Le banche non possono permettersi di alzare gli occhi al cielo sul metaverso 

Con le risorse virtuali già scambiate e vendute nel metaverso , c’è un’inevitabile richiesta che i servizi finanziari, in particolare le banche, garantiscano pagamenti, investimenti e transazioni sicuri per tutti i clienti. Diamo per scontate le misure di sicurezza bancarie fisiche e online, ma come si traducono queste normative e salvaguardie in un mondo virtuale?

Fortunatamente, le banche hanno una lunga storia di gestione delle frodi nei mercati reali e online. Anche le banche lungimiranti stanno già pensando al metaverso , poiché cercano di capitalizzare il potenziale non sfruttato offerto da un’esperienza cliente coinvolgente, memorabile e personalizzata. Sono già in corso programmi pilota per esperienze connesse in aree come il 3D banking e il virtual banking personalizzato. Anche le piattaforme di pagamento innovative e le organizzazioni autonome decentralizzate (DAO) si faranno strada nel metaverso, creando un’esperienza bancaria sicura e coinvolgente per la prossima generazione di clienti.

 
Perché il banking è naturale per il metaverso
A prima vista, il banking e il metaverso possono sembrare improbabili alleati. Dopotutto, il settore bancario è un settore conservatore e fortemente regolamentato. Eppure, in un certo senso, l’attività bancaria è un ovvio partecipante al metaverso, in quanto spina dorsale per transazioni virtuali sicure e protette, consentendo ad altri settori di prosperare. Fornire servizi finanziari tramite Web3, l’internet decentralizzata di proprietà di comunità di utenti e coordinata attraverso meccanismi come token e token non fungibili (NFT), è un modo naturale per soddisfare le richieste dei giovani consumatori pronti per esperienze interattive.

Considera che i millennial, che hanno aperto la strada allo sconvolgimento della finanza personale attraverso il mobile banking, ora hanno una maggiore consapevolezza del metaverso rispetto alle loro controparti più giovani. Prendono sul serio i loro soldi – il 75% afferma di lavorare con un consulente finanziario professionista – e la Generazione Z non è da meno. Tra le persone di età compresa tra i 18 ei 24 anni, il 70% controlla le proprie finanze quotidianamente . È probabile che seguano “fin-fluencer” su piattaforme come Discord, Reddit e Instagram. Inoltre, il 41% percento ha cercato consulenza finanziaria su TikTok. (Sì, “FinTok” è reale.)

 

Ma è la prossima generazione di clienti a cui le banche dovrebbero prepararsi. Generation Alpha è l’ultimo membro del nucleo familiare, i figli dei millennial e i fratelli della Gen Z. I membri più anziani della Gen Alpha sono nati nel 2010, lo stesso anno dell’iPad, e sono la prima generazione nata interamente entro il 21° secolo. Per gli under 12, è possibile che tutte le operazioni bancarie si svolgano in mondi virtuali.

 
Il metaverso è un’inevitabilità ed è essenziale per le banche preparare le basi e le capacità per essere pronte quando alla fine esploderà nella realtà. La buona notizia per i fornitori di servizi di pagamento e le banche al dettaglio e commerciali è che ci sono pochissimi ostacoli che impediscono loro di prepararsi al metaverse. Costruendo l’infrastruttura per supportare una visione olistica dei conti dei clienti (sia flat che digitali), le banche possono preparare le loro organizzazioni per le esperienze connesse e coinvolgenti che i clienti cercheranno. L’integrazione tra risorse digitali e finanza tradizionale è al centro della capacità delle banche di attingere a nuovi mercati e clienti e sta prendendo piede sia tra i giovani consumatori che tra le istituzioni.

Un americano su cinque ha investito, scambiato o utilizzato risorse digitali. Più consumatori di età compresa tra 13 e 39 anni hanno investito in criptovalute e NFT che in azioni. E Wells Fargo ha sottolineato in una recente nota che mentre il ruolo delle criptovalute nell’ecosistema finanziario è ancora in discussione, l’adozione su larga scala di prodotti cripto e blockchain è in corso in alcune delle più grandi istituzioni globali. All’interno delle infrastrutture IT e di processo delle banche, l’integrazione è un modo sicuro per iniziare a sfruttare nuovi mercati e aprire le porte all’esperienza connessa che i consumatori stanno cercando. Con l’integrazione, le banche e i loro clienti fanno un altro passo avanti dalle filiali fisiche e dall’online banking 2D e si avvicinano al virtual banking personalizzato che si connette uno a uno.

Molto rimane sconosciuto su come si evolveranno i mondi virtuali. Eppure, nonostante l’inflazione globale e la stretta monetaria negli Stati Uniti, l’integrazione tra valuta digitale e finanza tradizionale continua a crescere. Le banche dei consumatori devono agire ora per sfruttare il metaverso per offrire ai clienti giovani e futuri l’esperienza personalizzata e coinvolgente che desiderano.

Chander Damodaran è CTO di Brillio .

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi