Il Black Friday è uno dei giorni più attesi dell’anno. Dopo tutto, chi non ama i buoni affari? Molto presto, invece di aspettare in lunghe file o cercare nei siti web, farai i tuoi acquisti del Black Friday nel metaverso come un supereroe, un personaggio di un anime o qualsiasi altra cosa tu voglia rappresentarti. 

Con una più ampia adozione del metaverso, i consumatori avranno legittime preoccupazioni su come vengono utilizzati i loro dati. Ricorda solo come Target sapeva della gravidanza di una ragazza adolescente ancor prima che i suoi genitori lo venissero a sapere. La cosa interessante del metaverso è che non solo rivoluziona l’intera esperienza di acquisto; introduce anche un cambio di paradigma nel modo in cui le aziende trattano i dati degli utenti. 

 
Accelerare la trasformazione e sbloccare il tuo talento con lo sviluppo dei cittadini – Summit Low-Code/No-Code
Acquisti in Web2 rispetto a Web3
Sappiamo tutti come funziona lo shopping online. Mentre navighiamo, una piattaforma tiene traccia delle nostre informazioni demografiche (età, sesso, posizione), azioni e interazioni. Nei mondi virtuali Web3 , gli utenti decideranno se desiderano condividere i propri dati e, cosa più importante, potrebbero essere potenzialmente pagati per concedere l’accesso ai propri dati. 

Nel metaverse , i dati degli utenti vengono raccolti in modo simile allo shopping nella vita reale. Considera un supermercato tradizionale: le telecamere monitorano e analizzano il numero di persone in un luogo specifico in un momento specifico, dove trascorrono la maggior parte del loro tempo e se guardano i prodotti sugli scaffali in basso, in alto o in alto mentre fanno la spesa. I rivenditori possono utilizzare i dati raccolti per identificare i modelli di acquisto dei clienti e definire strategie per l’inserimento di prodotti. I dati possono essere raccolti su dettagli come l’illuminazione, la musica di sottofondo, il posizionamento del manichino, la carta da parati e persino le uniformi dei dipendenti e possono essere utilizzati per prendere decisioni che incidono sul comportamento dei clienti.   

Questa è solo una frazione dei dati che possono essere facilmente raccolti nel metaverso . Inoltre, gli ambienti 3D creano un nuovo livello di analisi dei dati simile al monitoraggio del traffico pedonale nei supermercati. Gli utenti possono anche lasciare senza problemi il proprio feedback su un prodotto, ad esempio, in una conversazione con gli amici mentre si cammina nel mondo virtuale. Un rivenditore riceverà immediatamente quel feedback piuttosto che andare sui social media della propria azienda e passare il tempo a rivedere commenti o reclami. 

 
Ecco come apparirà lo shopping nel mondo virtuale. Poiché i dati sono controllati dagli utenti, i rivenditori dovrebbero diventare molto più creativi nella creazione di sistemi di ricompensa per incentivare gli utenti a dare loro accesso ai propri dati. Vedremo come le aziende possono essere creative perché avranno accesso a punti dati molto più ricchi di quelli che raccolgono oggi. 

Con l’analisi dei dati 3D e l’applicazione della tecnologia di apprendimento automatico, i rivenditori possono ottimizzare i loro negozi virtuali, dai suggerimenti architettonici su come costruire negozi virtuali, a quale altezza dovrebbero essere gli scaffali virtuali per ospitare diversi tipi di avatar (gli utenti saranno rappresentati da questi alter ego) , su come localizzare terreni virtuali per scopi di ottimizzazione del traffico. 

Il metaverso prende ispirazione da Wikipedia
Le aziende del metaverso che condividono i valori del Web3 stanno già costruendo comunità completamente aperte e trasparenti in cui gli utenti in ogni panorama virtuale decidono le proprie regole in merito alla raccolta dei dati, all’utilizzo dei dati e al controllo dei dati. 

Con il metaverso come piattaforma, le aziende possono creare gli strumenti necessari su di esso, soddisfare esigenze diverse e partecipare equamente a questo ecosistema, creando valore l’uno per l’altro e traendone vantaggio, inclusa la creazione di strumenti utili per monitorare l’esperienza dell’utente e altre metriche utili. 

Coloro che dubitano di questo possono considerare il successo di Wikipedia, che si basa su un’ideologia orientata all’utente. Consentendo alla comunità di contribuire, modificare e verificare il contenuto, Wikipedia è diventata una piattaforma resiliente e vibrante. Le aziende Web3 stanno cercando di ottenere lo stesso risultato creando una sorta di contratto civile digitale con gli utenti, formando relazioni che andrebbero a vantaggio sia dell’azienda che del cliente, rendendo il mondo più equo per tutti.

wendy’s metaverse

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi