Home / Economia / La Moda e l’intelligenza artificiale AI

La Moda e l’intelligenza artificiale AI

La macchina veste Prada

Dal 2017, Levi’s ha collaborato con Google per creare una linea di giacche di jeans intelligenti in grado di svolgere attività come riprodurre canzoni e rifiutare chiamate.

Dai corsetti ai crop top, l’industria della moda ne ha fatta di strada. Un elemento chiave della moda è quanto deve essere veloce e competitivo il settore. Ad esempio, dalla seconda guerra mondiale, la moda è stata divisa in due stagioni, le linee primaverili ed estive, e la gente attendeva con impazienza l’arrivo delle linee di ogni stagione. Oggi solo Zara produce circa 20.000 nuovi modelli in un solo anno. Stare al passo con questo è difficile, e non sorprende che l’industria della moda stia impiegando sempre più un altro campo che prospera sull’innovazione: la tecnologia. L’uso di tecnologie come l’intelligenza artificiale e la realtà virtuale ha trasformato la moda in vari modi.

Incontra AI, il tuo nuovo designer
Il primo ruolo dell’IA è nel fashion design. Nel 2016, Google ha provato questo nel suo Project Muze, su cui ha lavorato in collaborazione con Zalando, una piattaforma di moda tedesca, e Stinkdigital, una società di produzione con sede nel Regno Unito.

 

Il progetto Muze ha coinvolto un motore di progettazione predittivo che ha addestrato una rete neurale a dare un senso a colori, trame, preferenze di stile, tra gli altri parametri derivati ​​dal Fashion Trend Report di Google e dai dati forniti da Zalando. Il progetto ha costruito un algoritmo per creare design basati su interessi individuali e li ha allineati con preferenze di stile compatibili con i dati di allenamento (da Google e Zalando).

Questi progetti di intelligenza artificiale senza umani richiedono ancora molte più ricerche. Molti algoritmi per generare abbigliamento sono in gran parte falliti. Il Project Muze di Google ha creato molti design non indossabili e rozzi. Tuttavia, i progetti sviluppati dall’intelligenza artificiale stanno migliorando. Nell’aprile 2019, un designer di intelligenza artificiale noto come DeepVogue ha vinto il People’s Choice Award a un concorso Fashion Design Innovation in Cina. 

L’intelligenza artificiale è stata utilizzata anche per ricavare informazioni sulla moda. Nel 2018, Tommy Hilfiger, IBM e il Fashion Institute of Technology hanno collaborato per un progetto. Il progetto, noto come Reimagine Retail , ha utilizzato gli strumenti di intelligenza artificiale di IBM per raccontare le tendenze del settore in tempo reale, il sentimento dei clienti che circonda Tommy Hilfiger (e i suoi prodotti) e temi ricorrenti in parametri estetici come modelli, colori e stili. Il progetto ha poi portato questa conoscenza ai designer umani che la usano per prendere decisioni migliori e più informate per la prossima collezione di Tommy Hilfiger. 

Inoltre, MAD street Den, una startup con sede in India e negli Stati Uniti, ha sviluppato Vue.ai , un marchio di moda AI che offre assistenza AI end-to-end nell’analisi delle ricerche degli utenti e nel fornire consigli adeguati. Segue il colore, i motivi, le scollature, le maniche, tra gli altri parametri, per aiutare il suo algoritmo.

Un altro uso dell’intelligenza artificiale è quello di consentire tecniche di adattamento intelligenti. Ciò consentirà agli acquirenti di acquistare vestiti online senza aver paura di come si adattano. Fabulyst è una di queste piattaforme basate sull’intelligenza artificiale di Hyderabad che aiuta gli acquirenti a trovare nuovi prodotti e consiglia la migliore vestibilità e stile in base alla loro comprensione delle misurazioni del corpo dell’utente, della variazione del corpo e del tono della pelle. 

Moda veloce
Il termine è usato per descrivere i vestiti associati alla produzione di massa ed è meno costoso di “abbigliamento firmato”. Come suggerisce il nome, il fast fashion richiede ai rivenditori di lavorare più velocemente che mai. Oggi, questi rivenditori guardano all’intelligenza artificiale e all’automazione per aiutare nella produzione. Ad esempio, l’intelligenza artificiale può aiutare a fornire stime sui costi e sui tempi di produzione. 

Un elemento entusiasmante dell’automazione nella moda ruota attorno all’utilizzo di robot nella produzione di indumenti. SoftWear Automation sta sviluppando “Sewbots” con bracci robotici, ventose e micromanipolatori in grado di lavorare con precisione un tessuto su una macchina da cucire. Lo strumento utilizza telecamere specializzate e software di visione artificiale e può ridurre significativamente i costi di produzione e diminuire gli errori. I rivenditori potrebbero anche trarre vantaggio da questa automazione in paesi con popolazione che invecchia e conseguente carenza di manodopera. 

Molti hanno con il fast fashion una preoccupazione vitale per le discutibili condizioni di lavoro che fornisce ai suoi lavoratori e per l’enorme danno ambientale che la rapida produzione pone. L’Environmental Protection Agency ha riferito che circa 17 milioni di tonnellate di rifiuti tessili sono stati scaricati in discarica ogni anno. Molte soluzioni sono state presentate per questo, incluso l’utilizzo di fibre vegetali o sintetiche (invece della pelle dannosa per l’ambiente) e l’intelligenza artificiale. 

L’intelligenza artificiale può consentire una migliore previsione della domanda, che consentirebbe ai rivenditori di utilizzare i materiali in modo più efficiente e ridurre la sovrapproduzione e gli sprechi. Nel 2018, H&M ha creato un dipartimento di intelligenza artificiale per risolvere questo problema. Questo reparto utilizzava anche algoritmi per automatizzare i propri magazzini e velocizzare le consegne.

 Moda, tecnologia e futuro

Anche Myntra , uno dei più grandi rivenditori di moda online dell’India, ha utilizzato l’intelligenza artificiale in vari modi. I suoi marchi di fast fashion: Moda Rapido e Here&Now, offrono vestiti generati al computer come jeans e t-shirt senza l’aiuto di designer. Un’altra tecnologia essenziale sfruttata da Myntra è la realtà aumentata. Myntra ha aggiunto una funzione AR alla sua app per aiutare i clienti, che consentirebbe loro di utilizzare la fotocamera del loro smartphone e di criticare il modo in cui potrebbero apparire in determinati vestiti o accessori.

 

La realtà virtuale è anche una tecnologia cruciale nella moda. Nel 2019, Tommy Hilfiger ha presentato una nuova collezione con l’attrice Zendaya e coloro che non hanno potuto assistere in prima persona all’evento hanno potuto vederlo attraverso un pop-up store basato sulla realtà virtuale . AR sta anche ridefinendo i camerini. TopShop ha portato i mirror AR in negozio, quindi i clienti non hanno dovuto provare fisicamente i loro vestiti. Nel 2017, Amazon ha richiesto un brevetto (concesso a gennaio 2018) per creare uno specchio AR per consentire agli utenti di provare i vestiti virtualmente a casa. 

 

L’uso della tecnologia ha influenzato in modo significativo l’industria della moda. Le ultime innovazioni tecnologiche riguardano la tecnologia indossabile che va oltre Fitbit e Apple Watch. Dal 2017, Levi’s ha collaborato con Project Jacquard di Google per creare una linea di giacche di jeans intelligenti in grado di svolgere attività come riprodurre canzoni e rifiutare chiamate. Hexoskin , una startup, ha sviluppato una linea di camicie che tracciano i movimenti, la frequenza cardiaca e la respirazione. L’automazione potrebbe essere eccezionale per l’industria della moda. Alcune persone temono che possa sostituire i posti di lavoro e, sebbene questa sia una preoccupazione valida, la crescente domanda di abbigliamento prodotto rapidamente rende chiaro che l’uso delle nuove tecnologie nella moda non farà che crescere. 

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi