Il metaverso potrebbe guidare la prossima grande opportunità tecnologica

Abbiamo appena scalfito la superficie del 2022, eppure questo termine rischia di inghiottire l’intero anno. La conversazione, se così si può chiamare, sembra estendersi solo fino a un mucchio di idee contrastanti e opinioni contrastanti che si urlano l’una sull’altra su cosa sia, cosa potrebbe essere , cosa sarà e cosa non è . Speculazione e rumore che guidano clamore, clamore che guida più speculazione e più rumore. Tutto ciò rende difficile fare i conti con ciò che viene detto sul metaverso.

Allora, di cosa stiamo veramente parlando quando parliamo di “metaverso”?

Qual è il metaverso?
Non esiste una tecnologia alla base del metaverso. In generale, le tecnologie che lo comporranno includeranno blockchain, criptovalute, realtà virtuale e aumentata , intelligenza artificiale e Internet of Things. Inoltre, non esiste una definizione concordata (che potrebbe spiegare in qualche modo perché ognuno sembra avere una spiegazione diversa quando gli viene chiesto di cosa si tratta).Il termine è stato coniato dall’autore americano Neal Stephenson nel suo romanzo Snow Crash del 1992 , che vede le persone saltare avanti e indietro tra la realtà e il mondo virtuale. Un punto di riferimento più recente per il metaverso sarebbe l’adattamento di Spielberg di Ready Player One . Sia Snow Crash che Ready Player One hanno una visione condivisa del metaverso come un unico mondo virtuale 3D. Ma non è proprio qui che ci stiamo dirigendo.

Invece, è meglio pensare al futuro metaverso come a una raccolta di mondi diversi costruiti su blockchain. Un mondo virtuale ti verrà offerto da Meta, un altro da Google, un altro da Microsoft e così via. Anche se può sembrare molto confuso, la frammentazione ha senso per alcuni motivi. In primo luogo, non vi è alcun incentivo né vantaggio da ottenere dalla condivisione di uno spazio unico da parte delle Big Tech: è più redditizio per loro costruire ambienti esclusivi. In secondo luogo, esiste una vasta gamma di comunità online e la progettazione di ambienti dedicati al servizio di tali comunità consentirà esperienze migliori. E le migliori esperienze guidano un maggiore coinvolgimento.

Il gioco è il nuovo campo di battaglia
Ora che abbiamo spiegato cosa è e cosa non è, dobbiamo considerare come le aziende intendono costruire i loro mondi nel metaverso. E credo che l’industria dei giochi ci dia una finestra sulla strategia del metaverso di Big Tech.

L’industria dei giochi è la categoria di intrattenimento multimediale più grande e in più rapida crescita per fatturato. L’anno scorso ha incassato 180 miliardi di dollari, il doppio di quello dell’industria cinematografica. Ha più di 3 miliardi di partecipanti regolari in tutto il mondo, si estende su più dispositivi e le previsioni attuali suggeriscono che il valore degli acquisti in-game supererà i 74,4 miliardi di dollari entro il 2025.

 
Prendiamo Microsoft, che ha recentemente annunciato l’ acquisizione di Activision Blizzard . Con 69 miliardi di dollari, è il più grande affare tecnologico di sempre. Dopo aver dato la notizia, la società ha affermato che l’acquisto avrebbe fornito loro i “mattoni per il metaverso”. Ma cosa ottengono per i loro soldi? E cosa significa acquisire questo gigante del gioco per la loro strategia nel metaverso ?

Il metaverso richiederà a Big Tech di aumentare i suoi sforzi per estrarre e trattenere più della nostra attenzione. Quindi, se stai cercando grandi comunità, coinvolgimento regolare e enormi flussi di entrate, tutto ciò che è Big Tech, non cercare oltre i giochi. Questo è il motivo per cui l’industria sta diventando un campo di battaglia chiave per il metaverso.

L’accordo offre a Microsoft una vasta libreria di franchise di giochi di successo che si estendono su più dispositivi e hanno enormi entrate. Ora possiede Call of Duty (il gioco per console più famoso al mondo), Candy Crush (oltre 250 milioni di utenti mensili su dispositivi mobili) e World of Warcraft (uno dei franchise più longevi e più venduti nella storia dei PC). Ma non ha solo acquistato il contenuto; ha anche acquistato le comunità collegate a quei giochi e ha acquistato influenza su di essi.

Se credi, come me, che il metaverso offrirà un insieme raccolto di esperienze interconnesse, allora la strategia di acquisto di contenuti, raccolta dalla community e indipendente dal dispositivo che Microsoft sta perseguendo va parallela a questa visione. Quindi, quando arriva il momento in cui la tecnologia lo consente, una transizione nel metaverso dovrebbe essere senza interruzioni. E con la loro libreria di contenuti arriva una legione di fan fedeli e flussi di entrate già pronti.

 
Mentre la strategia di Microsoft è chiara sotto gli occhi di tutti (acquistare i contenuti, acquisire le comunità e abbattere le barriere tra i diversi dispositivi), mi aspetto che il resto della Big Tech adotti una linea molto simile man mano che le loro strategie iniziano a prendere forma.

NFT e una nuova economia digitale
Quindi, con i videogiochi visti come la tabella di marcia per la costruzione di mondi metaversali, si stima che i ricavi dei contenuti digitali aumenteranno fino a $ 400 miliardi entro il 2025. Ma non è solo la Big Tech a entrare nei giochi e nel metaverso. Gli altri primi motori nello spazio del metaverso, come moda, vendita al dettaglio e social media, stanno iniziando a sfruttare le loro sovrapposizioni organiche con il settore.

Dalle skin avatar in Fortnite (moda) all’acquisto di accessori digitali (vendita al dettaglio) e alla creazione di eventi della community in-game dal vivo (social media), le aziende di questi settori vedono il potenziale del metaverso per aprire un digitale completamente nuovo economia.

La moda si è mossa più velocemente, il che ha senso; Morgan Stanley stima che il metaverso rappresenti un’opportunità di guadagno di 50 miliardi di dollari per i marchi del lusso e della moda entro il 2030. Nike ha acquisito il marchio di scarpe da ginnastica digitali RTFKT, le cui scarpe arrivano fino a 10.000 dollari. Ralph Lauren ha debuttato con la sua prima collezione digitale con Roblox. Louis Vuitton ha disegnato abiti in edizione limitata per League of Legends e la collezione NFT di Dolce & Gabbana è andata esaurita per 1.885,719 ETH (all’epoca equivalenti a $ 6 milioni).

 
La chiave per sbloccare questa nuova economia digitale risiede nei token non fungibili (NFT) . L’anno scorso, se avessi chiesto alla maggior parte delle persone che cosa fosse un NFT, azzarderei a indovinare che la risposta più comune sarebbe stata una confusione ad occhi sbarrati e un movimento della testa. Ma le sponsorizzazioni delle celebrità e l’importanza mediatica di progetti come CryptoPunks e Bored Ape Yacht Club hanno catapultato gli NFT nella coscienza pubblica.

L’impatto più grande che abbiamo visto finora dalle NFT è la loro capacità di portare liquidità alle attività non liquide e il cambiamento che ha determinato il modo in cui pensiamo alla proprietà.

Il fascino degli NFT per utenti e marchi è semplice: gli utenti possiedono le risorse digitali che acquistano, i marchi ottengono una fetta del redditizio mercato della rivendita se e quando gli articoli digitali vengono rivenduti. Poiché la proprietà e il trasferimento di ogni NFT sono registrati e tracciati sulla blockchain, il creatore originale dell’asset è in grado di guadagnare royalties da ogni vendita e rivendita.

Se un giocatore acquista una skin avatar in Fortnite, non la possiede. Lo detengono solo su licenza dell’azienda. Se perdono i dati salvati, perdono la skin. Spesso non c’è traccia di esso e nessun modo per recuperarlo. Quando si tratta di articoli fisici, se tu o io acquistiamo un cappotto da Balenciaga e poi lo vendiamo, il marchio non riceve un taglio. Tuttavia, tramite NFT, gli utenti possono possedere le risorse digitali che acquistano, mentre i marchi riceveranno sempre una commissione dalle vendite private di tali risorse. Si apre un’area completamente nuova di entrate che prima non era disponibile.

A parte i record di proprietà e rivendita, gli NFT stanno già mantenendo la promessa di creare un’economia digitale più equa e hanno il potenziale per sbloccare una varietà di nuovi flussi di entrate sia nel metaverso che nel mondo reale.

Quale sarà l’impatto sulle aziende quest’anno per la tecnologia e il metaverso
A breve, non mi aspetto grandi cambiamenti quest’anno.

 
Big Tech è rialzista nel metaverso, quindi possiamo aspettarci che continuino a versare miliardi per costruire i loro ambienti esclusivi. Al di fuori dei giganti, mi aspetto che la comunità degli sviluppatori Web3 continui a crescere in modo significativo, anche se sospetto che probabilmente sarà ancora considerata una piccola parte all’inizio del prossimo. Lo slancio dovrà derivare dalla creazione di migliori strumenti per gli sviluppatori, consentendo alle aziende più piccole e a un numero sempre maggiore di persone di entrare nello spazio, e dal tagliare i costi e la complessità della costruzione e del ridimensionamento della tecnologia per i progetti del metaverso, che rimane troppo alto.

Penso anche che vedremo sempre più VC sostenere blockchain, criptovalute, tecnologie di realtà virtuale e aumentata e intelligenza artificiale – le cose centrali per la creazione del metaverso – insieme a ulteriori investimenti in società etichettate in categorie del metaverso come giochi, giochi online, e piattaforme di proprietà ed eventi virtuali.

Anche se credo che l’impatto del metaverso sarà minimo sulla maggior parte delle aziende nel 2022, penso che sia fondamentale per quasi tutti i settori pensare a cosa significhi per il loro futuro. Le aziende che non si adattano lentamente, e poi tutto in una volta, perderanno terreno a favore dei primi. Nei prossimi anni, man mano che il metaverso diventerà più unificato, democratizzato e meno frammentato, saranno le aziende che si sono adattate per prime a uscirne più forti.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi