificiale è nelle cose che generano valore nel business”, ha affermato. “Per alcune aziende, è l’eccellenza operativa. In alcune altre aziende è la tua intimità con il cliente. 

Le aziende ad alte prestazioni di oggi, ha aggiunto, lo stanno facendo. “Stanno applicando i loro sforzi di intelligenza artificiale nei luoghi che creeranno il massimo valore”, ha affermato. 

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi