Home / Società / La privacy è morta e alla maggior parte delle persone non importa

La privacy è morta e alla maggior parte delle persone non importa

La privacy è morta e alla maggior parte delle persone non importa davvero

Hai letto i termini e le condizioni per utilizzare Facebook? Il tuo smartphone? La maggior parte delle persone non lo ha fatto , e probabilmente con buone ragioni. Sono lunghe centinaia, se non migliaia, di pagine. Anche i giuristi contrattuali con esperienza trentennale hanno faticato a cercare di capire questi accordi. In fondo, però, ognuno di noi sa che stiamo cedendo i nostri diritti alla privacy per l’utilizzo di queste piattaforme e dispositivi. Allora perché lo facciamo? Non apprezziamo veramente la privacy quanto ci piace credere di fare.

Gli esseri umani sono animali sociali, quindi abbiamo un forte bisogno di interagire con altre persone e appartenere a qualcosa. Indovina cosa fanno i social media per noi? Ci aiuta a rimanere in contatto. Pensa a come spesso senti parlare di importanti eventi della vita ora amici e familiari. Qualcuno si è fidanzato? Lo pubblicano su Facebook. Un buon amico vince un premio? Lo pubblicano su Instagram. Ti stai chiedendo in quale ristorante mangiare? Cerchiamo su Yelp. A causa delle esternalità di rete, dobbiamo essere su queste piattaforme per rimanere in contatto. Non ti piace che Facebook cattura i tuoi dati? Bene, buona fortuna a sentire le ultime notizie sui tuoi amici e familiari. In effetti, non essere sulla famiglia Facebook dei social media, in realtà innesca l’isolamento dei sentimenti e la disconnessione. Siamo disposti a rinunciare a un po ‘di privacy per mantenere i nostri legami sociali? Assolutamente.

È facile per noi chiudere un occhio su ciò che sta accadendo finché le persone rimangono beatamente ignoranti. Trova questo scioccante? Considera il docudrama di Netflix The Social Dilemma . Ex addetti ai lavori di queste aziende spiegano e mostrano come le aziende non solo estraggono e vendono i tuoi dati, ma anche come hanno creato i loro sistemi per renderti dipendente dalle loro piattaforme. Hanno bisogno che tu continui a tornare in modo che possano raccogliere sempre più dati da te e monetizzarli. Molte persone che hanno visto il Dilemma Sociale sono stupite e mortificate da ciò che imparano. Eppure quanti di loro giurano davvero di abbandonare le piattaforme e cancellano i loro account? Abbiamo razionalizzato ciò che sta accadendo essenzialmente con una mentalità del tipo: “Non lo chiederò e non lo dici …” finché non succede niente di male.

Il patto segreto sulla “privacy” dei dati è che tutti sappiamo (almeno inconsciamente) che i nostri dati vengono presi, estratti e venduti. Siamo spesso d’accordo con questo perché otteniamo abbastanza valore dai sistemi che non ci importa questo costo. Tuttavia, parte di questo accordo implicito è che le persone malvagie non possono hackerarsi per accedere ai nostri dati. (L’acquisto è apparentemente perfettamente accettabile per la maggior parte delle persone.) Considera le violazioni dei dati subite da SnapChat o Instagram. C’era un enorme indignazione pubblica per la mancanza di sicurezza dei dati (non così tanta privacy). Le persone non sembravano così sconvolte dal livello dei dati raccolti (persino SnapChat prendeva le informazioni di contatto senza richiedere il permesso). L’indignazione era davvero incentrata su questi aziende che non prevengono la criminalità informatica.

Questo porta forse alla sfida più grande che la maggior parte delle persone deve affrontare: non comprendiamo appieno quali dati queste aziende conoscono su di noi. Hai mai richiesto una copia dei tuoi dati che Google o Facebook hanno? La maggior parte delle persone è scioccata da ciò che sa di non aver mai rivelato su quelle piattaforme. Il potere di aggregare dati e collegare punti nascosti per rivelare di più su di noi è una testimonianza dell’analisi avanzata di queste aziende. Ricordi quando Target riuscì a mettere insieme un’adolescente incinta prima ancora che i suoi genitori lo sapessero? Stiamo fornendo molti più dati di quanto pensiamo, e questo è probabilmente il vero punto cruciale della situazione. La privacy non è importante quanto il modo in cui le persone utilizzano i dati.

Viviamo già in un mondo in cui le persone sono abituate a condividere tutto online. Hai presente quelle truffe di phishing telefonico come i truffatori che fingono di essere l’IRS? I giovani millennial e la generazione Z sono vittime di loro la maggior parte di qualsiasi generazione perché sono abituati a divulgare informazioni. Le persone ottengono un valore importante da queste piattaforme e dispositivi e ne accettano i compromessi. La sicurezza dei dati è ancora fondamentale, ma la forte convinzione della privacy dei dati è praticamente morta.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi