Uno scienziato iraniano è stato davvero assassinato con un’arma AI?
Le armi assistite dall’IA stanno proliferando rapidamente

Alla fine di novembre, il principale scienziato nucleare iraniano, Mohsen Fakhrizadeh, è ​​stato assassinato su un’autostrada fuori Teheran.
I notiziari militari iraniani e di proprietà statale accusano Israele dell’attacco, ma affermano anche che Fakhrizadeh è stato ucciso da una mitragliatrice controllata dall’intelligenza artificiale montata su un camion Nissan. Un vice comandante delle Guardie rivoluzionarie iraniane ha descritto la mitragliatrice come “dotata di un sistema satellitare intelligente che ha ingrandito il martire Fakhrizadeh”. Si conoscono poche altre informazioni.
Eyewitn e sses e il concorso della famiglia dello scienziato affermano che la tecnologia AI aveva qualcosa a che fare con l’assassinio, secondo il New York Times . Invece, dicono, la storia di un uomo nero alimentato dall’intelligenza artificiale è un tentativo di salvare la faccia dopo l’incapacità dell’Iran di proteggere uno dei suoi migliori scienziati.
Per quanto sorprendente possa essere, questa rubrica Internet sulla ricerca sull’IA non ha lo scoop interno sul fatto che gli assassini internazionali abbiano usato un robot. Ma possiamo far luce su quanto sia inverosimile questa affermazione basata su ciò che sappiamo sui robot militari.
A differenza della maggior parte della comunità di ricerca sull’IA, desiderosa di pubblicare il suo ultimo lavoro in conferenze e archivi rivolti al pubblico come arXiv , gli appaltatori della difesa sono notoriamente segreti sui loro progetti di ricerca e sviluppo. Negli Stati Uniti, questi progetti possono essere etichettati come segreti di sicurezza nazionale per proteggersi dalle leggi sui registri pubblici . Questa pratica scappatoia viene utilizzata per nascondere quanto siano diventati sofisticati i nostri sistemi militari: infatti, solo nel 2020 sono stati spesi 76 miliardi di dollari in progetti di difesa classificati.
Ma sappiamo che esistono già centinaia di sistemi militari autonomi. Un rapporto del 2017 dell’Istituto internazionale di ricerca sulla pace di Stoccolma (SIPRI) ha esaminato le informazioni disponibili al pubblico per catalogare 381 sistemi militari autonomi, 175 dei quali armati.
“Sistema militare autonomo” è un termine vago che racchiude qualsiasi cosa, da un drone autoportante per registrare filmati di intelligence a una pistola robotica. Missili autoguidati, sottomarini autonomi e sistemi di difesa missilistica automatica rientrano tutti in questa categoria. Anche la parola “autonomo” è un’area grigia. Ad esempio, l’esercito americano sta realizzando una torretta “con equipaggio facoltativo ” che può presumibilmente identificare e mirare a un nemico mentre un umano preme il grilletto. All’altra estremità dello spettro, i droni suicidi armati di esplosivi possono essere equipaggiati per trovare il proprio obiettivo .
Alcune di queste armi sono utilizzate per proteggere le basi militari. Il rapporto SIPRI ha identificato tre armi autonome fisse utilizzate per proteggere le posizioni tattiche: un dispositivo Samsung chiamato SGR-A1, un altro dispositivo realizzato dall’appaltatore della difesa israeliano Rafael chiamato Sentry Tech, e un terzo prodotto dalla società sudcoreana DoDaam chiamato Super aEgis II . Queste torrette automatizzate sono dotate di telecamere e sensori a infrarossi che consentono loro di vedere e riconoscere il calore dei corpi umani. Secondo il rapporto SIPRI, il Super aEgis II può rilevare e tracciare bersagli di dimensioni umane da quasi due miglia di distanza.
Altri sistemi militari autonomi vengono schierati come armi mobili, come dettagliato in un rapporto del 2019 di Pax, un’organizzazione umanitaria olandese. Una società estone chiamata Milrem ha costruito una sorta di mini-carro armato autonomo chiamato THeMIS dal 2014. Il THeMIS non è un’arma in sé ma un robot mobile come il cane robot di Boston Dynamics tranne che con le impronte del serbatoio invece delle gambe. Altre società come Raytheon, Lockheed Martin e ST Engineering costruiscono armi autonome e telecomandate realizzate per essere trasportate in battaglia su un robot THeMIS.
Una delle prime mitragliatrici automatiche per il THeMIS è stata realizzata da ST Engineering nel 2016, precedentemente nota come Singapore Technologies. L’azienda ha ampliato le sue “stazioni di armi remote” per includere sette tipi di armi.
Tutte le informazioni pubblicamente disponibili dicono che le torrette potenziate dall’intelligenza artificiale sia per la difesa che per l’attacco possono essere vendute con una parvenza di controllo umano, sia che si tratti letteralmente di controllare la macchina da lontano o semplicemente di designare cosa attaccare. Ma molto meno si sa su quali armi hanno capacità completamente autonome e su come funzionano questi sistemi.
Nel luglio 2020, la società israeliana Smart Shooter ha presentato un sistema di montaggio di armi portatile e autonomo chiamato Smash Hopper, che può mirare e sparare con una pistola autonomamente o controllata da un tablet computer distante. Il tutto pesa circa 50 libbre, e c’è anche una versione più piccola che si piega come un treppiede per macchina fotografica.
L’esistenza di questo tipo di armi autonome non significa che siano stati coinvolti nell’uccisione di Fakhrizadeh, e non ci sono prove concrete che suggeriscano le affermazioni dell’esercito iraniano. Il camion che presumibilmente conteneva l’arma automatizzata è esploso sulla scena .

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi