Il nuovo sistema migliora le interazioni uomo-robot 

Un team di ricercatori dell’Università della Columbia Britannica di Okanagan ha utilizzato le linee guida dei veicoli autonomi per sviluppare un nuovo sistema per migliorare le interazioni uomo-robot. 

La ricerca odierna sull’automazione e la produzione è fortemente incentrata sul modo in cui le persone interagiscono in sicurezza con i robot. 

Robot nella produzione
Debasita Mukherjee è una studentessa di dottorato e autrice principale dello studio pubblicato . È una dei ricercatori dell’Advanced Control and Intelligent Systems Laboratory di UBC che lavora per sviluppare sistemi che consentano un’interazione sicura uomo-robot.

“È incredibilmente importante che i robot nella produzione svolgano i loro compiti nel metodo più sicuro ed efficiente possibile”, afferma Mukherjee. “Per rendere queste macchine automatizzate il più intelligenti possibile, stiamo sviluppando sistemi che percepiscono i loro ambienti e svolgono compiti in modo simile ai loro partner umani”.

I ricercatori utilizzano l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico per guidare le macchine allo scopo di sviluppare sistemi come questi, ma il processo può essere complesso.

Homayoun Najjaran è un professore di ingegneria meccanica. 

“I robot non pensano o sentono, quindi hanno bisogno di sistemi che catturino e analizzino il loro ambiente consentendo loro di rispondere”, afferma il dott. Najjaran. “Spesso queste risposte devono essere in centesimi di secondo per garantire la sicurezza degli esseri umani nelle loro vicinanze”.

I robot industriali sono generalmente programmati per funzionare ad alta velocità ed eseguire compiti specifici come la saldatura e la verniciatura, ma i robot sociali hanno lo scopo di assistere gli individui nei settori dei servizi. Questi ultimi sono più mobili, leggeri e in grado di adattarsi a diversi ambienti.

Collaborazione uomo-robot
Il nuovo campo di ricerca presso la School of Engineering dell’UBCO è chiamato collaborazione uomo-robot (HRC). Sta avendo un impatto sull’industria manifatturiera, soprattutto perché c’è un crescente interesse per gli spazi di lavoro condivisi in cui robot e umani lavorano fianco a fianco. 

In un ambiente industriale, l’HRC può portare a robot intelligenti e mobili che sono consapevoli dell’ambiente circostante e del partner umano. Il team sta lavorando per far sì che questi sistemi autonomi e le tecnologie di apprendimento automatico vengano assimilati nella robotica focalizzata sull’HRC, e lo stanno facendo con l’aiuto di molte organizzazioni in tutto il mondo.

Secondo Mukherjee, la sfida più grande è adattarsi all’incertezza all’interno del contesto industriale. Utilizzando le linee guida sui veicoli autonomi, possono esserci regole per la funzionalità tra esseri umani e robot, nonché un modo per testarne l’efficacia. 

“L’aumento dei livelli di automazione è standardizzato e accettato dall’industria automobilistica, ma altri ambienti industriali, sebbene relativamente statici, non hanno gli stessi standard”, afferma. “In futuro, non solo i sistemi automatizzati industriali continueranno a utilizzare sensori per consentire la percezione e la comunicazione simili alle capacità umane, ma si adatteranno e comunicheranno in tempo reale con l’ambiente circostante”.

Tutto ciò può consentire ai robot di prevedere cosa faranno gli umani e altri robot, il che li aiuta a preparare la risposta migliore.

Il team di ricercatori sta ora cercando di sviluppare sistemi che consentano ai robot di funzionare e rispondere al di fuori di un ambiente prescritto.

“In un ‘mondo aperto’, i robot dovranno affrontare variabili inaspettate come persone, strutture, macchine e fauna selvatica”, conclude Mukherjee. “Dobbiamo assicurarci che possano farlo in modo corretto, efficiente e sicuro”.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi