Uno studio unico nel suo genere mostra che l’algoritmo può prevedere la probabilità di suicidio di armi da fuoco utilizzando i dati sull’acquisto di pistole

  Un nuovo studio del Violence Prevention Research Program (VPRP) dell’UC Davis suggerisce che l’apprendimento automatico, un tipo di intelligenza artificiale, può aiutare a identificare gli acquirenti di armi ad alto rischio di suicidio. Ha anche identificato le caratteristiche individuali e comunitarie che sono predittive del suicidio con armi da fuoco. Lo studio è stato pubblicato su JAMA Network Open .

Precedenti ricerche hanno dimostrato che il rischio di suicidio è particolarmente alto subito dopo l’acquisto, suggerendo che l’acquisizione stessa è un indicatore di un elevato rischio di suicidio.

I fattori di rischio identificati dall’algoritmo come predittivi del suicidio con arma da fuoco includevano:

età avanzata
primo acquirente di armi da fuoco
razza bianca
vivere nelle immediate vicinanze del trafficante di armi
acquisto di un revolver
“ Sebbene limitare l’accesso alle armi da fuoco tra le persone a maggior rischio di suicidio rappresenti un’opportunità fondamentale per salvare vite umane, identificare accuratamente le persone a rischio rimane una sfida fondamentale. I nostri risultati suggeriscono la potenziale utilità dei registri delle pistole nell’identificazione di individui ad alto rischio per aiutare la prevenzione del suicidio”, ha affermato Hannah S. Laqueur , assistente professore presso il Dipartimento di medicina d’urgenza e autrice principale dello studio.

Nel 2020, quasi 48.000 americani sono morti per suicidio , di cui oltre 24.000 sono stati suicidi con armi da fuoco. Le armi da fuoco sono di gran lunga il metodo di suicidio più letale . L’accesso alle armi da fuoco è stato identificato come un importante fattore di rischio per il suicidio ed è un potenziale obiettivo per la prevenzione del suicidio .

Metodologia

Per vedere se un algoritmo potesse identificare gli acquirenti di armi a rischio di suicidio di armi da fuoco, i ricercatori hanno esaminato i dati di quasi cinque milioni di transazioni di armi da fuoco dal database California Dealer Record of Sale (DROS). I record, che vanno dal 1996 al 2015, rappresentavano quasi due milioni di individui. Hanno anche esaminato i dati sui suicidi con armi da fuoco dai registri dei decessi in California tra il 1996 e il 2016.

Il team ha generato 41 variabili predittive dai dati della transazione. Tra gli altri dati, i ricercatori hanno esaminato le categorie di pistole (come un revolver o una pistola semiautomatica), le dimensioni del calibro, il prezzo, il luogo in cui è stata acquistata la pistola, i precedenti acquisti di armi dell’acquirente, gli acquisti di armi, il sesso, la razza, l’etnia e l’età.

I ricercatori hanno eseguito un algoritmo di classificazione forestale casuale, in grado di generare previsioni su un’ampia gamma di dati. Hanno utilizzato i dati a livello di transazione per prevedere il suicidio dell’arma da fuoco entro un anno dall’acquisto.

Tra il 5% più ricco delle transazioni identificate come le più rischiose, quasi il 40%, ovvero 379 su 983, è stato associato a un acquirente morto per suicidio di arma da fuoco entro un anno.

Tra il numero molto piccolo di transazioni con un punteggio forestale casuale o una probabilità prevista di 0,95 e oltre, il 69%, o 24 su 35, era affiliato a un acquirente morto per suicidio di arma da fuoco entro un anno.

“La ricerca ha stabilito un’associazione chiara e forte tra l’acquisizione e la proprietà di armi da fuoco e il rischio di suicidio dell’arma da fuoco, ma questo studio contribuisce alla crescente evidenza che i metodi computazionali possono aiutare nell’identificazione di gruppi ad alto rischio e nello sviluppo di interventi mirati”, ha affermato Laqueur .

I ricercatori avvertono che il primo studio nel suo genere era in gran parte “prova di concetto”. Tuttavia, i risultati suggeriscono il potenziale dell’utilizzo dei registri delle pistole nell’identificazione di individui ad alto rischio per aiutare la prevenzione del suicidio. Hanno anche notato che molti suicidi con armi da fuoco si sono verificati tra individui classificati come “a basso rischio”, quindi sarebbero necessarie altre forme di intervento per prevenire il suicidio con armi da fuoco in questo gruppo.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi