Home / Economia / L’acquisizione di Arm da 40 miliardi di Nvidia riguarda l’abbattimento dell’IA dal cloud

L’acquisizione di Arm da 40 miliardi di Nvidia riguarda l’abbattimento dell’IA dal cloud


L’ acquisizione di Arm da 40 miliardi di dollari da parte di Nvidia è un affare estremamente significativo per il mondo tecnologico, con implicazioni che richiederanno anni per svelarsi in molte aree del settore. Ma se ascoltassi le chiacchiere della stampa provenienti dalle due società nelle ultime 24 ore, penseresti che ci fosse un solo fattore a guidare l’acquisto: l’intelligenza artificiale.

“L’intelligenza artificiale è la forza tecnologica più potente del nostro tempo. È l’automazione dell’automazione, dove il software scrive il software “, ha detto ai giornalisti Jensen Huang, CEO di Nvidia, durante una conferenza stampa questa mattina. “Insieme, [Nvidia e Arm] creeranno la principale azienda informatica al mondo per l’era dell’intelligenza artificiale”.

“ORA GUARDIAMO A UN MONDO DAVANTI A NOI CHE È DEFINITO DALL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE.”
Nella stessa telefonata, pochi istanti dopo, l’amministratore delegato di Arm Simon Segars ha ripetuto questi sentimenti. “Ora guardiamo a un mondo davanti a noi che è definito dall’intelligenza artificiale”, ha affermato Segars. “Vediamo che l’AI sta raggiungendo una fase di maturità in cui, ogni giorno, è possibile trovare applicazioni sempre più nuove per l’uso dell’AI. Attraverso la combinazione di Arm e Nvidia … possiamo consentire all’industria mondiale dei semiconduttori di costruire chip che soddisfano questa visione “.

In un certo senso, l’attenzione sull’intelligenza artificiale è una mossa difensiva di PR per le due società. Si tratta di un’acquisizione che coinvolge molte questioni spinose, tra cui lo stato a lungo termine degli investimenti di Arm’s UK (dove è una delle poche preziose storie di successo high-tech del paese), e la possibilità che una nuova proprietà metta in pericolo l’attività di licenza dei chip di Arm (che attrae clienti come Apple e Samsung in parte a causa della sua indipendenza). Ma queste sono domande che richiederanno anni per essere risolte e, riportando la conversazione sull’IA, Nvidia e Arm possono concentrarsi su un argomento brillante, eccitante e utilmente vago sui dettagli.

Tuttavia, ciò non significa che abbiano torto a farlo, poiché la premessa di base sul motivo per cui Nvidia sta acquistando Arm porterà ad entusiasmanti applicazioni di machine learning ha senso.

GIAPPONE-SALUTE-VIRUS

La grande idea è che l’IA, come un antico dio, stia finalmente scendendo dalle nuvole per camminare tra la gente. Algoritmi di machine learning utilizzati per fare affidamento su data center per il calcolo, con strumenti e applicazioni di intelligenza artificiale che inviano informazioni su Internet a questi server remoti per l’elaborazione. Ma mentre i chip di qualità pesante sono ancora necessari per la ricerca e le applicazioni all’avanguardia, molti strumenti di apprendimento automatico sono ora abbastanza leggeri da funzionare sul dispositivo senza connettersi a Internet. I vantaggi di questo sono evidenti: si ottiene un’elaborazione più rapida, una maggiore sicurezza e un consumo energetico ridotto. E ‘il motivo per cui i nostri smartphone possono ora fare le cose come AI-enhanced fotografia e perché abbiamo la tecnologia, come i robot disinfettante negli ospedali ericonoscimento facciale per i suini . Questo tipo di applicazioni mobili (note come edge AI) sono davvero il futuro del settore.

Come ha affermato Huang: “L’intelligenza artificiale si sta spostando dal cloud all’edge, dove sensori intelligenti collegati ai computer con intelligenza artificiale possono velocizzare le casse, dirigere i carrelli elevatori, orchestrare il traffico e risparmiare energia. Col tempo, ci saranno trilioni di questi piccoli computer autonomi, alimentati dall’intelligenza artificiale, collegati a data center cloud estremamente potenti in ogni angolo del mondo “.

NVIDIA FORNISCE I DATA CENTER, ARM FORNISCE I CHIP MOBILI
In qualità di creatore delle GPU utilizzate in molti data center AI, Nvidia può fornire la prima metà di questa equazione, mentre Arm, progettista di chip mobili economici ed efficienti dal punto di vista energetico, si occupa della seconda. Non ci vuole un genio per capire che esiste una sovrapposizione potenzialmente redditizia tra queste due attività. (Anche se ci vogliono $ 40 miliardi per forzare l’esistenza di questa sovrapposizione.)

In questo senso, l’attenzione di Nvidia e Arm sull’intelligenza artificiale è perfettamente ragionevole, poiché l’esperienza individuale delle aziende può migliorare le reciproche offerte di intelligenza artificiale. Come ha affermato l’analista del mercato dei chip Patrick Moorhead sull’accordo : “Arm gioca in aree in cui Nvidia non ha o non ha successo, mentre Nvidia gioca in molti posti Arm non ha o non ha successo.”

Nvidia, per cominciare, può potenzialmente sfruttare l’efficienza delle CPU di Arm per ridurre il consumo energetico nei suoi data center. Sebbene l’IA edge sia una parte importante del futuro del settore, i data center non stanno andando da nessuna parte e i costi energetici per la loro gestione sono enormi. Lo stesso CEO di Nvidia Huang ha suggerito che questo sarebbe stato un punto centrale dell’acquisizione quando ha notato nella chiamata di questa mattina che “l’efficienza energetica è la cosa più importante quando si tratta di informatica in futuro”. Arm, nel frattempo, dovrebbe trarre enormi vantaggi dall’esperienza e dalle risorse di IA di Nvidia. Nvidia ha una portata impressionante nel mondo dell’apprendimento automatico, coprendo campi come la robotica , le auto a guida autonoma e l’immaginazione medica , oltre a pubblicare costantemente interessantie una nuova ricerca sul ML. Ha anche le dimensioni per accelerare gli sforzi di ricerca e sviluppo di cui Arm ha bisogno per spingere ulteriormente le sue capacità di intelligenza artificiale.

Abbastanza opportunamente, la capacità di Nvidia di offrire una maggiore capitalizzazione è, in parte, dovuta solo all’interesse per l’intelligenza artificiale. Come ha notato il giornalista Alistair Barr su Twitter , nel 2016 Nvidia valeva $ 30 miliardi, ma da allora la sua valutazione è aumentata a oltre $ 300 miliardi a causa della domanda generata per le sue GPU dall’apprendimento automatico (tra le altre cose). Quindi, sebbene la domanda di intelligenza artificiale abbia motivato questo accordo, lo ha anche reso possibile in primo luogo.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi