Instacart ha annunciato oggi di aver acquisito Caper AI , una startup che sviluppa tecnologie per automatizzare le esperienze di pagamento fisiche, per circa 350 milioni di dollari in contanti e azioni. Con l’acquisto, Instacart afferma che mira ad aiutare i rivenditori a “unificare i flussi di acquisto in negozio e online per i clienti”.

La forza lavoro di Caper con sede a New York si unirà a Instacart, aggiungendo talenti di ingegneria hardware al team di sviluppo prodotto esistente di Instacart. Nel tempo, Instacart prevede di integrare la tecnologia di Caper nell’app Instacart e nei siti Web e nelle app di e-commerce dei suoi partner di vendita al dettaglio, consentendo ai clienti di creare liste della spesa online e sfogliare le ricette in anticipo e controllare le loro liste man mano che procedono.

 
“Nel corso degli anni, Instacart ha continuato ad espandere i suoi servizi di abilitazione per i rivenditori, aiutando i negozi di alimentari fisici in tutto il Nord America a spostare le loro attività online, crescere e soddisfare le esigenze in continua evoluzione dei loro clienti. Guardando al futuro, ci concentriamo sulla creazione di ancora più modi per consentire ai rivenditori di sviluppare offerte commerciali unificate che aiutino a soddisfare le esigenze dei consumatori sia online che in negozio”, ha affermato il CEO di Instacart Fidji Simo in una nota.

Shopping basato sull’intelligenza artificiale
Caper è stata fondata nel 2016 da Lindon Gao e York Yang. Gao, il presidente del produttore di gioielli JPG Crafts, era in precedenza un analista di banche di investimento presso Goldman Sachs e JP Morgan.

 
“La potente tecnologia che abbiamo creato è intuitiva per i clienti, facile da implementare per i rivenditori di tutte le dimensioni e crea un ecosistema di vendita al dettaglio fisico che non è mai esistito prima”, ha affermato Gao in un comunicato stampa. “Condividiamo la visione di Instacart di consentire ai rivenditori di generi alimentari di introdurre nuove innovazioni che creano cambiamenti radicali per le loro attività e siamo orgogliosi di unire le forze con Instacart per sviluppare ancora più soluzioni che aiutino a riunire online e offline per i rivenditori.”

Caper propone due prodotti: il Caper Cart e il Caper Counter.

Il carrello Caper è un carrello della spesa che utilizza la visione artificiale e le fotocamere per rilevare e aggiungere articoli a una lista della spesa digitale (a la Amazon’s Dash Cart ). Quando gli acquirenti gettano gli articoli nel carrello, vengono riconosciuti da un algoritmo addestrato su un database di oltre 20 milioni di immagini e analizzato per fornire consigli personalizzati e offerte nelle vicinanze tramite uno schermo montato sul carrello. Il carrello misura automaticamente il peso dell’articolo e presto fornirà servizi basati sulla posizione che consentiranno ai clienti di cercare e ricevere indicazioni per gli articoli nel negozio.

Sopra: un rendering del Carro dei Capperi.
Il Caper Counter utilizza anche l’intelligenza artificiale e le fotocamere per scansionare gli articoli senza codici a barre, sostituendo un tradizionale banco cassa automatico con un dispositivo che scansiona gli articoli da cinque diverse angolazioni per completare le transazioni. Lo sportello offre promozioni e fornisce ricevute digitali tramite un display digitale e consente inoltre al personale di monitorare l’attività per prevenire il furto, nonché di aggiungere immagini di articoli sconosciuti al database di riconoscimento delle immagini di Caper.I carrelli di Caper – che sono stati i primi negli Stati Uniti ad essere approvati dal National Type Evaluation Program (NTEP) del governo federale, che certifica che possono vendere con precisione articoli valutati in base al peso e alle misure – sono attualmente impiegati presso Kroger e Wakefern, Sobeys in Canada e Auchan in Francia e Spagna. Questo è in aggiunta alle casse intelligenti di Caper nei minimarket.

Caper aveva raccolto 13 milioni di dollari in capitale di rischio da Lux Capital, FundersClub, HCVC, First Round Capital, Red Apple Group, Redo Ventures, Precursor Ventures e Y Combinator prima dell’acquisizione.


“[S]iamo entusiasti di dare il benvenuto al team di Caper AI su Instacart. Condividiamo lo stesso obiettivo di dotare i rivenditori di tecnologie nuove e innovative che li aiutino ad avere successo in un settore sempre più competitivo, fornendo allo stesso tempo ai clienti la migliore esperienza possibile. Siamo entusiasti di portare i carrelli intelligenti leader di Caper e la piattaforma di checkout intelligente a più rivenditori in tutto il mondo, mentre tutti insieme reinventiamo il futuro della drogheria”, ha affermato Simo. “Continueremo ad approfondire il nostro investimento nella nostra suite di servizi tecnologici aziendali, sbloccando nuove soluzioni che aiutano a potenziare le piattaforme di e-commerce complete dei rivenditori in tutto il Nord America”.

Boom della vendita al dettaglio intelligente
L’acquisto di Caper da parte di Instacart arriva sulla scia dell’acquisizione di FoodStorm, che offre una soluzione di ordinazione anticipata e catering per i rivenditori. È l’ultimo di una serie di investimenti nei servizi tecnologici aziendali di Instagram, che l’azienda ha iniziato a offrire a partner come Aldi, Costco Canada, Heinen’s, Kroger, Publix, Sprouts, The Fresh Market, Walmart Canada e Wegmans nel 2017 mentre cercava nuove linee di business oltre la consegna.

Instacart è una delle più grandi piattaforme di generi alimentari online del Nord America, con oltre 600 rivenditori che consegnano da 55.000 negozi in oltre 5.500 città. (La società stima che il suo servizio sia disponibile per oltre l’85% delle famiglie statunitensi e il 90% delle famiglie canadesi.) Recentemente, Instacart ha chiuso un round di finanziamento di 265 milioni di dollari con una valutazione doppia rispetto a quanto valeva lo scorso ottobre: ​​39 miliardi di dollari.

Ma la consegna è un’impresa costosa, data la sfida di mantenere una rete dedicata di acquirenti, autisti di consegna e cassieri. Questa settimana, il Gig Workers Collective – una rete di circa 13.000 dei 500.000 acquirenti di Instacart – ha organizzato uno sciopero per protestare contro la bassa retribuzione dell’azienda e la mancanza di comunicazione con i suoi lavoratori. Secondo quanto riferito, Instacart ha realizzato un profitto nel secondo trimestre, con un netto di circa $ 10 milioni. Ma di recente, nel 2019, la società perdeva $ 25 milioni ogni mese, nonostante il fatto che gli acquisti di generi alimentari online siano aumentati durante la pandemia a $ 1 trilione.Per aumentare le entrate, Instacart ha ampliato le sue offerte aziendali tra cui Instacart Advertising, uno strumento che consente alle aziende di beni di consumo confezionati di promuovere i propri prodotti agli utenti dell’app Instacart. A luglio, l’azienda ha lanciato una nuova soluzione di adempimento con Fabric , una startup che offre servizi di “microadempimento” alimentati da robot progettati per operare in aree metropolitane ad alta densità. E in seguito all’acquisizione di FoodStorm, Instacart ha affermato che avrebbe iniziato a fornire ai rivenditori modi per offrire cibi pronti per il preordine, che sono in genere più redditizi di generi alimentari come prodotti agricoli e merci confezionate.

Instacart ha affermato in precedenza che prevede di aumentare il proprio organico aziendale del 50% nel 2021 come parte delle iniziative di espansione pianificate.

Instacart Acquires Caper AI

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi