Gli ultimi mesi hanno visto un rallentamento nel panorama dell’IA, altrimenti vivace nel paese.
 
Nel giugno 2021, l’Accademia di intelligenza artificiale (BAAI) di Pechino, sostenuta dal governo cinese, ha introdotto Wu Dao 2.0, un modello linguistico con 1,75 trilioni di parametri. Con questa enorme grandezza, ha superato facilmente i suoi cugini occidentali come GPT-3 (175 miliardi di parametri). Gli scienziati hanno quindi affermato che Wu Dao 2.0 consente alle macchine di pensare come gli esseri umani e di raggiungere capacità cognitive oltre il test di Turing.

Come Wu Dao 2.0, nel corso degli anni, la Cina ha introdotto molti modelli e approcci di intelligenza artificiale, che hanno inclinato il globo verso est, soprattutto quando si tratta di abilità tecnologica, battendo paesi “superpoteri” come gli Stati Uniti. Non sorprende che la Cina si sia trovata ai primi posti tra i primi paesi per innovazione e ricerca sull’IA almeno negli ultimi anni.

Detto questo, gli ultimi mesi hanno visto un rallentamento nel panorama dell’IA, altrimenti vivace nel paese. Ci sono molte ragioni per questo: la repressione del governo cinese sulle grandi tecnologie, la regolamentazione algoritmica e persino le accuse di lavoro di ricerca non originale / plagiato.

Repressione delle grandi tecnologie

Il miliardario cinese e fondatore di una delle società più famose al mondo Alibaba, Jack Ma, ha fatto un’osservazione amara sul sistema finanziario del paese. Ciò è stato in risposta allo stato che ha staccato la spina dall’offerta pubblica iniziale di Ant Group di proprietà di Ma. Se l’IPO fosse andata a buon fine, avrebbe incassato più denaro del gigante petrolifero statale Saudi Aramco, quotato in borsa l’anno precedente. Secondo quanto riferito, questo è stato un passo per convincere le società private come l’Ant Group a mostrare loro “il loro posto”.

Dopo il commento pubblico, Jack Ma è rimasto in gran parte fuori dal pubblico per quasi un anno prima di riapparire nell’ottobre 2021.

Didi Chixung, la popolare app di ride-hailing, è arrivata sulla linea del fuoco dopo la sua offerta pubblica iniziale di 4,4 miliardi di dollari a New York. Le autorità di regolamentazione cinesi hanno adottato un approccio pesante nei confronti del settore dei servizi di trasporto, con le autorità di regolamentazione che hanno persino minacciato di bloccare o sospendere le app dal funzionamento. 

La repressione del governo cinese ha avuto un forte impatto sulle principali società tecnologiche, tra cui Tencent, Meituan, Didi e Alibaba. Nonostante i suoi effetti sull’innovazione e sulla crescita economica, le autorità di regolamentazione continuano a essere decise sulle azioni di contrasto anche nel 2022, promuovendo l’offerta del presidente Xi Jinping per la “prosperità comune”.

Questa repressione è dannosa perché questi giganti della tecnologia sono stati spesso la culla dell’innovazione dell’IA. Ad esempio, Tencent è stato spesso guidato da “AI for All”. YouTu Lab di Tencent è leader nell’apprendimento automatico, accreditato di numerose innovazioni nell’analisi di immagini, volti e audio.

Regolazione algoritmica
La Cina sta portando avanti quello che molti chiamano lo sforzo di regolamentazione dell’IA “più ambizioso del mondo”. In base alle nuove regole, le aziende ora non potranno utilizzare le informazioni personali per offrire prezzi diversi per un prodotto o servizio. Nell’ambito di queste regole rientrano i risultati di ricerca, i consigli sui video e il filtraggio dei contenuti. Queste regole saranno imposte a settori come il ride-hailing, l’eCommerce, i social media e le società di streaming. Commentando lo stesso, il presidente Jinping ha affermato in un discorso: “Si sono verificati alcuni segnali e tendenze malsane e disordinate nel rapido sviluppo dell’economia digitale del nostro Paese”. 

I regolamenti sono chiamati Internet Information Service Algorithmic Recommendation Management Provisions, che sono stati redatti dalla Cyberspace Administration of China , un organismo che applica la sicurezza informatica, le regole del commercio elettronico e la censura di Internet. Secondo le autorità di regolamentazione, queste normative vieterebbero gli account falsi, proteggerebbero i gig worker e controllererebbero la promozione di contenuti che creano dipendenza. La violazione di queste regole potrebbe comportare sanzioni, alle aziende il divieto di registrare nuovi utenti o la revoca delle licenze.

Le regole sembravano avere un effetto sulle società tecnologiche. ByteDance, la società dietro la popolare app per brevi video Douyin, da ottobre, ha iniziato a mostrare video di cinque secondi che invitano gli utenti a disconnettersi dopo aver trascorso molto tempo sull’app. La mossa è stata progettata per frenare la dipendenza dal feed curato da algoritmi. 

Ricerca plagiata
La ricerca sull’intelligenza artificiale cinese è stata oggetto di plagio. Uno degli esempi più recenti e scioccanti è un documento accademico di 200 pagine della BAAI che è risultato essere plagiato da una dozzina di articoli di ricerca pubblicati. Questo è stato portato all’attenzione dal ricercatore di Google Brain Nicholas Carlini dopo che il suo coautore ha scoperto che alcuni testi nell’articolo intitolato “A Roadmap for Big Model” sembravano familiari. Ulteriori indagini hanno confermato le sue scoperte.


BAAI ha dovuto infine scusarsi formalmente e avviare una revisione indipendente delle indagini di terzi.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi