Home / Economia / Il rapporto annuale 2020 sullo stato della Intelligenza Artificiale AI di Appen

Il rapporto annuale 2020 sullo stato della Intelligenza Artificiale AI di Appen


Il rapporto annuale sullo stato di AI di Appen rivela una significativa crescita del settore
Appen Limited (ASX: APX), il fornitore leader di dati di formazione di alta qualità per le organizzazioni che costruiscono sistemi di intelligenza artificiale su larga scala, ha annunciato oggi il suo rapporto annuale sullo stato dell’IA per il 2020.

Il rapporto sullo stato dell’AI 2020 è il risultato di uno studio intersettoriale di grandi organizzazioni di leader aziendali e tecnologi. Il sondaggio intendeva esaminare e identificare le principali caratteristiche dell’intelligenza artificiale in espansione e del panorama dell’apprendimento automatico raccogliendo le risposte dei decisori dell’IA.

C’erano più takeaway chiave:

Mentre quasi 3 organizzazioni su 4 affermano che l’IA è fondamentale per la propria attività, quasi la metà ritiene che la propria organizzazione sia indietro nel proprio percorso di intelligenza artificiale.
I budget AI superiori a $ 5 milioni sono raddoppiati su base annua
Un numero crescente di aziende sta sostenendo l’IA responsabile come componente del successo aziendale, ma solo il 25% delle aziende ha dichiarato che un’intelligenza artificiale imparziale è fondamentale.
3 organizzazioni su 4 riferiscono di aggiornare i loro modelli di intelligenza artificiale almeno trimestralmente, indicando un focus sulla vita del modello dopo l’implementazione.
Il divario tra imprenditori e tecnologi continua, nonostante il loro allineamento sia strumentale alla costruzione di una solida infrastruttura di intelligenza artificiale.
Nonostante i tempi turbolenti, oltre i due terzi degli intervistati non si aspettano alcun impatto negativo da COVID-19 sulle loro strategie di IA.
Uno dei risultati chiave è che quasi la metà di coloro che hanno risposto ritiene che la propria azienda sia indietro nel proprio percorso di intelligenza artificiale, ciò suggerisce che esiste un divario critico tra il bisogno strategico e la capacità di esecuzione.

La mancanza di dati e la gestione dei dati è stata segnalata come una delle principali sfide, tra cui i dati di formazione che sono alla base delle implementazioni di modelli di intelligenza artificiale e ML, quindi, non sorprende che il 93% delle aziende riferisca che dati di formazione di alta qualità sono importanti per un’intelligenza artificiale di successo.

Le organizzazioni hanno inoltre riferito di utilizzare il 25% in più di tipi di dati (testo, immagine, video, audio, ecc.) Nel 2020, rispetto al 2019. Non solo i modelli ottengono aggiornamenti più frequenti, ma i team utilizzano sempre più tipi di dati e questo tradurrà in una crescente necessità di investimenti in dati di formazione affidabili.

Un indicatore chiave della crescita esponenziale dell’IA è stata la rapida crescita YoY negli iniziati dell’IA. Nel 2019, solo il 39% dei dirigenti possedeva iniziative di IA. Nel 2020, la proprietà esecutiva dell’IA è salita al 71%. Con questo aumento della proprietà dei dirigenti, anche il numero di organizzazioni con budget superiori a $ 5 milioni è raddoppiato.

I fornitori di cloud globali hanno ottenuto una significativa trazione come data science e strumenti ML rispetto al 2019. Ciò potrebbe essere dovuto all’aumento del budget e alla supervisione dei dirigenti. Ciò che è ancora più impressionante è l’aumento degli intervistati che stanno segnalando utilizzando fornitori di cloud machine learning globali identificati come: Microsoft Azure (49%), Google Cloud (36%), IBM Watson (31%), AWS (25%) e Salesforce Einstein (17%). Ognuno di questi concorrenti ha visto aumenti dell’adozione a doppia cifra rispetto al 2019, a dimostrazione del fatto che, man mano che sempre più aziende si stanno spostando su scala, sono alla ricerca di soluzioni in grado di scalare con esse.

Qualcosa di cui gli sviluppatori di AI potrebbero voler tenere conto è che la variabilità dei linguaggi utilizzati per costruire modelli è cambiata anche dal 2019. Mentre Python rimane il linguaggio più utilizzato sia nel 2019 che nel 2020, SQL e R sono stati il ​​secondo e il terzo più comunemente usati lingua nel 2019. Tuttavia, nel 2020, Java, C / C ++ e JavaScript hanno ottenuto una trazione significativa. Python, R e SQL sono spesso indicativi della fase pilota, mentre Java, C / C ++ e JavaScript sono più linguaggi della fase di produzione.

Per saperne di più, ti consigliamo di scaricare l’intero Rapporto sullo stato dell’intelligenza artificiale e sull’apprendimento automatico .

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi