Home / Economia / In che modo l’UE sta aprendo la strada all’innovazione sociale basata sull’intelligenza artificiale

In che modo l’UE sta aprendo la strada all’innovazione sociale basata sull’intelligenza artificiale

L’anno 2020 continuerà per sempre a richiamare i ricordi della pandemia del Coronavirus. Tuttavia, il 2020 sarà anche cementato nei libri di storia come il punto di svolta digitale che ha finalmente rivelato al mondo il significato dell’innovazione sociale e dell’approccio incentrato sull’uomo. Nel 2020, l’adozione dell’IA intersettoriale è aumentata come mai prima d’ora, poiché le soluzioni orientate alle persone sono diventate l’unico obiettivo e priorità di imprenditori tecnologici, imprese e governi. Questi rapidi progressi si sono indubbiamente estesi al 2021, stabilendolo come l’Anno dell’innovazione sociale basata sull’intelligenza artificiale. Non solo, ma i paesi dell’UE lungimiranti – in particolare Danimarca, Slovenia ed Estonia – hanno preso sul serio questo slogan. Da tempo l’UE è conosciuta come un campione mondiale di soluzioni sociali volte a migliorare la vita dei cittadini. Però,

L’UE ha lanciato una serie di programmi e fondi lungimiranti orientati verso l’innovazione sociale e la tecnologia, come Horizon Europe, InvestEU, il Programma dell’UE per l’occupazione e l’innovazione sociale (EaSI) e il Fondo sociale europeo (FSE), tra i tanti altri. Uno degli sforzi più impressionanti è il programma Horizon Europe, che andrà dal 2021 al 2027. La Commissione Europea ha stanziato un budget proposto di € 100 miliardi per il progetto, che servirà a far avanzare la ricerca e l’innovazione in tutta la regione. Secondo un documento della Commissione UE, “L’Europa può plasmare il suo futuro attraverso la ricerca e l’innovazione concentrando la ricerca e l’innovazione sulle transizioni ecologiche, sociali ed economiche e le relative sfide sociali, facendo leva sui punti di forza scientifici dell’Europa nella leadership nell’innovazione rivoluzionaria e dirompente, fissando obiettivi ambiziosi per le questioni che ci riguardano quotidianamente , come lo sviluppo delle competenze, la lotta contro il cancro, le emissioni nocive e lo stato degli oceani, compresa la plastica, e concentrarsi su progetti di ricerca e innovazione all’avanguardia che vanno dalla ricerca e innovazione alla distribuzione “. Inoltre, nell’ambito del programma precedente, Horizon 2020, la Commissione UE aveva già deciso di aumentare i suoi investimenti annuali in AI del 70% – un finanziamento preventivo che, in combinazione con l’attuale iniziativa Horizon Europe, modellerà davvero l’UE come una potenza di IA socialmente innovativa.

Oltre a Orizzonte Europa, InvestEU è un altro ambizioso sforzo incentrato sul catapultare l’UE in cima alla scala dell’Innovazione sociale dell’IA. Secondo la European Venture Philanthropy Association (EVPA), “Attraverso il Fondo InvestEU, la Commissione Europea fornirà una garanzia UE di 38 miliardi di euro, suddivisa in quattro finestre che definiscono le aree politiche che InvestEU sostiene: Infrastrutture sostenibili (11,5 miliardi di euro) ; Ricerca, innovazione e digitalizzazione (11,25 miliardi di euro); Piccole e medie imprese (11,25 miliardi di euro) e investimenti e competenze sociali (4 miliardi di euro) “.

Evidentemente, l’UE ha fatto passi da gigante nell’innovazione sociale basata sull’intelligenza artificiale. Tuttavia, in Europa, ci sono una manciata di attori chiave che stanno influenzando maggiormente l’ecosistema: Danimarca, Slovenia ed Estonia. Il governo danese, in particolare, ha preso sul serio l’applicazione dell’intelligenza artificiale per migliorare il benessere sociale. La Danimarca è pronta ad adottare tutti i vantaggi dell’innovazione sociale. Secondo il Ministero degli Affari Esteri della Danimarca, ” Entro il 2025, la visione è quella di essere un leader mondiale nell’uso responsabile ed etico dell’IA , dove il diritto alla privacy, alla sicurezza e alla trasparenza è al primo posto”. Inoltre, il governo ha stabilito un budget di 200 milioni di euroin particolare verso progetti di IA e digitalizzazione. Gli obiettivi governativi della Danimarca si basano sull’intelligenza artificiale per il bene sociale. Insieme all’intelligenza artificiale, iniziative come RESEARCH2025, l’International Arctic Hub e Innovation Fund Denmark (IFD), tutte incentrate sulla resilienza ambientale e sulla sostenibilità economica, consentiranno alla Danimarca di raggiungere gli ambiziosi obiettivi di riduzione del 70% delle emissioni di gas serra entro 2030e raggiungere lo stato libero da fossili entro il 2050, tra molti altri. Inoltre, il forte hub danese di organizzazioni indipendenti come Sustainia, guidato dal fondatore e presidente Erik Rasmussen, sta contribuendo a sensibilizzare sull’intelligenza artificiale sostenibile e la digitalizzazione per il bene e assistere l’implementazione degli obiettivi di innovazione sociale della nazione. Secondo Tracxn, ci sono almeno 127 startup AI in Danimarca.

Oltre alla Danimarca, anche la Slovenia è un influente significativo della scena dell’innovazione sociale dell’UE. Per cominciare, la Slovenia ha una lunga storia di innovazione sociale alimentata dalla tecnologia. Sin dalla fondazione dell’Istituto Jozef Stefan nel 1949, la Slovenia ha privilegiato gli investimenti in ricerca e sviluppo in scienza e tecnologia, una tendenza che è continuata fino ad oggi. In effetti, la Slovenia ha istituito il primo Centro di ricerca internazionale sull’intelligenza artificiale (IRCAI) sostenuto dall’UNESCO in Europa, un importante e storico passo avanti nel progresso degli obiettivi di IA incentrati sull’uomo del paese. Tra i molti progetti su cui si concentra la nazione, alcuni dei più impressionanti sforzi sociali sostenuti dall’IA includono il sistema di monitoraggio “Digital Twin”, la prima infrastruttura di test blockchain in Europa,

Il grande compromesso nel dilemma tra acquisto e costruzione di AI
Infine, essendo l’unica Repubblica digitale e “nazione elettronica” al mondo, l’Estonia ha fornito una visione completamente diversa di ciò che una società veramente incentrata sull’uomo comporta per i cittadini digitali. Nell’ambito del programma faro del governo e-Estonia, che ha sfruttato l’intelligenza artificiale e le tecnologie avanzate per portare il paese completamente digitale, programmi come e-Governance, e-Tax, e-Voting, e-Health e e-Residency sono stati completamente digitalizzati e reinventati vita sociale nella nazione. In effetti, il 99% dei servizi governativi è disponibile online – una statistica che deve ancora essere confrontata con qualsiasi altra nazione. Pertanto, l’innovazione sociale basata sull’intelligenza artificiale è la regola piuttosto che l’eccezione in Estonia, è una seconda natura.

Per concludere, grazie alla moltitudine di programmi dell’UE e ai finanziamenti dedicati all’innovazione sociale, nonché ai potenti obiettivi raggiunti da Danimarca, Slovenia ed Estonia nella stessa arena, possiamo aspettarci un futuro luminoso per l’innovazione sociale basata sull’intelligenza artificiale nell’UE . Ora è il momento migliore per creare fondi di venture capital AI per l’innovazione sociale nell’UE per reperire, finanziare, maturare e ampliare più startup e soluzioni nell’UE in modo da poterci davvero concentrare sull’approccio incentrato sull’uomo all’innovazione.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi