I ricercatori dell’IISc sviluppano un algoritmo per rilevare convulsioni e occorrenza di epilessia
L’algoritmo di recente sviluppo è destinato a svolgere un ruolo fondamentale nell’assistere i neurologi a effettuare screening e diagnosi automatizzati efficienti della malattia.
 
Un nuovo algoritmo può ora aiutare a identificare il tipo e l’insorgenza dell’epilessia, grazie ai ricercatori dell’Indian Institute of Science (IISc) e dell’AIIMS Rishikesh . Secondo il comunicato stampa , questa nuova svolta è destinata a svolgere un ruolo fondamentale per uno screening e una diagnosi efficienti e automatizzati della malattia. 

L’epilessia è un disturbo neurologico in cui un’improvvisa esplosione di segnali elettrici viene rilasciata dal cervello in un breve periodo di tempo. Ciò può causare convulsioni, convulsioni o persino provocare la morte.  
La malattia è classificata come “focale” o “generalizzata”, in base all’origine dei segnali irregolari prodotti nel cervello. L’epilessia focale si verifica quando i segnali sono confinati in una regione specifica mentre l’epilessia generalizzata è confinata in posizioni casuali nel cervello. I neurofisiologi devono ispezionare manualmente gli EEG (elettroencefalogrammi) , che vengono utilizzati per acquisire segnali irregolari e identificare se un paziente è epilettico. Le idee morte dell’apprendimento automatico
Il professore assistente del Dipartimento di ingegneria dei sistemi elettronici (DESE) e l’autore corrispondente Hardik J Pandya affermano che l’ispezione visiva degli EEG potrebbe diventare gravosa o estenuante dopo periodi prolungati e potrebbe anche portare a errori. “La ricerca mira a differenziare l’EEG di soggetti normali dagli EEG epilettici. Inoltre, l’algoritmo sviluppato tenta di identificare i tipi di convulsioni. Il nostro lavoro è aiutare i neurologi a fare uno screening e una diagnosi automatizzati efficienti e rapidi”, ha affermato il professore. 

Secondo i ricercatori , nel loro studio, il team ha sviluppato un nuovo algoritmo che setaccia i dati EEG e identifica le firme dell’epilessia dai modelli di segnale elettrico. Dopo la formazione iniziale, l’algoritmo è stato utilizzato per rilevare se il soggetto poteva avere la malattia, in base ai modelli delle rispettive analisi, con un alto grado di accuratezza. 

Rathin K Joshi , un dottorando al DESE , afferma: “Speriamo di perfezionarlo ulteriormente testando più dati per considerare più variabilità degli EEG umani fino a raggiungere il punto in cui questo diventa completamente traslazionale e robusto”. 
Al momento, è stato depositato un brevetto per il lavoro, insieme ai medici dell’AIIMS Rishikesh che testano l’affidabilità dell’algoritmo sviluppato.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi