Kodiak Robotics espanderà l’autotrasporto autonomo con 125 milioni di dollari
 
Kodiak Robotics , una startup che sviluppa tecnologie per autocarri a guida autonoma, ha annunciato oggi di aver raccolto 125 milioni di dollari in un round di serie B con sottoscrizione in eccesso per un totale di 165 milioni di dollari fino ad oggi. La tranche, che include investimenti da SIP Global Partners, Lightspeed Venture Partners, Battery Ventures, CRV, Muirwoods Ventures, Harpoon Ventures, StepStone Group, Gopher Asset Management, Walleye Capital, Aliya Capital Partners e altri, sarà destinata all’espansione del team di Kodiak , aggiungendo camion alla sua flotta e aumentando le sue capacità di servizio autonomo, secondo il CEO Don Burnette.

“La nostra serie B ci spinge verso un’iper-crescita in modo da poter raddoppiare il nostro team, la nostra flotta e continuare a espandere la nostra attività”, ha affermato Burnette in una nota. “Con [it], accelereremo ulteriormente verso il lancio del nostro servizio di guida autonoma commerciale con i nostri partner nei prossimi anni per aiutare ad affrontare queste sfide critiche”.

 
Mentre i camion autonomi potrebbero affrontare sfide nella commercializzazione su larga scala fino a quando non saranno stabilite linee guida normative più chiare, la tecnologia ha il potenziale per ridurre il costo del trasporto su autocarro da $ 1,65 per miglio a $ 1,30 per miglio entro la metà del decennio, secondo un’analisi di Pitchbook. Questo è forse il motivo per cui nella prima metà del 2021, gli investitori hanno versato la cifra record di 5,6 miliardi di dollari in società di autotrasporti senza conducente, eclissando i 4,2 miliardi di dollari investiti in tutto il 2020.

Secondo le recenti stime di Acumen Research and Consulting, il mercato dei veicoli semi-e completamente autonomi raggiungerà circa 88 miliardi di dollari entro il 2027, crescendo a un tasso di crescita annuale composto del 10,1% tra il 2020 e il 2027.

Tecnologia Kodiak
Kodiak, che è stata cofondata da Burnette e dall’ex venture capitalist Paz Eshel, è emersa dallo stealth nel 2018. Dopo aver lasciato il progetto di guida autonoma di Google per Otto all’inizio del 2016, Burnette ha lavorato brevemente in Uber dopo l’acquisizione di Otto da parte della società nel 2016 a un valore di $ 680. milioni di valutazione.

 
“Sono stato molto fortunato ad essere uno dei primi membri e responsabile della tecnologia software del progetto di auto a guida autonoma di Google, il predecessore di Waymo. Ho trascorso cinque anni lì a lavorare sui robotaxis, ma alla fine sono arrivato alla conclusione che ci fossero un sacco di sfide tecniche per tali applicazioni e il business case non era chiaro”, ha detto Burnette a VentureBeat via e-mail. “Mi sono reso conto in quei primi giorni che l’autotrasporto a lungo raggio rappresentava un caso d’uso più convincente rispetto ai robotaxi. Volevo un’opportunità di commercializzazione diretta e ho capito subito che l’autotrasporto autonomo era la prima applicazione logica su larga scala”.

La piattaforma di guida autonoma di Kodiak utilizza una combinazione di rilevamento della luce e radar di rilevamento noto come lidar, nonché hardware di telecamere e radar. Un computer personalizzato elabora i dati dei sensori e pianifica il percorso del camion. Sotto la supervisione di un conducente di sicurezza, i freni, il piantone dello sterzo e l’acceleratore sono controllati dal computer per portare il camion a destinazione.

 

La suite di sensori di Kodiak raccoglie dati grezzi sul mondo intorno al camion, elaborando dati grezzi per individuare e classificare oggetti e pedoni. Il suddetto computer riconcilia i dati con mappe stradali leggere, che vengono spedite via etere alla flotta di Kodiak e contengono informazioni sull’autostrada, comprese le zone di costruzione e i cambi di corsia.

 

Kodiak afferma che la sua tecnologia è in grado di rilevare i cambi di corsia, i cambi di velocità, i macchinari pesanti, i lavoratori stradali, i segnali specifici dell’edilizia e altro ancora in caso di pioggia o sole. Inoltre, la società afferma che il suo camion può fondersi dentro e fuori le autostrade e anticipare l’ora di punta, il traffico festivo e i backup dei lavori, regolando la frenata e l’accelerazione per ottimizzare le finestre di consegna e massimizzare l’efficienza del carburante.

“Veicoli che si muovono più lentamente, svincoli, veicoli sulla spalla e persino ostacoli imprevisti sono comuni sulle autostrade. Il driver Kodiak può identificare, pianificare ed eseguire un percorso attorno agli ostacoli per continuare in sicurezza verso la sua destinazione”, afferma Kodiak sul suo sito web. “Il Kodiak Driver è stato costruito da zero appositamente per i camion. I camion corrono per centinaia di migliaia di miglia, negli ambienti più difficili, per tratti estremamente lunghi. Il nostro obiettivo è sempre stato quello di costruire una tecnologia affidabile, sicura, di livello automobilistico e pronta per il commercio”.

La crescente rete di autotrasporti autonomi
Solo negli Stati Uniti, l’American Trucking Association (ATA) stima che ci siano più di 3,5 milioni di conducenti di camion sulle strade, con quasi 8 milioni di persone impiegate in tutto il segmento. I camion hanno spostato oltre l’80,4% percento di tutte le merci statunitensi e hanno generato entrate per $ 791,7 miliardi nel 2019, secondo l’ ATA .

 
Ma la crescente carenza di autisti rimane un problema per il settore. Le stime fissano il deficit di autisti di camion a lungo raggio a 80.000 negli Stati Uniti, un divario che si prevede aumenterà fino a 160.000 entro il decennio.

Inseguendo l’opportunità redditizia, le startup di veicoli autonomi focalizzate sulla consegna di merci hanno accumulato centinaia di milioni di capitali di rischio. A maggio, Plus ha accettato di fondersi con una società di acquisizione per scopi speciali in un accordo che, sebbene concluso questa settimana, avrebbe avuto un valore stimato di 3,3 miliardi di dollari. Il produttore di camion a guida autonoma TuSimple ha raccolto $ 1 miliardo attraverso un’offerta pubblica iniziale (IPO) a marzo. Lo sviluppatore di software per veicoli autonomi Aurora ha presentato istanza di IPO la scorsa settimana. E Waymo, che sta perseguendo la tecnologia dei camion senza conducente attraverso la sua linea di business Waymo Via , ha raccolto miliardi di dollari fino ad oggi con una valutazione di poco più di $ 30 miliardi.

Altri concorrenti nello spazio camion auto-guida includono Locomation e Pony.ai . Ma Kodiak indica un investimento di minoranza da Bridgestone per testare e sviluppare la tecnologia dei pneumatici intelligenti come uno dei suoi principali fattori di differenziazione. BMW i Ventures è un altro sostenitore, insieme al conglomerato sudcoreano SK, che sta esplorando la possibilità di implementare la tecnologia dei veicoli Kodiak in Asia.

 

“Kodiak è stata fondata nell’aprile 2018 e ha ricevuto la consegna del suo primo camion alla fine del 2018. Abbiamo completato il nostro primo test drive a circuito chiuso solo tre settimane dopo e abbiamo iniziato a spostare autonomamente merci per [12] clienti tra Dallas e Houston nell’estate del 2019″, ha detto Burnette. “Il nostro team è la più efficiente in termini di capitale tra le società di guida autonoma, pur avendo sviluppato una tecnologia leader del settore. Abbiamo in programma di realizzare operazioni senza conducente su larga scala per meno del 10% di quanto Waymo ha raccolto pubblicamente fino ad oggi e meno del 25% di quanto TuSimple ha raccolto fino ad oggi”.

 
 Kodiak ha  recentemente affermato che prevede di espandere i piloti di trasporto merci a San Antonio e in altre città del Texas. L’azienda sta anche testando i camion a Mountain View, in California, con un organico che ora è di 85 persone.

Nei prossimi mesi, Kodiak prevede di aggiungere 15 nuovi camion alla sua flotta, per un totale di 25.

“Siamo in un momento cruciale nel settore dei veicoli autonomi. Non è una questione di volontà della tecnologia di autotrasporto autonomo, ma di quando accadrà”, ha continuato Burnette. “Detto questo, la logistica è un settore da 800 miliardi di dollari all’anno con molto spazio per il successo di molti attori.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi