AI e il futuro della lingua/tutta l’istruzione: gli insegnanti diventeranno obsoleti? O lo sono già?

Un paio di settimane fa sono stato invitato come professore ospite a un corso di laurea magistrale sulla leadership educativa. Gli studenti mi hanno posto diverse domande sul presente e sul futuro dell’educazione linguistica. Ad un certo punto, ho detto una delle mie affermazioni spesso ripetute: se insegni principalmente attraverso la preparazione agli esami, preparati a essere sostituito molto presto da un’intelligenza artificiale.

Uno degli studenti post-laurea si è sentito offeso dalla mia risposta. In effetti, nella mia ingenuità, stavo parlando di ciò che è già successo: prove pratiche autocorrettive (che offrono non solo risposte corrette ma anche spiegazioni dettagliate, ecc.). Non sapevo del vero “rischio” in vista, che non solo “minaccia” le classi di preparazione agli esami e gli insegnanti che insegnano il test, ma l’intera istruzione come la conosciamo!

Dai un’occhiata a come funziona chatGPT e cosa può già fare.

Gli studenti possono avere discussioni significative, accedere a conoscenze analizzate criticamente e sintetizzate, scrivere documenti e molto altro ancora.

Gli insegnanti possono avere accesso a piani di lezione, attività, compiti, che non sono solo googleable, ma ben pensati, basati su principi, creativi!

Quindi c’è un futuro per gli educatori? Avremo un lavoro tra 5 anni?

Non posso dare una risposta valida, ma sto pensando a cosa potrebbe rendere i nostri ruoli più significativi, se necessario.

E no, non è “un robot non può sostituire un insegnante”. Perché può.

Si tratta di offrire esperienze che vanno oltre la complessità; esperienze che sono guidate dallo studente, imprevedibili, stranamente creative, guidate dalle emozioni, intrinsecamente non strutturate, stimolanti, interdisciplinari e anche di più, al di là delle discipline.

Allo stesso tempo, la nuova educazione deve essere così centrata sul discente che l’insegnante diventi fondamentalmente presente in sua assenza.

Quindi, in parole povere, qual è la differenza tra un argomento perfettamente sviluppato su una domanda relativa al pensiero critico prodotta da un’intelligenza artificiale, che raccoglie e sintetizza la conoscenza da tutte le fonti possibili e un insegnante umano con competenze limitate in campi limitati?

L’unico motivo possibile per cui la risposta umana può essere migliore è se l’umano ti conosce e si preoccupa di rendere questa risposta significativa per te, spiegata per te, condivisa affinché la tua intelligenza ne dia un senso, connettersi a esperienze personali che sono memorabili e curato da. Ma soprattutto, l’insegnante umano potrebbe essere abbastanza intelligente (cioè più intelligente di un’intelligenza artificiale) da iniziare più domande per le quali non ci sono risposte. E qui sta il potere dell’insegnante umano: suscitare una conversazione non solo su ciò che non ha risposta, ma anche su ciò che è indiscusso. Perché non c’è feed per la domanda che non è stata ancora posta.

Tornando all’inizio di questo articolo, il collega insegnante che si è offeso per la mia risposta sta già facendo il lavoro che un’intelligenza artificiale può fare meglio. Il fatto è che se c’è qualcosa che possiamo fare, oltre a trattare con l’ego umano ferito…

PS. C’è una cosa che chatGPT non può fare, almeno non ancora: l’amore.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi